Discussione:
Punti di vista sulla Pace
(troppo vecchio per rispondere)
Labirinti
2004-06-03 10:00:21 UTC
Permalink
Secondo il nostro punto di vista, il termine pace significa assenza di
guerra. Quando si manifesta per la pace, si cerca di impedire la
guerra.

Secondo gli islamici, invece, il mondo si divide nella Casa della Pace
(Dar al Islam) e nella Casa della Guerra (Dar al Harb). La Dar al
Islam corrisponde ai territori nei quali regna la legge divina di
Allah, mentre la Dar al Harb corrisponde ai territori che non sono
ancora stati soggiogati all'Islam e sono dunque considerati in uno
stato perpetuo di Jihad (guerra santa).

Quando degli islamici partecipano a manifestazioni per la pace,
vogliono si la pace, ma a modo loro. Per loro la pace viene ottenuta
combattendoci, conquistandoci e soggiogandoci. Questa è la pace per la
quale manifestano. Loro manifestano per la guerra contro di noi, il
modo che loro concepiscono per ottenere la pace.

Secondo il Corano, è dovere di ogni musulmano combattere finchè Allah
non sia adorato da tutti gli uomini del mondo. E questo è precisamente
l'obiettivo di zio Osama.

The world is divided into the House of Islam and the House of War, the
Dar al-Islam and the Dar al-harb. The Dar al-Islam is all those lands
in which a Muslim government rules and the Holy Law of Islam prevails.
Non-Muslims may live there on Muslim sufferance. The outside world,
which has not yet been subjugated, is called the "House of War," and
strictly speaking a perpetual state of jihad, of holy war, is imposed
by the law.
http://www.us-israel.org/jsource/History/daralislam.html

Mentre alla gente del libro (ebrei e cristiani) verrebbe teoricamente
concesso uno stato di inferiorità (dimmitude), agli altri non
resterebbe che di convertirsi o di venire uccisi. In realtà, vengono
spesso uccisi anche gli ebrei e cristiani.

Peace with pagans, that is, not the People of the Book, is impossible,
as they are all to be given a chance to accept Islam or be killed.
http://answering-islam.org.uk/Terrorism/peace_concept.html

http://www.bismikaallahuma.org/History/dar_islam-harb.htm


Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
_iveWorKAh_
2004-06-03 10:15:16 UTC
Permalink
"Labirinti" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio

mah..... é un sito israeliano che scrive ste robe no?
domani chiedo a un mio amico musulmano , vediamo che dice....


ive
Andrea Rohan
2004-06-03 10:23:35 UTC
Permalink
Post by _iveWorKAh_
mah..... é un sito israeliano che scrive ste robe no?
domani chiedo a un mio amico musulmano , vediamo che dice....
Io l'ho già fatto più volte e ho ottenuto sempre la stessa risposta: che non
c'è altro Dio al di fuori di Allah e che tutti gli uomini prima o poi
"arriveranno" all'Islam. Un concetto, come sempre, direzionale della storia.
Poi è verissimo che la maggior parte degli Islamici non pretende che questo
accada con metodi violenti. Semplicemente, potrà accadere per forza
demografica e per la schiacciante superiorità del loro livello di vita
(questo a sentir loro). Infatti per i musulmani il modo di vivere
occidentale è di per sé corrotto, empio, e non è in grado di assicurare
alcuna tranquillità spirituale. Le ricchezze e il benessere dell'Occidente
sono visti più o meno come "tentazioni del diavolo" nelle quali i musulmani
non devono cadere, perché li allontanerebbero dalla loro strada spirituale.
L'altra idea che ricorre sempre è che l'unico modo per avere una pace
perpetua sulla terra è che tutti gli uomini adorino Allah: in questo modo,
seguendo i suoi principi, non può esservi guerra fra uomini.

