Discussione:
CONOSCERE L'AFRICA: la Storia
Aggiungi Risposta
ernesto
2021-09-22 17:04:22 UTC
Rispondi
Permalink
Per molto tempo, anche nel dibattito storico, l’Africa è stata considerata un continente senza storia e senza civiltà, ai margini delle vicende mondiali con l’eccezione dell’Egitto e delle altre terre affacciate sul Mar Mediterraneo. Questa visione dell’Africa sine historia derivava chiaramente dall’immaginario razzista del colonialismo ottocentesco e dalle dinamiche dell’imperialismo che concepiva il dominio europeo come il frutto di una presunta superiorità della civiltà “bianca”.

Una prospettiva distorta, corretta solo in anni recenti quando si è imposta la consapevolezza che l’Africa ha radici antiche quanto e più di quelle europee.

E queste radici, come vedremo, non riguardano certo solo le aree affacciate sul Mar Mediterraneo ma concernono anche l’Africa subsahariana.
Prima di tutto bisogna chiarire che non ci fu, all’origine del rapporto tra Europa e Africa “nera”, alcun incontro traumatico tra una civiltà superiore e una civiltà inferiore.

L’area a sud del Sahara, infatti, apparve ai primi esploratori europei del XV e XVI secolo abitata da popoli con usanze e credenze differenti da quelle presenti in Europa, ma non inferiori.

Questi esploratori vennero, infatti, a contatto con stati di vaste dimensioni, dediti ai commerci su ampia scala, caratterizzati da gerarchie sociali e governati da sovrani investiti di diritti semidivini. Insomma, un quadro sociale e politico non lontano da quello dell’Europa al passaggio tra Medioevo ed Età Moderna.

OGGI solo ignoranti sferici si immaginano l'Africa antica solo di capanne!

AGGIORNARSI, PLEASE!
ernesto
2021-09-24 11:43:13 UTC
Rispondi
Permalink
Post by ernesto
Per molto tempo, anche nel dibattito storico, l’Africa è stata considerata un continente senza storia e senza civiltà, ai margini delle vicende mondiali con l’eccezione dell’Egitto e delle altre terre affacciate sul Mar Mediterraneo. Questa visione dell’Africa sine historia derivava chiaramente dall’immaginario razzista del colonialismo ottocentesco e dalle dinamiche dell’imperialismo che concepiva il dominio europeo come il frutto di una presunta superiorità della civiltà “bianca”.
Una prospettiva distorta, corretta solo in anni recenti quando si è imposta la consapevolezza che l’Africa ha radici antiche quanto e più di quelle europee.
E queste radici, come vedremo, non riguardano certo solo le aree affacciate sul Mar Mediterraneo ma concernono anche l’Africa subsahariana.
Prima di tutto bisogna chiarire che non ci fu, all’origine del rapporto tra Europa e Africa “nera”, alcun incontro traumatico tra una civiltà superiore e una civiltà inferiore.
L’area a sud del Sahara, infatti, apparve ai primi esploratori europei del XV e XVI secolo abitata da popoli con usanze e credenze differenti da quelle presenti in Europa, ma non inferiori.
Questi esploratori vennero, infatti, a contatto con stati di vaste dimensioni, dediti ai commerci su ampia scala, caratterizzati da gerarchie sociali e governati da sovrani investiti di diritti semidivini. Insomma, un quadro sociale e politico non lontano da quello dell’Europa al passaggio tra Medioevo ed Età Moderna.
OGGI solo ignoranti sferici si immaginano l'Africa antica solo di capanne!
AGGIORNARSI, PLEASE!

Continua a leggere su narkive:
Loading...