Discussione:
L’ossessione del complotto E se non c’è, è un complotto
(troppo vecchio per rispondere)
ernesto
2021-09-21 17:44:48 UTC
Permalink
L’ossessione del complotto
E se non c’è, è un complotto

UNA MANIA NATA CON L’UOMO CHE NEGLI ULTIMI ANNI STA DIVENTANDO INARRESTABILE

È capitato a tutti di sentirne più d’una. Gli americani non sono mai sbarcati sulla luna. Il traffico di droga internazionale è controllato dalla CIA. Lady Diana è stata assassinata. Gli attentati dell’11 settembre alle torri gemelle e a Strasburgo sono stati organizzati rispettivamente dai governi americano e francese. E ancora, le scie bianche lasciate dagli aerei sono sostanze chimiche diffuse nel cielo per ragioni tenute segrete. Esiste un complotto sionista a scala mondiale.

Lo Stato e le case farmaceutiche nascondono la pericolosità dei vaccini. Il riscaldamento climatico è una tesi inventata da politici e scienziati per servire i loro propri interessi. E l’elenco potrebbe continuare ancora a lungo. Sono solo alcune delle teorie cospirazioniste di cui è più frequente sentir parlare.

Forse ci aveva visto giusto Karl Popper che nel suo ‘La società aperta e i suoi nemici’ parla dell’ossessione per il complotto come di una cosa nata con la nascita stessa dell’essere umano, e definendola una teoria cospirativa della società che risiede nella convinzione che la spiegazione di un fenomeno sociale consista nella scoperta degli uomini o dei gruppi che sono interessati al verificarsi di quel fatto e che hanno progettato o congiurato per promuoverlo.
Ponendo in questo modo anche le basi per un’interpretazione della perdita di fascino della scienza e della ricerca che sembra aver colpito anche la nostra società.

Ma da cosa nasce questa idea del complotto? E perché è così facile che prenda piede? Intanto va osservato come, nonostante le condizioni di benessere generale nella società contemporanea siano – in gran parte del mondo – di gran lunga superiori a quelle solo immaginate in epoche precedenti, oggi uno dei sentimenti maggiormente avvertiti a livello collettivo sia in realtà quello dell’insicurezza, frutto di un patchwork di fattori che alimentano paure di ogni tipo.

A ciò si aggiunge una crisi dei fondamenti scientifici partita dalla fine del IXX secolo, dovuta in gran parte all’abbandono delle ambizioni di perfetta neutralità dell’osservatore nel processo di conoscenza e, contestualmente, alla presa d’atto dell’impossibilità di restituzione di fatti certi e oggettivi a scapito di più modeste affermazioni caratterizzate da indeterminazione, probabilità e relatività. Siamo insomma difronte ad una sorta di paradosso della modernità: l’equazione con la quale veniva postulata una relazione di proporzionalità diretta tra conoscenza e certezza, viene invece a inficiare i risultati proprio al crescere dee percorsi di conoscenza.

Una iattura, per certi punti di vista (o una luce che dovrebbe accendersi in molte menti, ma questo è un altro discorso). Il mix di queste due macro-situazioni – l’insicurezza e le conseguenti paure da un lato, la perdita di autorevolezza da parte della scienza dall’altro – costituiscono le basi di quella che molto efficacemente Ulrich Beck ha definito “società del rischio”. Allora, è forse proprio in questo scenario complessivo caratterizzato da un’assenza di solidi ancoraggi di senso che proliferano spiegazioni alternative finalizzate alla comprensione di una realtà percepita, con timore, fuori controllo. Dove non arriva la razionalità forse possono risolvere magiche elucubrazioni onnicomprensive, rassicuranti a modo loro.

È questo, in sintesi, il brodo primordiale, quel grande background emotivo nel quale si alimenta – per far fronte alla paura e all’insicurezza che generano angoscia – ogni sorta di cospirazione o di complotto possibile e immaginabile. Alla base del complottismo, insomma, c’è sempre il convincimento che le cose non siano quelle che scaturiscono dalle narrazioni ufficiali. Anzi. È radicata l’idea che esista un’élite, ristretta ma con ramificazioni capillari in tutti i livelli della società e in tutto il globo, che controlla le istituzioni per mantenere saldo il potere nelle sue mani, fabbricando di volta in volta narrazioni per la gente comune in modo che non colga le reali intenzioni né
tantomeno sospetti della sua stessa esistenza.

L’impressione è che le spiegazioni più evidenti di fatti sociali a qualcuno paiano non essere soddisfacenti; e molto spesso la ragione sta nel fatto che accettarle faccia, in qualche modo, male.

Ma ci sono elementi comuni nelle persone che fanno più spesso uso della categoria del complottismo per spiegare a modo loro alcuni fatti che accadono? Intanto va considerato che i sostenitori delle teorie del complotto sono in aumento, e costituiscono una comunità alquanto eterogenea (almeno dal punto di vista delle classiche variabili utilizzate nella ricerca sociale). Una recente indagine su un campione della popolazione francese ha messo in luce alcune caratteristiche volte alla possibile definizione di una sorta di idealtipo di complottista: ma se si esclude una maggiore (comprensibile) propensione da parte di chi ha titolo di studio più basso e una tendenza a subire meno il fascino del complottismo al crescere dell’età, non ci sono molte altre certezze. Anzi.

In un’altra ricerca, questa volta riguardante 8 diversi Paesi fra i quali anche Usa e Gran Bretagna, mostra un’interessante relazione fra credenze ai fenomeni
soprannaturali e teorie del complotto. I più permeabili alle teorie cospirazioniste sono nella maggioranza dei casi gli stessi che credono che si possa parlare con i morti o che pensano che esistano veggenti, persone in grado di predire l’avvenire. Sono anche quelli più inclini a credere nell’astrologia.

L’esistenza della relazione fra credere in spiegazioni non razionali e teorie del complotto è peraltro confermata dai ricercatori del progetto Conspiracy, che è finanziato dall’Agenzia Nazionale della Ricerca francese. I sostenitori delle teorie del complotto costituiscono quindi un gruppo sociale eterogeneo, pur con alcune caratteristiche di omogeneità; sono in aumento, e la loro esistenza è una risposta spontanea in qualche modo non controllata a progressive lacune di carattere comunitario, economico e culturale.