Quindi il succo non cambia: l'Islam, come tutte le religioni spirituali e
come tutte le religioni ideologiche, ha una visione direzionale della
storia, percepisce gli uomini come se fossero "in cammino" e, assumendo
ovviamente di essere nel giusto, auspica che tutti, prima o poi, si mettano
sulla retta via.
Achille
2004-06-03 10:26:37 UTC
Permalink
Post by Andrea Rohan
Quindi il succo non cambia: l'Islam, come tutte le religioni spirituali e
come tutte le religioni ideologiche, ha una visione direzionale della
storia, percepisce gli uomini come se fossero "in cammino" e, assumendo
ovviamente di essere nel giusto, auspica che tutti, prima o poi, si mettano
sulla retta via.
E in questo ha forse qualche differenza con le altre?
Ciao
GC
Antonio S.
2004-06-03 10:29:43 UTC
Permalink
Post by Achille
Post by Andrea Rohan
Quindi il succo non cambia: l'Islam, come tutte le religioni spirituali e
come tutte le religioni ideologiche, ha una visione direzionale della
storia, percepisce gli uomini come se fossero "in cammino" e, assumendo
ovviamente di essere nel giusto, auspica che tutti, prima o poi, si mettano
sulla retta via.
E in questo ha forse qualche differenza con le altre?
Ciao
GC
Sì molte differenze ma tu non potresti capire.
Andrea Rohan
2004-06-03 10:40:52 UTC
Permalink
Post by Achille
E in questo ha forse qualche differenza con le altre?
Ciao
La differenza è che da noi sono state fatte lotte aspre e sanguinose contro
la Chiesa, per cercare di limitarne il più possibile il potere temporale.
Nei Paesi Arabi, il meglio che possa capitare è che nella Costituzione
l'Islam sia chiamato religione di Stato; il peggio che si segua alla lettera
la shari'a.
Quindi qui il punto non è se il Cristianesimo sia più o meno estremista ed
escatologico dell'Islam (io credo di no), ma cosa è stato fatto contro il
potere temporale della religione nel corso della storia.
Achille
2004-06-03 11:28:58 UTC
Permalink
Post by Andrea Rohan
Quindi qui il punto non è se il Cristianesimo sia più o meno estremista ed
escatologico dell'Islam (io credo di no), ma cosa è stato fatto contro il
potere temporale della religione nel corso della storia.
Quindi e' questione di sincronismi. Be', probabilmente qualche secolo fa
molta parte del mondo era ben piu' avanti di noi, in questo senso.
Saluti
GC
Andrea Rohan
2004-06-03 15:56:42 UTC
Permalink
Post by Achille
Post by Andrea Rohan
Quindi qui il punto non è se il Cristianesimo sia più o meno estremista ed
escatologico dell'Islam (io credo di no), ma cosa è stato fatto contro il
potere temporale della religione nel corso della storia.
Quindi e' questione di sincronismi. Be', probabilmente qualche secolo fa
molta parte del mondo era ben piu' avanti di noi, in questo senso.
Saluti
GC
E a me che cazzo me ne frega di qualche secolo fa?
Achille
2004-06-03 11:23:46 UTC
Permalink
Post by Antonio S.
Post by Achille
E in questo ha forse qualche differenza con le altre?
Sì molte differenze ma tu non potresti capire.
E tu, ovviamente, non le sai dire. Giusto?
Ciao ciao
GC
Antonio S.
2004-06-03 13:09:03 UTC
Permalink
Post by Achille
Post by Antonio S.
Post by Achille
E in questo ha forse qualche differenza con le altre?
Sì molte differenze ma tu non potresti capire.
E tu, ovviamente, non le sai dire. Giusto?
Ciao ciao
GC
Le so dire ma è tempo sprecato.
Achille
2004-06-03 13:17:30 UTC
Permalink
Post by Antonio S.
Post by Achille
E tu, ovviamente, non le sai dire. Giusto?
Le so dire ma è tempo sprecato.
Si, certo.
Andrea Rohan
2004-06-03 10:33:00 UTC
Permalink
Post by Achille
Post by Andrea Rohan
Quindi il succo non cambia: l'Islam, come tutte le religioni spirituali e
come tutte le religioni ideologiche, ha una visione direzionale della
storia, percepisce gli uomini come se fossero "in cammino" e, assumendo
ovviamente di essere nel giusto, auspica che tutti, prima o poi, si mettano
sulla retta via.
E in questo ha forse qualche differenza con le altre?
Ciao
GC
QUOTE
"Quindi il succo non cambia: l'Islam, come tutte le religioni spirituali e
come tutte le religioni ideologiche, ha una visione direzionale della
storia,..."

L'ho già scritto
Arturo Funke
2004-06-03 10:36:26 UTC
Permalink
Post by Achille
Post by Andrea Rohan
Quindi il succo non cambia: l'Islam, come tutte le religioni spirituali e
come tutte le religioni ideologiche, ha una visione direzionale della
storia, percepisce gli uomini come se fossero "in cammino" e, assumendo
ovviamente di essere nel giusto, auspica che tutti, prima o poi, si mettano
sulla retta via.
E in questo ha forse qualche differenza con le altre?
Ciao
GC
Forse no, ma è una questione di metodo: che ne dici dei talebani che
prendono a cannonate le statue del Buddha?
Achille
2004-06-03 11:26:01 UTC
Permalink
Post by Arturo Funke
Forse no, ma è una questione di metodo: che ne dici dei talebani che
prendono a cannonate le statue del Buddha?
Be', il discorso non verteva su quello, mi sembra.
Certo, il metodo violento e' decisamente da condannare (cosi come e' da
condannare lo stesso metodo usato dai cristiani anni addietro).
Divero e' strumentalizzarlo.
Io lo condanno. Tu che fai?
Saluti
GC
Labirinti
2004-06-03 12:40:10 UTC
Permalink
On Thu, 3 Jun 2004 12:15:16 +0200, "_iveWorKAh_"
Post by _iveWorKAh_
mah..... é un sito israeliano che scrive ste robe no?
domani chiedo a un mio amico musulmano , vediamo che dice....
ive
Allora se il sito è israeliano le informazioni che riporta sono false?
Piscieresti sopra la Teoria della Relatività Generale solo perchè il
suo autore era un ebreo? Gli ebrei conoscono gli islamici meglio di
noi. Se non vuoi ritrovarti presto con un coltello alla gola, fai bene
ad ascoltarle "ste robe".

Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
Achille
2004-06-03 12:44:09 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Allora se il sito è israeliano le informazioni che riporta sono false?
Piscieresti sopra la Teoria della Relatività Generale solo perchè il
suo autore era un ebreo? Gli ebrei conoscono gli islamici meglio di
noi. Se non vuoi ritrovarti presto con un coltello alla gola, fai bene
ad ascoltarle "ste robe".
Allora tu chiederesti a Previti se Berlusconi ha pagato Squillante?
Ma mi facci il piacere!
Labirinti
2004-06-03 14:34:56 UTC
Permalink
Post by Achille
Post by Labirinti
Allora se il sito è israeliano le informazioni che riporta sono false?
Piscieresti sopra la Teoria della Relatività Generale solo perchè il
suo autore era un ebreo? Gli ebrei conoscono gli islamici meglio di
noi. Se non vuoi ritrovarti presto con un coltello alla gola, fai bene
ad ascoltarle "ste robe".
Allora tu chiederesti a Previti se Berlusconi ha pagato Squillante?
Ma mi facci il piacere!
Nè Previti nè Berlusconi hanno mai scritto una teoria della relatività
generale. Mi facci il piacere lei, mi facci! :)

Guarda che le stesse e identiche cose le dicono anche gli stessi
musulmani. Prova solo ad informarti. Il concetto che della pace hanno
gli islamici è ben conosciuto da chi ha un minimo di confidenza con
gli affari mediorientali.

Credi forse che siccome quel sito che ho indicato è israeliano tutto
quello che dice è falso? ... ah, dimenticavo il Complotto Sionista
Internazionale!

Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
Achille
2004-06-03 14:46:39 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Post by Achille
Allora tu chiederesti a Previti se Berlusconi ha pagato Squillante?
Ma mi facci il piacere!
Nè Previti nè Berlusconi hanno mai scritto una teoria della relatività
generale. Mi facci il piacere lei, mi facci! :)
Immagino tu abbia capito cosa intendo e semplicemente non voglia
ammettere di aver scritto una boiata. Spero sia cosi, altrimenti
nascerebbero dubbi sulla tua intelligenza.
Post by Labirinti
Credi forse che siccome quel sito che ho indicato è israeliano tutto
quello che dice è falso?
No, solo che la fonte non e' certamente imparziale.

Saluti
GC
Labirinti
2004-06-04 08:48:11 UTC
Permalink
Post by Achille
Post by Labirinti
Post by Achille
Allora tu chiederesti a Previti se Berlusconi ha pagato Squillante?
Ma mi facci il piacere!
Nè Previti nè Berlusconi hanno mai scritto una teoria della relatività
generale. Mi facci il piacere lei, mi facci! :)
Immagino tu abbia capito cosa intendo e semplicemente non voglia
ammettere di aver scritto una boiata. Spero sia cosi, altrimenti
nascerebbero dubbi sulla tua intelligenza.
Post by Labirinti
Credi forse che siccome quel sito che ho indicato è israeliano tutto
quello che dice è falso?
No, solo che la fonte non e' certamente imparziale.
Saluti
GC
D'accordo, la fonte non è imparziale, ma riporta quello che gli
islamici intendono per pace. Siccome noi occidentali ragioniamo in un
modo molto diverso dagli islamici, è utile che ogni tanto qualcuno ci
avverta di come stanno le cose.

Alla fine, sia chiaro che quando noi manifestiamo per la pace in M.O.,
loro manifestano per la nostra sconfitta o per quella degli
israeliani. Non manifestano per la pace, tutt'altro!

Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
Antonio S.
2004-06-03 10:27:45 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Secondo il nostro punto di vista, il termine pace significa assenza di
guerra. Quando si manifesta per la pace, si cerca di impedire la
guerra.
Secondo gli islamici, invece, il mondo si divide nella Casa della Pace
(Dar al Islam) e nella Casa della Guerra (Dar al Harb). La Dar al
Islam corrisponde ai territori nei quali regna la legge divina di
Allah, mentre la Dar al Harb corrisponde ai territori che non sono
ancora stati soggiogati all'Islam e sono dunque considerati in uno
stato perpetuo di Jihad (guerra santa).
Quando degli islamici partecipano a manifestazioni per la pace,
vogliono si la pace, ma a modo loro. Per loro la pace viene ottenuta
combattendoci, conquistandoci e soggiogandoci. Questa è la pace per la
quale manifestano. Loro manifestano per la guerra contro di noi, il
modo che loro concepiscono per ottenere la pace.
Secondo il Corano, è dovere di ogni musulmano combattere finchè Allah
non sia adorato da tutti gli uomini del mondo. E questo è precisamente
l'obiettivo di zio Osama.
E' inutile, il sinistro estremista ed anche il destroide antimamericano non
capirebbe mai.
Andrea Raimondi
2004-06-03 12:06:48 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Secondo il nostro punto di vista, il termine pace significa assenza di
guerra. Quando si manifesta per la pace, si cerca di impedire la
guerra.
Ok.
Post by Labirinti
Loro manifestano per la guerra contro di noi, il
modo che loro concepiscono per ottenere la pace.
Uhm... sai cosa mi suona un pò strano?
Il fatto che gli attentati ci siano anche in Arabia Saudita, che
vengano uccisi anche gli Egiziani, ecc... alla faccia della pace!!!
Post by Labirinti
Secondo il Corano, è dovere di ogni musulmano combattere finchè Allah
non sia adorato da tutti gli uomini del mondo. E questo è precisamente
l'obiettivo di zio Osama.
Beh, combattere non significa necessariamente uccidere, oggi come oggi.
Questo penso valga anche per le persone Islamiche che hanno avuto
modo di ricevere una istruzione.

Cosa che, specialmente nei secoli passati, gli Islamici non avevano e
nemmeno tanti cattolici - ad essere sinceri.
Post by Labirinti
Mentre alla gente del libro (ebrei e cristiani) verrebbe teoricamente
concesso uno stato di inferiorità (dimmitude), agli altri non
resterebbe che di convertirsi o di venire uccisi. In realtà, vengono
spesso uccisi anche gli ebrei e cristiani.
Ripeto, molto spesso vengono uccisi anche Iracheni ed arabi in
generale.

Ciao,

Andrea
Labirinti
2004-06-03 12:35:01 UTC
Permalink
Post by Andrea Raimondi
Post by Labirinti
Secondo il nostro punto di vista, il termine pace significa assenza di
guerra. Quando si manifesta per la pace, si cerca di impedire la
guerra.
Ok.
Post by Labirinti
Loro manifestano per la guerra contro di noi, il
modo che loro concepiscono per ottenere la pace.
Uhm... sai cosa mi suona un pò strano?
Il fatto che gli attentati ci siano anche in Arabia Saudita, che
vengano uccisi anche gli Egiziani, ecc... alla faccia della pace!!!
Negli attentati in Arabia saudita, gli obiettivi sono gli occidentali,
cioè gli infedeli. Se poi ci va di mezzo qualche poliziotto e qualche
civile... pazienza!
Post by Andrea Raimondi
Post by Labirinti
Secondo il Corano, è dovere di ogni musulmano combattere finchè Allah
non sia adorato da tutti gli uomini del mondo. E questo è precisamente
l'obiettivo di zio Osama.
Beh, combattere non significa necessariamente uccidere, oggi come oggi.
Ti sembra che negli attentati del 9 settembre 2001 i terroristi
islamici non volessero fare delle vittime? Ti sembra che
nell'attentato ai treni di Madrid volessero soltanto danneggiare
qualche carrozza? Che cosa stai dicendo???
Post by Andrea Raimondi
Questo penso valga anche per le persone Islamiche che hanno avuto
modo di ricevere una istruzione.
Cosa che, specialmente nei secoli passati, gli Islamici non avevano e
nemmeno tanti cattolici - ad essere sinceri.
Post by Labirinti
Mentre alla gente del libro (ebrei e cristiani) verrebbe teoricamente
concesso uno stato di inferiorità (dimmitude), agli altri non
resterebbe che di convertirsi o di venire uccisi. In realtà, vengono
spesso uccisi anche gli ebrei e cristiani.
Ripeto, molto spesso vengono uccisi anche Iracheni ed arabi in
generale.
Vengono uccisi anche quegli islamici che si oppongono al "volere di
Allah", poi anche quelli che passano per la strada nel momento
sbagliato, che siano donne, bambini, vecchi non fa importanza. I
fascisti islamici non guardano in faccia a nessuno per ottenere i loro
scellerati obiettivi di imperialismo planetario, neanche ai civili di
qualunque fede siano.

Ti sorprende? Sono 1400 anni che fanno guerra a tutti i popoli che
sono loro vicini. Perfino il termine "assassino" viene da una tribù
araba. In Algeria hanno fatto fuori più di centomila persone, quasi
tutti musulmani. Quanti civili devono massacrare per ammettere che
sono violenti e che combattono uccidendo?

Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
Andrea Raimondi
2004-06-03 12:41:51 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Ti sembra che negli attentati del 9 settembre 2001 i terroristi
islamici non volessero fare delle vittime? Ti sembra che
nell'attentato ai treni di Madrid volessero soltanto danneggiare
qualche carrozza? Che cosa stai dicendo???
Io non sto dicendo che NESSUN ISLAMICO uccide.
Sto dicendo che TANTISSIMI ISLAMICI non uccidono.
Post by Labirinti
Post by Andrea Raimondi
Questo penso valga anche per le persone Islamiche che hanno avuto
modo di ricevere una istruzione.
Cosa che, specialmente nei secoli passati, gli Islamici non avevano e
nemmeno tanti cattolici - ad essere sinceri.
Qui non rispondi eh? :-)
Post by Labirinti
Ti sorprende?
Rimarresti sorpreso da quello che sorprende me... :-)
E non certo un paio di assassini, che siano Islamici,
cattolici o Buddhisti.
Post by Labirinti
Perfino il termine "assassino" viene da una tribù
araba.
Beh, anche i numeri che usiamo quotidianamente.
Ma tu sei liberissimo di tornare alla numerazione romana, eh! ^_^
Post by Labirinti
In Algeria hanno fatto fuori più di centomila persone, quasi
tutti musulmani. Quanti civili devono massacrare per ammettere che
sono violenti e che combattono uccidendo?
Io non ho NESSUN problema ad ammettere che ci sono dei violenti
nelle loro fila. Come non ho alcun problema, però, a dire che ci sono
alcuni poliziotti che GODONO nel caricare e picchiare manifestanti che
ballano. Ma questo non vuol dire che perché ve n'è qualcuno, siano tutti
così.

Ciao,

Andrea
Labirinti
2004-06-03 15:19:22 UTC
Permalink
Post by Andrea Raimondi
Post by Labirinti
Ti sembra che negli attentati del 9 settembre 2001 i terroristi
islamici non volessero fare delle vittime? Ti sembra che
nell'attentato ai treni di Madrid volessero soltanto danneggiare
qualche carrozza? Che cosa stai dicendo???
Io non sto dicendo che NESSUN ISLAMICO uccide.
Sto dicendo che TANTISSIMI ISLAMICI non uccidono.
Sfondi una porta aperta. Chi ha mai detto che tutti gli islamici sono
assassini? E' importante puntare sui moderati per neutralizzare il
radicalismo islamico.
Post by Andrea Raimondi
Post by Labirinti
Post by Andrea Raimondi
Questo penso valga anche per le persone Islamiche che hanno avuto
modo di ricevere una istruzione.
Cosa che, specialmente nei secoli passati, gli Islamici non avevano e
nemmeno tanti cattolici - ad essere sinceri.
Qui non rispondi eh? :-)
Ti posso rispondere che è ridicolo prestarsi all'enfatizzazione di un
limitato momento di gloria degli islamici, dovuta poi ai contatti che
avevano con i popoli soggiogati. Quel breve momento, chiamato anche
apogeo islamico, terminò molto presto, quando le autorità religiose
vietarono ai musulmani di ascoltare ciò che veniva dagli infedeli. Da
quel momento iniziò un declino inarrestabile dell'islam che è
responsabile dell'arretratezza degli islamici ancora oggi.

Comunque, tieni presente che anche noi abbiamo avuto un periodo di
gloria e molto più duraturo di quello islamico. Pensa all'impero
romano. Quando i romani fondavano una città, portavano acquedotti,
realizzavano un sistema di fognature, costruivano terme e teatri.
Collegavano le città con strade e ponti, alcuni dei quali sono in
piedi ancora oggi. I romani ci hanno lasciato un sistema giuridico sul
quale si sono fondate le giurisprudenze di tutti i paesi occidentali e
che gli islamici sono ben lontani dal possedere ancora oggi. La sharia
islamica è una barbarie che nessuno di noi sarebbe in grado di
sopportare.

L'occidente si fonda anche sul pensiero greco, la loro mitologia,
letteratura, l'arte e soprattutto il loro pensiero filosofico. Mai e
poi mai gli islamici si sono avvicinati a qualcosa di analogo. La
scienza, distinta accuratamente dall'opinione, fece i suoi primi passi
presso quel popolo. Gli islamici sono preda della fede, cioè
dell'opinione. La democrazia nacque nella Grecia antica, ancora oggi,
fai fatica a trovare un paese islamico democratico.

Gli stessi cristiani, 2000 anni fa, riconobbero la necessità di
separare lo stato dalla religione (dare a Cesare quel che è di Cesare
e a Dio quel che è di Dio). Gli islamici non hanno ancora distinto
nulla. Mescolano la sfera religiosa con quella politica e la vogliono
propinare a tutti come la Verità Assoluta.

Non solo, ma si potrebbe continuare con la rivoluzione inglese,
l'Umanesimo, il Rinascimento, l'Illuminismo, la rivoluzione francese.
Che cosa corrisponde a questi giganteschi passi della nostra
civilizzazione presso gli islamici? Niente.

Con quelle rivoluzioni, noi abbiamo combattuto le monarchie assolute e
il potere temporale della Chiesa. Abbiamo ottenuto sistemi
repubblicani e democratici. Loro che cosa hanno ottenuto se non delle
tirannie teocratiche o delle monarchie assolute?