Ma c’è di più: qualche ricercatore azzarda l’ipotesi che alla base della tendenza a spiegare gli eventi sociali e storici in termini di segreti e cospirazioni malevole, vi sia una mentalità teleologica, cioè l’idea che sia necessario attribuire un fine ultimo a tutti gli eventi e alle entità naturali. Insomma, quello che a tutti gli effetti è oramai un vuoto istituzionale, genera risposte praticamente del tutto prevedibili, con conseguenze spesso poco entusiasmanti; una risposta incontrollata a un disagio percepito. Il fenomeno non è un compartimento stagno, tutt’altro; risulta essere organico a una frattura molto più marcata, i cui contorni sono sfumati e hanno a che fare con un malessere sociale generalizzato (perché frutto di situazioni anche molto diverse fra loro). Il complottista si sente tale per differenziarsi, non sentendosi organico nella società, e quindi il suo è a tutti gli effetti un tentativo di ricollocamento in un contesto sociale che, finalmente, lo accolga.

Ma dove sta il pericolo in comportamenti di questo tipo?

Perché il complottismo, in definitiva, può far male? I complottisti non sono pericolosi perché mettono in dubbio. Il dubbio è il fondamento di ogni epistemologia scientifica, e la scienza stessa ha elaborato i propri anticorpi proprio grazie alla falsificazione, al trial & error, e così via. Il vero problema dei complottisti è che mettono in dubbio tutto, disordinatamente, senza metodo né competenze, con un conseguente crollo verticale e inarrestabile di ogni ordine di certezze e autorevolezza. Sullo sfondo, l’etica di una propensione allo sfascio che non lascia spazio ad alcuna ipotesi alternativa di costruzione di solidità.

Alla base di tutto ciò, un vizio di fondo della società contemporanea a forte caratterizzazione liberista, che non solo ha alimentato in maniera indiscriminata un’ideologia del narcisismo barattandola con la realizzazione personale ed esistenziale ma anche ha giustificato un modus vivendi fondato sul vittimismo, spesso unica modalità per sentirsi parte di qualcosa di chiaro, definito, incrollabile. In assenza del quale ci si situa, appunto, in narrazioni differenti, nelle quali tornare a sentirsi qualcuno. Ovviamente, la cultura del narcisismo non è necessariamente l’unica strada possibile per l’autorealizzazione.

I modelli culturali narcisistici vanno compresi e ridimensionati. Per farlo c’è bisogno della proposizione di modelli alternativi e la risposta migliore a una ideologia imperante dell’individualismo non può che essere quella di una cultura dell’alterità. Che il complottismo fosse un fenomeno radicato e molto pericoloso per l’umanità tutta lo aveva capito, da tempo, anche un pensatore fra i più lucidi, Umberto Eco. Nel 2015, un anno prima di lasciarci, aveva tenuto una lectio magistralis all’Università degli Studi di Torino dal titolo ‘Conclusioni sul complotto: da Popper a Dan Brown’. Filosofia della scienza e letteratura assieme, a sostegno di una ricerca di risposte ad uno degli aspetti più controversi della complessità sociale.

La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.
Guarda anche
Le tute da ginnastica bambino e bambina, scopri tutte le colorazio...
Decathlon
le persone che leggono questo diventano ricche!
wallstreet magazin
Una coppia di Roma ha scoperto un trucco furbo per guadagni enormi
business is the future
Questo metodo allevia il dolore alle ginocchia, alla schiena e al ...
Rompere il sale nelle articolazioni
1 cerotto = -1600 calorie ogni 24 h. Ora -60% >>
Slim
È geniale: gli italiani possono avere più soldi nel portafoglio
risparmiodigasedelettricita
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Fate questo prima di dormire e pеrderete 50 kg in 6 settimаne!
Perdere peso senza dieta
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Finanzia la tua azienda con il Factoring Digitale di illimity
Illimity
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Sponsorizzato da Nativery





59 shares

Facebook59
Tweet
LinkedIn
Email

Print

Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram
Messenger
Skype
Copy Link
PrintFriendly
Condividi

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA
Sezioni
Food&Wine (11)Puglia (132)Nazionale (772)L'Altravoce dell'Italia (8029)Campania (10440)Basilicata (13488)Archivio (37529)Calabria (40179)
Cerca nell’Archivio






Ultimi articoli
VIDEO – Elezioni regionali, l’emozione di Giuseppe Conte a Catanzaro: «Ora riprendiamoci le nostre vite»
Comunali a Cosenza, 8 domande per 8 candidati: Fabio Gallo
Bari, arrestato per furto il fratellastro di Antonio Cassano: lo ha tradito un tatuaggio
Archivio articoli