Vogliamo parlare di distribuzione delle ricchezze, dei diritti umani e
specialmente di quelli riconosciuti alle donne, della sicurezza
personale dei sudditi di quelle satrapie?
Post by Andrea Raimondi
Post by Labirinti
Ti sorprende?
Rimarresti sorpreso da quello che sorprende me... :-)
E non certo un paio di assassini, che siano Islamici,
cattolici o Buddhisti.
Post by Labirinti
Perfino il termine "assassino" viene da una tribù
araba.
Beh, anche i numeri che usiamo quotidianamente.
Ma tu sei liberissimo di tornare alla numerazione romana, eh! ^_^
Qui hai preso un granchio perchè le cifre che usiamo quotidianamente
per scrivere dei numeri vengono dall'India. Gli arabi ce le hanno solo
trasmesse.
Post by Andrea Raimondi
Post by Labirinti
In Algeria hanno fatto fuori più di centomila persone, quasi
tutti musulmani. Quanti civili devono massacrare per ammettere che
sono violenti e che combattono uccidendo?
Io non ho NESSUN problema ad ammettere che ci sono dei violenti
nelle loro fila. Come non ho alcun problema, però, a dire che ci sono
alcuni poliziotti che GODONO nel caricare e picchiare manifestanti che
ballano. Ma questo non vuol dire che perché ve n'è qualcuno, siano tutti
così.
Caro Andrea, io conosco miei amici (di sinistra) che GODONO quando
muoiono dei soldati americani! Pensa a che punto siamo arrivati!
Post by Andrea Raimondi
Ciao,
Andrea
Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
Andrea Raimondi
2004-06-03 17:10:43 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Sfondi una porta aperta. Chi ha mai detto che tutti gli islamici sono
assassini? E' importante puntare sui moderati per neutralizzare il
radicalismo islamico.
Dal tuo discorso, mi pareva diverso. Prendo atto.
Post by Labirinti
Ti posso rispondere che è ridicolo prestarsi all'enfatizzazione di un
limitato momento di gloria degli islamici, dovuta poi ai contatti che
avevano con i popoli soggiogati. Quel breve momento, chiamato anche
apogeo islamico, terminò molto presto, quando le autorità religiose
vietarono ai musulmani di ascoltare ciò che veniva dagli infedeli. Da
quel momento iniziò un declino inarrestabile dell'islam che è
responsabile dell'arretratezza degli islamici ancora oggi.
EH? Che cavolo stai dicendo Labirinti? (cit. telefilm Arnold :-P )
Io sto dicendo che una buona parte degli Islamici non ha istruzione(
quindi non ha strumenti intellettuali molto avanzati ) e tu mi parli di
"momento di gloria degli islamici"? O_o
Post by Labirinti
[SNIPPONE sull'apologia dell'Impero Romano]
L'occidente si fonda anche sul pensiero greco, la loro mitologia,
letteratura, l'arte e soprattutto il loro pensiero filosofico. Mai e
poi mai gli islamici si sono avvicinati a qualcosa di analogo. La
scienza, distinta accuratamente dall'opinione, fece i suoi primi passi
presso quel popolo. Gli islamici sono preda della fede, cioè
dell'opinione. La democrazia nacque nella Grecia antica, ancora oggi,
fai fatica a trovare un paese islamico democratico.
A parte il fatto che stai dimenticando che l'Arabia è stato un
paese di enormi menti matematiche, dimentichi giusto un minutino gli
Egiziani( altro popolo con grandi menti, capaci di costruire UN
ATTIMINO "soltanto" le Piramidi ) e perfino Stonehenge( risalente a
PRIMA dei romani ).

Vedi però, il fatto che vi fossero - anche nel passato - grandi menti, non
significa assolutamente che fossero tutti così. Purtroppo c'erano TANTISSIMI
analfabeti, insomma esattamente come in Occidente. La cultura di massa è una
conquista abbastanza recente.
Post by Labirinti
Gli stessi cristiani, 2000 anni fa, riconobbero la necessità di
separare lo stato dalla religione (dare a Cesare quel che è di Cesare
e a Dio quel che è di Dio).
Ora sei tu che ti confondi... quelli sono i CATTOLICI :-)
I cristiani sono un mondo estremamente variegato, multicolore e
multisapore... non mi addentro perché non sono esperto.
Post by Labirinti
Non solo, ma si potrebbe continuare con la rivoluzione inglese,
l'Umanesimo, il Rinascimento, l'Illuminismo, la rivoluzione francese.
Che cosa corrisponde a questi giganteschi passi della nostra
civilizzazione presso gli islamici? Niente.
Non sono un islamista, quindi non saprei dirti... ma ad occhio, così, en
passant direi che nemmeno tu lo sei un Islamista... quindi, direi che forse
prima di sputare sentenze di questo genere dovresti chiedere a qualche
esperto... o no? :-)
Post by Labirinti
Con quelle rivoluzioni, noi abbiamo combattuto le monarchie assolute e
il potere temporale della Chiesa. Abbiamo ottenuto sistemi
repubblicani e democratici. Loro che cosa hanno ottenuto se non delle
tirannie teocratiche o delle monarchie assolute?
Continuo a ripetere che non sono un islamista, e - sempre secondo me -
neanche tu.
Post by Labirinti
Vogliamo parlare di distribuzione delle ricchezze, dei diritti umani e
specialmente di quelli riconosciuti alle donne, della sicurezza
personale dei sudditi di quelle satrapie?
Di questo possiamo parlarne. Sicuramente c'è ancora tantissimo lavoro da
fare, senza dubbio, il problema è essenzialmente uno: il mondo islamico è
variegato come se non più di quello cattolico, quindi ci vorrebbe qualcuno
esperto della questione che intervenisse per puntualizzare.