Settembre 2021
Agosto 2021
Luglio 2021
Giugno 2021
Maggio 2021

Articolo Sponsorizzato (38) Capitale Umano e Creatività (232) Consultazione Online (13) Cronache (39571) Economia (2186) Gli Editoriali (859) Il dibattito e le idee (323) Il Palazzo (641) I Nord e i Sud del Mondo (267) L'Altravoce dei Ventenni (318) L'Altravoce del Lunedì (14) L'Intervista (146) L'Italia Rovesciata (630) La Bacheca delle Offerte (3) La Card di Buttafuoco (573) La Sfogliatella di Marassi (539) Le due Italie (2119) Lettere (46) Mimì (427) Nazionale (28) Opinioni (386) Politica (6752) Regole e Diritti (51) Rubriche (107) Società e Cultura (6615) Spettacoli (3260) Sport (5347)
we...@libero.it
2021-09-22 03:37:25 UTC
Permalink
Post by ernesto
L’ossessione del complotto
E se non c’è, è un complotto
UNA MANIA NATA CON L’UOMO CHE NEGLI ULTIMI ANNI STA DIVENTANDO INARRESTABILE
È capitato a tutti di sentirne più d’una. Gli americani non sono mai sbarcati sulla luna. Il traffico di droga internazionale è controllato dalla CIA. Lady Diana è stata assassinata. Gli attentati dell’11 settembre alle torri gemelle e a Strasburgo sono stati organizzati rispettivamente dai governi americano e francese. E ancora, le scie bianche lasciate dagli aerei sono sostanze chimiche diffuse nel cielo per ragioni tenute segrete. Esiste un complotto sionista a scala mondiale.
Lo Stato e le case farmaceutiche nascondono la pericolosità dei vaccini. Il riscaldamento climatico è una tesi inventata da politici e scienziati per servire i loro propri interessi. E l’elenco potrebbe continuare ancora a lungo. Sono solo alcune delle teorie cospirazioniste di cui è più frequente sentir parlare.
Forse ci aveva visto giusto Karl Popper che nel suo ‘La società aperta e i suoi nemici’ parla dell’ossessione per il complotto come di una cosa nata con la nascita stessa dell’essere umano, e definendola una teoria cospirativa della società che risiede nella convinzione che la spiegazione di un fenomeno sociale consista nella scoperta degli uomini o dei gruppi che sono interessati al verificarsi di quel fatto e che hanno progettato o congiurato per promuoverlo.
Ponendo in questo modo anche le basi per un’interpretazione della perdita di fascino della scienza e della ricerca che sembra aver colpito anche la nostra società.
Ma da cosa nasce questa idea del complotto? E perché è così facile che prenda piede? Intanto va osservato come, nonostante le condizioni di benessere generale nella società contemporanea siano – in gran parte del mondo – di gran lunga superiori a quelle solo immaginate in epoche precedenti, oggi uno dei sentimenti maggiormente avvertiti a livello collettivo sia in realtà quello dell’insicurezza, frutto di un patchwork di fattori che alimentano paure di ogni tipo.
A ciò si aggiunge una crisi dei fondamenti scientifici partita dalla fine del IXX secolo, dovuta in gran parte all’abbandono delle ambizioni di perfetta neutralità dell’osservatore nel processo di conoscenza e, contestualmente, alla presa d’atto dell’impossibilità di restituzione di fatti certi e oggettivi a scapito di più modeste affermazioni caratterizzate da indeterminazione, probabilità e relatività. Siamo insomma difronte ad una sorta di paradosso della modernità: l’equazione con la quale veniva postulata una relazione di proporzionalità diretta tra conoscenza e certezza, viene invece a inficiare i risultati proprio al crescere dee percorsi di conoscenza.
Una iattura, per certi punti di vista (o una luce che dovrebbe accendersi in molte menti, ma questo è un altro discorso). Il mix di queste due macro-situazioni – l’insicurezza e le conseguenti paure da un lato, la perdita di autorevolezza da parte della scienza dall’altro – costituiscono le basi di quella che molto efficacemente Ulrich Beck ha definito “società del rischio”. Allora, è forse proprio in questo scenario complessivo caratterizzato da un’assenza di solidi ancoraggi di senso che proliferano spiegazioni alternative finalizzate alla comprensione di una realtà percepita, con timore, fuori controllo. Dove non arriva la razionalità forse possono risolvere magiche elucubrazioni onnicomprensive, rassicuranti a modo loro.
È questo, in sintesi, il brodo primordiale, quel grande background emotivo nel quale si alimenta – per far fronte alla paura e all’insicurezza che generano angoscia – ogni sorta di cospirazione o di complotto possibile e immaginabile. Alla base del complottismo, insomma, c’è sempre il convincimento che le cose non siano quelle che scaturiscono dalle narrazioni ufficiali. Anzi. È radicata l’idea che esista un’élite, ristretta ma con ramificazioni capillari in tutti i livelli della società e in tutto il globo, che controlla le istituzioni per mantenere saldo il potere nelle sue mani, fabbricando di volta in volta narrazioni per la gente comune in modo che non colga le reali intenzioni né
tantomeno sospetti della sua stessa esistenza.
L’impressione è che le spiegazioni più evidenti di fatti sociali a qualcuno paiano non essere soddisfacenti; e molto spesso la ragione sta nel fatto che accettarle faccia, in qualche modo, male.
Ma ci sono elementi comuni nelle persone che fanno più spesso uso della categoria del complottismo per spiegare a modo loro alcuni fatti che accadono? Intanto va considerato che i sostenitori delle teorie del complotto sono in aumento, e costituiscono una comunità alquanto eterogenea (almeno dal punto di vista delle classiche variabili utilizzate nella ricerca sociale). Una recente indagine su un campione della popolazione francese ha messo in luce alcune caratteristiche volte alla possibile definizione di una sorta di idealtipo di complottista: ma se si esclude una maggiore (comprensibile) propensione da parte di chi ha titolo di studio più basso e una tendenza a subire meno il fascino del complottismo al crescere dell’età, non ci sono molte altre certezze. Anzi.
In un’altra ricerca, questa volta riguardante 8 diversi Paesi fra i quali anche Usa e Gran Bretagna, mostra un’interessante relazione fra credenze ai fenomeni
soprannaturali e teorie del complotto. I più permeabili alle teorie cospirazioniste sono nella maggioranza dei casi gli stessi che credono che si possa parlare con i morti o che pensano che esistano veggenti, persone in grado di predire l’avvenire. Sono anche quelli più inclini a credere nell’astrologia.
L’esistenza della relazione fra credere in spiegazioni non razionali e teorie del complotto è peraltro confermata dai ricercatori del progetto Conspiracy, che è finanziato dall’Agenzia Nazionale della Ricerca francese. I sostenitori delle teorie del complotto costituiscono quindi un gruppo sociale eterogeneo, pur con alcune caratteristiche di omogeneità; sono in aumento, e la loro esistenza è una risposta spontanea in qualche modo non controllata a progressive lacune di carattere comunitario, economico e culturale.
Ma c’è di più: qualche ricercatore azzarda l’ipotesi che alla base della tendenza a spiegare gli eventi sociali e storici in termini di segreti e cospirazioni malevole, vi sia una mentalità teleologica, cioè l’idea che sia necessario attribuire un fine ultimo a tutti gli eventi e alle entità naturali. Insomma, quello che a tutti gli effetti è oramai un vuoto istituzionale, genera risposte praticamente del tutto prevedibili, con conseguenze spesso poco entusiasmanti; una risposta incontrollata a un disagio percepito. Il fenomeno non è un compartimento stagno, tutt’altro; risulta essere organico a una frattura molto più marcata, i cui contorni sono sfumati e hanno a che fare con un malessere sociale generalizzato (perché frutto di situazioni anche molto diverse fra loro). Il complottista si sente tale per differenziarsi, non sentendosi organico nella società, e quindi il suo è a tutti gli effetti un tentativo di ricollocamento in un contesto sociale che, finalmente, lo accolga.
Ma dove sta il pericolo in comportamenti di questo tipo?
Perché il complottismo, in definitiva, può far male? I complottisti non sono pericolosi perché mettono in dubbio. Il dubbio è il fondamento di ogni epistemologia scientifica, e la scienza stessa ha elaborato i propri anticorpi proprio grazie alla falsificazione, al trial & error, e così via. Il vero problema dei complottisti è che mettono in dubbio tutto, disordinatamente, senza metodo né competenze, con un conseguente crollo verticale e inarrestabile di ogni ordine di certezze e autorevolezza. Sullo sfondo, l’etica di una propensione allo sfascio che non lascia spazio ad alcuna ipotesi alternativa di costruzione di solidità.
Alla base di tutto ciò, un vizio di fondo della società contemporanea a forte caratterizzazione liberista, che non solo ha alimentato in maniera indiscriminata un’ideologia del narcisismo barattandola con la realizzazione personale ed esistenziale ma anche ha giustificato un modus vivendi fondato sul vittimismo, spesso unica modalità per sentirsi parte di qualcosa di chiaro, definito, incrollabile. In assenza del quale ci si situa, appunto, in narrazioni differenti, nelle quali tornare a sentirsi qualcuno. Ovviamente, la cultura del narcisismo non è necessariamente l’unica strada possibile per l’autorealizzazione.
I modelli culturali narcisistici vanno compresi e ridimensionati. Per farlo c’è bisogno della proposizione di modelli alternativi e la risposta migliore a una ideologia imperante dell’individualismo non può che essere quella di una cultura dell’alterità. Che il complottismo fosse un fenomeno radicato e molto pericoloso per l’umanità tutta lo aveva capito, da tempo, anche un pensatore fra i più lucidi, Umberto Eco. Nel 2015, un anno prima di lasciarci, aveva tenuto una lectio magistralis all’Università degli Studi di Torino dal titolo ‘Conclusioni sul complotto: da Popper a Dan Brown’. Filosofia della scienza e letteratura assieme, a sostegno di una ricerca di risposte ad uno degli aspetti più controversi della complessità sociale.
La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.
Guarda anche
Le tute da ginnastica bambino e bambina, scopri tutte le colorazio...
Decathlon
le persone che leggono questo diventano ricche!
wallstreet magazin
Una coppia di Roma ha scoperto un trucco furbo per guadagni enormi
business is the future
Questo metodo allevia il dolore alle ginocchia, alla schiena e al ...
Rompere il sale nelle articolazioni
1 cerotto = -1600 calorie ogni 24 h. Ora -60% >>
Slim
È geniale: gli italiani possono avere più soldi nel portafoglio
risparmiodigasedelettricita
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Fate questo prima di dormire e pеrderete 50 kg in 6 settimаne!
Perdere peso senza dieta
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Finanzia la tua azienda con il Factoring Digitale di illimity
Illimity
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Sponsorizzato da Nativery
59 shares
Facebook59
Tweet
LinkedIn
Email
Print
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram
Messenger
Skype
Copy Link
PrintFriendly
Condividi
COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA
Sezioni
Food&Wine (11)Puglia (132)Nazionale (772)L'Altravoce dell'Italia (8029)Campania (10440)Basilicata (13488)Archivio (37529)Calabria (40179)
Cerca nell’Archivio
Ultimi articoli
VIDEO – Elezioni regionali, l’emozione di Giuseppe Conte a Catanzaro: «Ora riprendiamoci le nostre vite»
Comunali a Cosenza, 8 domande per 8 candidati: Fabio Gallo
Bari, arrestato per furto il fratellastro di Antonio Cassano: lo ha tradito un tatuaggio
Archivio articoli
Settembre 2021
Agosto 2021
Luglio 2021
Giugno 2021
Maggio 2021
Articolo Sponsorizzato (38) Capitale Umano e Creatività (232) Consultazione Online (13) Cronache (39571) Economia (2186) Gli Editoriali (859) Il dibattito e le idee (323) Il Palazzo (641) I Nord e i Sud del Mondo (267) L'Altravoce dei Ventenni (318) L'Altravoce del Lunedì (14) L'Intervista (146) L'Italia Rovesciata (630) La Bacheca delle Offerte (3) La Card di Buttafuoco (573) La Sfogliatella di Marassi (539) Le due Italie (2119) Lettere (46) Mimì (427) Nazionale (28) Opinioni (386) Politica (6752) Regole e Diritti (51) Rubriche (107) Società e Cultura (6615) Spettacoli (3260) Sport (5347)
Il problema nasce dall'ignoranza, dal non leggere molto su argomenti scientifici e dalla scarsa capacità di pensare in modo logico. Personalmente ho fiducia nella medicina perchè faccio il paragone a quando la vita media era di 45 anni e adesso con i vaccini si arriva tranquillamente a 80. Io stesso sarei morto se non ci fosse stata la penicillina. In quanto ad andare sulla Luna ... credo che fosse stato più facile andare davvero sulla Luna (in fondo è a quattro passi) che montare una finzione cinematografica.
Baizza
2021-09-22 10:35:54 UTC