Per quello che mi riguarda, le informazioni di cui dispongo certo non
depongono a favore della religione Islamica sotto tanti aspetti.
Però ci sono aspetti poco conosciuti che varrebbe la pena considerare,
come per esempio che - come è vero che un Islamico può sposare più
donne - è altrettanto vero che per poterlo fare deve avere i mezzi per
sostentarle tutte.
Post by Labirinti
Qui hai preso un granchio perchè le cifre che usiamo quotidianamente
per scrivere dei numeri vengono dall'India. Gli arabi ce le hanno solo
trasmesse.
Beh, hai detto schiatta!
Ti pare comunque poco?

Ad ogni modo, controllerò bene e ti farò sapere.
Post by Labirinti
Caro Andrea,
wewe calma... ancora non ci siamo nemmeno dati un bacino, tu
parti già con "caro"? <g>
Post by Labirinti
io conosco miei amici (di sinistra) che GODONO quando
muoiono dei soldati americani! Pensa a che punto siamo arrivati!
E' un segno evidente che la mancanza di Cultura esiste in tutti gli
schieramenti, destra, sinistra ed islamici... :-)
Post by Labirinti
Labirinti
Andrea
3573 bytes free
2004-06-03 12:36:35 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Secondo il nostro punto di vista, il termine pace significa assenza di
guerra. Quando si manifesta per la pace, si cerca di impedire la
guerra.
Secondo gli islamici, invece, il mondo si divide nella Casa della Pace
(Dar al Islam) e nella Casa della Guerra (Dar al Harb). La Dar al
Islam corrisponde ai territori nei quali regna la legge divina di
Allah, mentre la Dar al Harb corrisponde ai territori che non sono
ancora stati soggiogati all'Islam e sono dunque considerati in uno
stato perpetuo di Jihad (guerra santa).
Quando degli islamici partecipano a manifestazioni per la pace,
vogliono si la pace, ma a modo loro.
Certamente. Ora si tratta di vedere se effettivamente il terrorismo
islamico di oggi aiuta questo disegno. A me sembra che mettersi a far
fuori civili quando hai solo pochi milioni di accoliti e quindi sei in
netta inferiorita' numerica e di mezzi, sia come entrare nella gabbia di
una tigre che dorme e tirarle la coda.

Poi mi sembra che stiamo facendo come berlusca fa coi giudici. Continua a
piangersi come perseguitato, intanto si fa le leggi che gli pare e non si
fa un'ora di galera. Parliamo di pericolo islamico e gli abbiamo pappato
due paesi.

Poi vediamo quanto gli islamici di seconda generazione considereranno
lo stile di vita occidentale decadente.