Permalink
Post by ***@libero.it
Post by ernesto
L’ossessione del complotto
E se non c’è, è un complotto
UNA MANIA NATA CON L’UOMO CHE NEGLI ULTIMI ANNI STA DIVENTANDO INARRESTABILE
È capitato a tutti di sentirne più d’una. Gli americani non sono mai
sbarcati sulla luna. Il traffico di droga internazionale è controllato dalla
CIA. Lady Diana è stata assassinata. Gli attentati dell’11 settembre alle
torri gemelle e a Strasburgo sono stati organizzati rispettivamente dai
governi americano e francese. E ancora, le scie bianche lasciate dagli aerei
sono sostanze chimiche diffuse nel cielo per ragioni tenute segrete. Esiste
un complotto sionista a scala mondiale.
Lo Stato e le case farmaceutiche nascondono la pericolosità dei vaccini. Il
riscaldamento climatico è una tesi inventata da politici e scienziati per
servire i loro propri interessi. E l’elenco potrebbe continuare ancora a
lungo. Sono solo alcune delle teorie cospirazioniste di cui è più frequente
sentir parlare.
Forse ci aveva visto giusto Karl Popper che nel suo ‘La società aperta e i
suoi nemici’ parla dell’ossessione per il complotto come di una cosa nata
con la nascita stessa dell’essere umano, e definendola una teoria
cospirativa della società che risiede nella convinzione che la spiegazione
di un fenomeno sociale consista nella scoperta degli uomini o dei gruppi che
sono interessati al verificarsi di quel fatto e che hanno progettato o
congiurato per promuoverlo. Ponendo in questo modo anche le basi per
un’interpretazione della perdita di fascino della scienza e della ricerca
che sembra aver colpito anche la nostra società.
Ma da cosa nasce questa idea del complotto? E perché è così facile che
prenda piede? Intanto va osservato come, nonostante le condizioni di
benessere generale nella società contemporanea siano – in gran parte del
mondo – di gran lunga superiori a quelle solo immaginate in epoche
precedenti, oggi uno dei sentimenti maggiormente avvertiti a livello
collettivo sia in realtà quello dell’insicurezza, frutto di un patchwork di
fattori che alimentano paure di ogni tipo.
A ciò si aggiunge una crisi dei fondamenti scientifici partita dalla fine
del IXX secolo, dovuta in gran parte all’abbandono delle ambizioni di
perfetta neutralità dell’osservatore nel processo di conoscenza e,
contestualmente, alla presa d’atto dell’impossibilità di restituzione di
fatti certi e oggettivi a scapito di più modeste affermazioni caratterizzate
da indeterminazione, probabilità e relatività. Siamo insomma difronte ad una
sorta di paradosso della modernità: l’equazione con la quale veniva
postulata una relazione di proporzionalità diretta tra conoscenza e
certezza, viene invece a inficiare i risultati proprio al crescere dee
percorsi di conoscenza.
Una iattura, per certi punti di vista (o una luce che dovrebbe accendersi in
molte menti, ma questo è un altro discorso). Il mix di queste due
macro-situazioni – l’insicurezza e le conseguenti paure da un lato, la
perdita di autorevolezza da parte della scienza dall’altro – costituiscono
le basi di quella che molto efficacemente Ulrich Beck ha definito “società
del rischio”. Allora, è forse proprio in questo scenario complessivo
caratterizzato da un’assenza di solidi ancoraggi di senso che proliferano
spiegazioni alternative finalizzate alla comprensione di una realtà
percepita, con timore, fuori controllo. Dove non arriva la razionalità forse
possono risolvere magiche elucubrazioni onnicomprensive, rassicuranti a modo
loro.
È questo, in sintesi, il brodo primordiale, quel grande background emotivo
nel quale si alimenta – per far fronte alla paura e all’insicurezza che
generano angoscia – ogni sorta di cospirazione o di complotto possibile e
immaginabile. Alla base del complottismo, insomma, c’è sempre il
convincimento che le cose non siano quelle che scaturiscono dalle narrazioni
ufficiali. Anzi. È radicata l’idea che esista un’élite, ristretta ma con
ramificazioni capillari in tutti i livelli della società e in tutto il
globo, che controlla le istituzioni per mantenere saldo il potere nelle sue
mani, fabbricando di volta in volta narrazioni per la gente comune in modo
che non colga le reali intenzioni né tantomeno sospetti della sua stessa
esistenza.
L’impressione è che le spiegazioni più evidenti di fatti sociali a qualcuno
paiano non essere soddisfacenti; e molto spesso la ragione sta nel fatto che
accettarle faccia, in qualche modo, male.
Ma ci sono elementi comuni nelle persone che fanno più spesso uso della
categoria del complottismo per spiegare a modo loro alcuni fatti che
accadono? Intanto va considerato che i sostenitori delle teorie del
complotto sono in aumento, e costituiscono una comunità alquanto eterogenea
(almeno dal punto di vista delle classiche variabili utilizzate nella
ricerca sociale). Una recente indagine su un campione della popolazione
francese ha messo in luce alcune caratteristiche volte alla possibile
definizione di una sorta di idealtipo di complottista: ma se si esclude una
maggiore (comprensibile) propensione da parte di chi ha titolo di studio più
basso e una tendenza a subire meno il fascino del complottismo al crescere
dell’età, non ci sono molte altre certezze. Anzi.
In un’altra ricerca, questa volta riguardante 8 diversi Paesi fra i quali
anche Usa e Gran Bretagna, mostra un’interessante relazione fra credenze ai
fenomeni soprannaturali e teorie del complotto. I più permeabili alle
teorie cospirazioniste sono nella maggioranza dei casi gli stessi che
credono che si possa parlare con i morti o che pensano che esistano
veggenti, persone in grado di predire l’avvenire. Sono anche quelli più
inclini a credere nell’astrologia.
L’esistenza della relazione fra credere in spiegazioni non razionali e
teorie del complotto è peraltro confermata dai ricercatori del progetto
Conspiracy, che è finanziato dall’Agenzia Nazionale della Ricerca francese.
I sostenitori delle teorie del complotto costituiscono quindi un gruppo
sociale eterogeneo, pur con alcune caratteristiche di omogeneità; sono in
aumento, e la loro esistenza è una risposta spontanea in qualche modo non
controllata a progressive lacune di carattere comunitario, economico e
culturale.
Ma c’è di più: qualche ricercatore azzarda l’ipotesi che alla base della
tendenza a spiegare gli eventi sociali e storici in termini di segreti e
cospirazioni malevole, vi sia una mentalità teleologica, cioè l’idea che sia
necessario attribuire un fine ultimo a tutti gli eventi e alle entità
naturali. Insomma, quello che a tutti gli effetti è oramai un vuoto
istituzionale, genera risposte praticamente del tutto prevedibili, con
conseguenze spesso poco entusiasmanti; una risposta incontrollata a un
disagio percepito. Il fenomeno non è un compartimento stagno, tutt’altro;
risulta essere organico a una frattura molto più marcata, i cui contorni
sono sfumati e hanno a che fare con un malessere sociale generalizzato
(perché frutto di situazioni anche molto diverse fra loro). Il complottista
si sente tale per differenziarsi, non sentendosi organico nella società, e
quindi il suo è a tutti gli effetti un tentativo di ricollocamento in un
contesto sociale che, finalmente, lo accolga.
Ma dove sta il pericolo in comportamenti di questo tipo?
Perché il complottismo, in definitiva, può far male? I complottisti non sono
pericolosi perché mettono in dubbio. Il dubbio è il fondamento di ogni
epistemologia scientifica, e la scienza stessa ha elaborato i propri
anticorpi proprio grazie alla falsificazione, al trial & error, e così via.
Il vero problema dei complottisti è che mettono in dubbio tutto,
disordinatamente, senza metodo né competenze, con un conseguente crollo
verticale e inarrestabile di ogni ordine di certezze e autorevolezza. Sullo
sfondo, l’etica di una propensione allo sfascio che non lascia spazio ad
alcuna ipotesi alternativa di costruzione di solidità.
Alla base di tutto ciò, un vizio di fondo della società contemporanea a
forte caratterizzazione liberista, che non solo ha alimentato in maniera
indiscriminata un’ideologia del narcisismo barattandola con la realizzazione
personale ed esistenziale ma anche ha giustificato un modus vivendi fondato
sul vittimismo, spesso unica modalità per sentirsi parte di qualcosa di
chiaro, definito, incrollabile. In assenza del quale ci si situa, appunto,
in narrazioni differenti, nelle quali tornare a sentirsi qualcuno.
Ovviamente, la cultura del narcisismo non è necessariamente l’unica strada
possibile per l’autorealizzazione.
I modelli culturali narcisistici vanno compresi e ridimensionati. Per farlo
c’è bisogno della proposizione di modelli alternativi e la risposta migliore
a una ideologia imperante dell’individualismo non può che essere quella di
una cultura dell’alterità. Che il complottismo fosse un fenomeno radicato e
molto pericoloso per l’umanità tutta lo aveva capito, da tempo, anche un
pensatore fra i più lucidi, Umberto Eco. Nel 2015, un anno prima di
lasciarci, aveva tenuto una lectio magistralis all’Università degli Studi di
Torino dal titolo ‘Conclusioni sul complotto: da Popper a Dan Brown’.
Filosofia della scienza e letteratura assieme, a sostegno di una ricerca di
risposte ad uno degli aspetti più controversi della complessità sociale.
La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno,
dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di
lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di
competenza possibili. Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e
che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama
libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera
è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma
conosce e adempie ai suoi doveri. Contiamo su di voi per preservare questa
voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera
dell’Italia riunita. ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI. Guarda
anche Le tute da ginnastica bambino e bambina, scopri tutte le colorazio...
Decathlon le persone che leggono questo diventano ricche! wallstreet
magazin Una coppia di Roma ha scoperto un trucco furbo per guadagni enormi
business is the future Questo metodo allevia il dolore alle ginocchia, alla
schiena e al ... Rompere il sale nelle articolazioni 1 cerotto = -1600
calorie ogni 24 h. Ora -60% >> Slim È geniale: gli italiani possono avere
più soldi nel portafoglio risparmiodigasedelettricita
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Fate questo prima di dormire e pеrderete 50 kg in 6 settimаne!
Perdere peso senza dieta
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Finanzia la tua azienda con il Factoring Digitale di illimity
Illimity
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Sponsorizzato da Nativery
59 shares
Facebook59
Tweet
LinkedIn
Email
Print
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram
Messenger
Skype
Copy Link
PrintFriendly
Condividi
COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA
Sezioni
Food&Wine (11)Puglia (132)Nazionale (772)L'Altravoce dell'Italia
(8029)Campania (10440)Basilicata (13488)Archivio (37529)Calabria (40179)
Cerca nell’Archivio
Ultimi articoli
VIDEO – Elezioni regionali, l’emozione di Giuseppe Conte a Catanzaro: «Ora
riprendiamoci le nostre vite» Comunali a Cosenza, 8 domande per 8
candidati: Fabio Gallo Bari, arrestato per furto il fratellastro di Antonio
Cassano: lo ha tradito un tatuaggio Archivio articoli
Settembre 2021
Agosto 2021
Luglio 2021
Giugno 2021
Maggio 2021
Articolo Sponsorizzato (38) Capitale Umano e Creatività (232) Consultazione
Online (13) Cronache (39571) Economia (2186) Gli Editoriali (859) Il
dibattito e le idee (323) Il Palazzo (641) I Nord e i Sud del Mondo (267)
L'Altravoce dei Ventenni (318) L'Altravoce del Lunedì (14) L'Intervista
(146) L'Italia Rovesciata (630) La Bacheca delle Offerte (3) La Card di
Buttafuoco (573) La Sfogliatella di Marassi (539) Le due Italie (2119)
Lettere (46) Mimì (427) Nazionale (28) Opinioni (386) Politica (6752) Regole
e Diritti (51) Rubriche (107) Società e Cultura (6615) Spettacoli (3260)
Sport (5347)
Il problema nasce dall'ignoranza, dal non leggere molto su argomenti
scientifici e dalla scarsa capacità di pensare in modo logico. Personalmente
ho fiducia nella medicina perchè faccio il paragone a quando la vita media
era di 45 anni e adesso con i vaccini si arriva tranquillamente a 80. Io
stesso sarei morto se non ci fosse stata la penicillina. In quanto ad andare
sulla Luna ... credo che fosse stato più facile andare davvero sulla Luna (in
fondo è a quattro passi) che montare una finzione cinematografica.
Viaggiavo per il cimitero del paesino, tombe del 1930, 1910, eta' 80/90
anni di media, come oggi, anzi oggi meno causa incidenti e cancro.

La media generale era bassa perche' i bambini morivano di pochi mesi,
cause varie, e i vaccinni centrano un cazzo, veramente.
Anche quelli morti sul Carso abassavano la media.

In terronia dopo il 1860 ci fu un crollo dell'aspettativa di vita,
causa fucilazioni, deportazioni, fame e vendita dei bambini, la
modernita' stava avanzando.
--
Abbiate terrore o uomini di poca fede
Riccardomustodario
2021-09-23 13:58:48 UTC
Permalink
Post by ernesto
L’ossessione del complotto
E se non c’è, è un complotto
UNA MANIA NATA CON L’UOMO CHE NEGLI ULTIMI ANNI STA DIVENTANDO INARRESTABILE
È capitato a tutti di sentirne più d’una. Gli americani non sono mai sbarcati sulla luna. Il traffico di droga internazionale è controllato dalla CIA. Lady Diana è stata assassinata. Gli attentati dell’11 settembre alle torri gemelle e a Strasburgo sono stati organizzati rispettivamente dai governi americano e francese. E ancora, le scie bianche lasciate dagli aerei sono sostanze chimiche diffuse nel cielo per ragioni tenute segrete. Esiste un complotto sionista a scala mondiale.
Lo Stato e le case farmaceutiche nascondono la pericolosità dei vaccini. Il riscaldamento climatico è una tesi inventata da politici e scienziati per servire i loro propri interessi. E l’elenco potrebbe continuare ancora a lungo. Sono solo alcune delle teorie cospirazioniste di cui è più frequente sentir parlare.
Forse ci aveva visto giusto Karl Popper che nel suo ‘La società aperta e i suoi nemici’ parla dell’ossessione per il complotto come di una cosa nata con la nascita stessa dell’essere umano, e definendola una teoria cospirativa della società che risiede nella convinzione che la spiegazione di un fenomeno sociale consista nella scoperta degli uomini o dei gruppi che sono interessati al verificarsi di quel fatto e che hanno progettato o congiurato per promuoverlo.
Ponendo in questo modo anche le basi per un’interpretazione della perdita di fascino della scienza e della ricerca che sembra aver colpito anche la nostra società.
Caro ernesto Tuttologo Ciancialesti, visto citi Popper dico la mia:
tutto ciò che non fila liscio nel nostro cervello, vedi le innumerevoli teorie della realtà sconcia cui siamo avviluppati, tesi ed antitesi, le quali si rivelano all'unisono manifestando gli altrettanti presunti complotti, nascono allorquando il parietale destro si azzecca con il sinistro., uno dei due parietali manifesta la fantasia, l'altro la razionalità.
... E quanto mi dispiace non aver citato ciò su La Filosofia dell'Immagine
https://groups.google.com/g/it.cultura.filosofia/c/q19Cn6IkSss?hl=en

quasi quasi l'aggiungo


a
Post by ernesto
Ma da cosa nasce questa idea del complotto? E perché è così facile che prenda piede? Intanto va osservato come, nonostante le condizioni di benessere generale nella società contemporanea siano – in gran parte del mondo – di gran lunga superiori a quelle solo immaginate in epoche precedenti, oggi uno dei sentimenti maggiormente avvertiti a livello collettivo sia in realtà quello dell’insicurezza, frutto di un patchwork di fattori che alimentano paure di ogni tipo.
A ciò si aggiunge una crisi dei fondamenti scientifici partita dalla fine del IXX secolo, dovuta in gran parte all’abbandono delle ambizioni di perfetta neutralità dell’osservatore nel processo di conoscenza e, contestualmente, alla presa d’atto dell’impossibilità di restituzione di fatti certi e oggettivi a scapito di più modeste affermazioni caratterizzate da indeterminazione, probabilità e relatività. Siamo insomma difronte ad una sorta di paradosso della modernità: l’equazione con la quale veniva postulata una relazione di proporzionalità diretta tra conoscenza e certezza, viene invece a inficiare i risultati proprio al crescere dee percorsi di conoscenza.
Una iattura, per certi punti di vista (o una luce che dovrebbe accendersi in molte menti, ma questo è un altro discorso). Il mix di queste due macro-situazioni – l’insicurezza e le conseguenti paure da un lato, la perdita di autorevolezza da parte della scienza dall’altro – costituiscono le basi di quella che molto efficacemente Ulrich Beck ha definito “società del rischio”. Allora, è forse proprio in questo scenario complessivo caratterizzato da un’assenza di solidi ancoraggi di senso che proliferano spiegazioni alternative finalizzate alla comprensione di una realtà percepita, con timore, fuori controllo. Dove non arriva la razionalità forse possono risolvere magiche elucubrazioni onnicomprensive, rassicuranti a modo loro.
È questo, in sintesi, il brodo primordiale, quel grande background emotivo nel quale si alimenta – per far fronte alla paura e all’insicurezza che generano angoscia – ogni sorta di cospirazione o di complotto possibile e immaginabile. Alla base del complottismo, insomma, c’è sempre il convincimento che le cose non siano quelle che scaturiscono dalle narrazioni ufficiali. Anzi. È radicata l’idea che esista un’élite, ristretta ma con ramificazioni capillari in tutti i livelli della società e in tutto il globo, che controlla le istituzioni per mantenere saldo il potere nelle sue mani, fabbricando di volta in volta narrazioni per la gente comune in modo che non colga le reali intenzioni né
tantomeno sospetti della sua stessa esistenza.
L’impressione è che le spiegazioni più evidenti di fatti sociali a qualcuno paiano non essere soddisfacenti; e molto spesso la ragione sta nel fatto che accettarle faccia, in qualche modo, male.
Ma ci sono elementi comuni nelle persone che fanno più spesso uso della categoria del complottismo per spiegare a modo loro alcuni fatti che accadono? Intanto va considerato che i sostenitori delle teorie del complotto sono in aumento, e costituiscono una comunità alquanto eterogenea (almeno dal punto di vista delle classiche variabili utilizzate nella ricerca sociale). Una recente indagine su un campione della popolazione francese ha messo in luce alcune caratteristiche volte alla possibile definizione di una sorta di idealtipo di complottista: ma se si esclude una maggiore (comprensibile) propensione da parte di chi ha titolo di studio più basso e una tendenza a subire meno il fascino del complottismo al crescere dell’età, non ci sono molte altre certezze. Anzi.
In un’altra ricerca, questa volta riguardante 8 diversi Paesi fra i quali anche Usa e Gran Bretagna, mostra un’interessante relazione fra credenze ai fenomeni
soprannaturali e teorie del complotto. I più permeabili alle teorie cospirazioniste sono nella maggioranza dei casi gli stessi che credono che si possa parlare con i morti o che pensano che esistano veggenti, persone in grado di predire l’avvenire. Sono anche quelli più inclini a credere nell’astrologia.
L’esistenza della relazione fra credere in spiegazioni non razionali e teorie del complotto è peraltro confermata dai ricercatori del progetto Conspiracy, che è finanziato dall’Agenzia Nazionale della Ricerca francese. I sostenitori delle teorie del complotto costituiscono quindi un gruppo sociale eterogeneo, pur con alcune caratteristiche di omogeneità; sono in aumento, e la loro esistenza è una risposta spontanea in qualche modo non controllata a progressive lacune di carattere comunitario, economico e culturale.
Ma c’è di più: qualche ricercatore azzarda l’ipotesi che alla base della tendenza a spiegare gli eventi sociali e storici in termini di segreti e cospirazioni malevole, vi sia una mentalità teleologica, cioè l’idea che sia necessario attribuire un fine ultimo a tutti gli eventi e alle entità naturali. Insomma, quello che a tutti gli effetti è oramai un vuoto istituzionale, genera risposte praticamente del tutto prevedibili, con conseguenze spesso poco entusiasmanti; una risposta incontrollata a un disagio percepito. Il fenomeno non è un compartimento stagno, tutt’altro; risulta essere organico a una frattura molto più marcata, i cui contorni sono sfumati e hanno a che fare con un malessere sociale generalizzato (perché frutto di situazioni anche molto diverse fra loro). Il complottista si sente tale per differenziarsi, non sentendosi organico nella società, e quindi il suo è a tutti gli effetti un tentativo di ricollocamento in un contesto sociale che, finalmente, lo accolga.
Ma dove sta il pericolo in comportamenti di questo tipo?
Perché il complottismo, in definitiva, può far male? I complottisti non sono pericolosi perché mettono in dubbio. Il dubbio è il fondamento di ogni epistemologia scientifica, e la scienza stessa ha elaborato i propri anticorpi proprio grazie alla falsificazione, al trial & error, e così via. Il vero problema dei complottisti è che mettono in dubbio tutto, disordinatamente, senza metodo né competenze, con un conseguente crollo verticale e inarrestabile di ogni ordine di certezze e autorevolezza. Sullo sfondo, l’etica di una propensione allo sfascio che non lascia spazio ad alcuna ipotesi alternativa di costruzione di solidità.
Alla base di tutto ciò, un vizio di fondo della società contemporanea a forte caratterizzazione liberista, che non solo ha alimentato in maniera indiscriminata un’ideologia del narcisismo barattandola con la realizzazione personale ed esistenziale ma anche ha giustificato un modus vivendi fondato sul vittimismo, spesso unica modalità per sentirsi parte di qualcosa di chiaro, definito, incrollabile. In assenza del quale ci si situa, appunto, in narrazioni differenti, nelle quali tornare a sentirsi qualcuno. Ovviamente, la cultura del narcisismo non è necessariamente l’unica strada possibile per l’autorealizzazione.
I modelli culturali narcisistici vanno compresi e ridimensionati. Per farlo c’è bisogno della proposizione di modelli alternativi e la risposta migliore a una ideologia imperante dell’individualismo non può che essere quella di una cultura dell’alterità. Che il complottismo fosse un fenomeno radicato e molto pericoloso per l’umanità tutta lo aveva capito, da tempo, anche un pensatore fra i più lucidi, Umberto Eco. Nel 2015, un anno prima di lasciarci, aveva tenuto una lectio magistralis all’Università degli Studi di Torino dal titolo ‘Conclusioni sul complotto: da Popper a Dan Brown’. Filosofia della scienza e letteratura assieme, a sostegno di una ricerca di risposte ad uno degli aspetti più controversi della complessità sociale.
La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.
Guarda anche
Le tute da ginnastica bambino e bambina, scopri tutte le colorazio...
Decathlon
le persone che leggono questo diventano ricche!
wallstreet magazin
Una coppia di Roma ha scoperto un trucco furbo per guadagni enormi
business is the future
Questo metodo allevia il dolore alle ginocchia, alla schiena e al ...
Rompere il sale nelle articolazioni
1 cerotto = -1600 calorie ogni 24 h. Ora -60% >>
Slim
È geniale: gli italiani possono avere più soldi nel portafoglio
risparmiodigasedelettricita
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Fate questo prima di dormire e pеrderete 50 kg in 6 settimаne!
Perdere peso senza dieta
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Finanzia la tua azienda con il Factoring Digitale di illimity
Illimity
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Un metodo scioccante per il dolore articolare
Fallo prima di andare a letto, l'artrosi scomparirà presto
Articolo interessante
Sponsorizzato da Nativery
59 shares
Facebook59
Tweet
LinkedIn
Email
Print
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Telegram
Messenger
Skype
Copy Link
PrintFriendly
Condividi
COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA
Sezioni
Food&Wine (11)Puglia (132)Nazionale (772)L'Altravoce dell'Italia (8029)Campania (10440)Basilicata (13488)Archivio (37529)Calabria (40179)
Cerca nell’Archivio
Ultimi articoli
VIDEO – Elezioni regionali, l’emozione di Giuseppe Conte a Catanzaro: «Ora riprendiamoci le nostre vite»
Comunali a Cosenza, 8 domande per 8 candidati: Fabio Gallo
Bari, arrestato per furto il fratellastro di Antonio Cassano: lo ha tradito un tatuaggio
Archivio articoli
Settembre 2021
Agosto 2021
Luglio 2021
Giugno 2021
Maggio 2021
Articolo Sponsorizzato (38) Capitale Umano e Creatività (232) Consultazione Online (13) Cronache (39571) Economia (2186) Gli Editoriali (859) Il dibattito e le idee (323) Il Palazzo (641) I Nord e i Sud del Mondo (267) L'Altravoce dei Ventenni (318) L'Altravoce del Lunedì (14) L'Intervista (146) L'Italia Rovesciata (630) La Bacheca delle Offerte (3) La Card di Buttafuoco (573) La Sfogliatella di Marassi (539) Le due Italie (2119) Lettere (46) Mimì (427) Nazionale (28) Opinioni (386) Politica (6752) Regole e Diritti (51) Rubriche (107) Società e Cultura (6615) Spettacoli (3260) Sport (5347)
Continua a leggere su narkive:
Loading...