Poi vediamo i primi islamici che pretendono di togliere agli italiani vino
danze e salumi. Anche gli ottantenni imbracceranno i mitra.
--
"Che abbia voce o no, il popolo puo' essere sempre portato al volere dei
capi. È facile. Tutto quello che dovete fare e' dir loro che sono attaccati,
e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo e in quanto espongono
il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in tutti i paesi."
(Hermann Goering) <<< Sig. heil!
Labirinti
2004-06-03 15:42:30 UTC
Permalink
Post by 3573 bytes free
Post by Labirinti
Secondo il nostro punto di vista, il termine pace significa assenza di
guerra. Quando si manifesta per la pace, si cerca di impedire la
guerra.
Secondo gli islamici, invece, il mondo si divide nella Casa della Pace
(Dar al Islam) e nella Casa della Guerra (Dar al Harb). La Dar al
Islam corrisponde ai territori nei quali regna la legge divina di
Allah, mentre la Dar al Harb corrisponde ai territori che non sono
ancora stati soggiogati all'Islam e sono dunque considerati in uno
stato perpetuo di Jihad (guerra santa).
Quando degli islamici partecipano a manifestazioni per la pace,
vogliono si la pace, ma a modo loro.
Certamente. Ora si tratta di vedere se effettivamente il terrorismo
islamico di oggi aiuta questo disegno. A me sembra che mettersi a far
fuori civili quando hai solo pochi milioni di accoliti e quindi sei in
netta inferiorita' numerica e di mezzi, sia come entrare nella gabbia di
una tigre che dorme e tirarle la coda.
Con tutte le garanzie che riconosce ai delinquenti e ai terroristi,
quella tigre è piuttosto sdentata.
Post by 3573 bytes free
Poi mi sembra che stiamo facendo come berlusca fa coi giudici. Continua a
piangersi come perseguitato, intanto si fa le leggi che gli pare e non si
fa un'ora di galera. Parliamo di pericolo islamico e gli abbiamo pappato
due paesi.
Veramente, gli americani non hanno pappato proprio niente. Loro non
occupano un paese nello stesso modo con cui facevano gli antichi
imperi o le potenze coloniali. Dopo la seconda guerra mondiale, gli
americani avrebbero pappato tutta l'Europa occidentale. Mi sembra che
ci abbiano lasciati abbastanza liberi, o no? Siamo liberi anche di
spernacchiarli. Guarda come si comportano i francesi con loro.
Post by 3573 bytes free
Poi vediamo quanto gli islamici di seconda generazione considereranno
lo stile di vita occidentale decadente.
Che cosa vuol dire decadente? Vuole dire colto, democratico,
benestante? Che cosa c'è da disprezzare in questo?
Post by 3573 bytes free
Poi vediamo i primi islamici che pretendono di togliere agli italiani vino
danze e salumi. Anche gli ottantenni imbracceranno i mitra.
Capirei se loro volessero le nostre tagliatelle al ragù, i garganelli
con prosciutto e panna, gli spaghetti alla carbonara, etc... è quando
mi vogliono rifilare le loro pecore bollite che non ci sto più.
Capirei se loro volessero ascoltare la nostra musica. Invece ci
vogliono rifilare la loro musica e qua non ci siamo proprio. Mi
andrebbe anche bene di ascoltare qualche loro brano ogni tanto, ma che
non mi vengano a vietare Mozart, Vivaldi, Bach, Hendel, Rossini, per
non parlare della "musica leggera" del nostro paese. A quanto pare,
invece, dovremmo rinunciare a tutte le musiche del mondo, dal momento
che appenderebbero radio e TV ai lampioni e ci costringerebbero ad
ascoltare un unico canale di soli sermoni e preghiere islamiche...
(adesso capisco i cristiani-maroniti!).

Quale sarebbe poi il destino delle opere d'arte ed archeologiche del
nostro paese? Se penso che debbano fare la fine delle statue di Budda
afgane, mi vengono i brividi. Siamo i custodi della gran parte delle
opere d'arte dell'occidente ed il nostro compito è di proteggerle. Se
non sapete qual è lo scopo della vita, eccone uno! Il pericolo è
davvero grande. Dovremmo pensarci più seriamente tutti quanti!

Qualcuno ridicolizzava il concetto di patria... Temo che arriveranno
tempi in cui quel concetto ci diventerà chiaro, anzi, chiarissimo.
Spero solo di sbagliare.

Quando ci accorgeremo di com'è fatto il loro Paradiso, sarà troppo
tardi.

Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
3573 bytes free
2004-06-03 20:08:08 UTC
Permalink
Post by Labirinti
Post by 3573 bytes free
Post by Labirinti
Secondo il nostro punto di vista, il termine pace significa assenza di
guerra. Quando si manifesta per la pace, si cerca di impedire la
guerra.
Secondo gli islamici, invece, il mondo si divide nella Casa della Pace
(Dar al Islam) e nella Casa della Guerra (Dar al Harb). La Dar al
Islam corrisponde ai territori nei quali regna la legge divina di
Allah, mentre la Dar al Harb corrisponde ai territori che non sono
ancora stati soggiogati all'Islam e sono dunque considerati in uno
stato perpetuo di Jihad (guerra santa).
Quando degli islamici partecipano a manifestazioni per la pace,
vogliono si la pace, ma a modo loro.
Certamente. Ora si tratta di vedere se effettivamente il terrorismo
islamico di oggi aiuta questo disegno. A me sembra che mettersi a far
fuori civili quando hai solo pochi milioni di accoliti e quindi sei in
netta inferiorita' numerica e di mezzi, sia come entrare nella gabbia di
una tigre che dorme e tirarle la coda.
Con tutte le garanzie che riconosce ai delinquenti e ai terroristi,
quella tigre è piuttosto sdentata.
Questo in stato di pace. E fa anche comodo a chi progetta un futuro stato
di polizia, visto che il lassismo odierno crea l'esasperazione che puo'
fare piu' facilmente accettare un ipotetico nuovo ordine.
Post by Labirinti
Post by 3573 bytes free
Poi mi sembra che stiamo facendo come berlusca fa coi giudici. Continua a
piangersi come perseguitato, intanto si fa le leggi che gli pare e non si
fa un'ora di galera. Parliamo di pericolo islamico e gli abbiamo pappato
due paesi.
Veramente, gli americani non hanno pappato proprio niente.
Illuminami quindi sulla situazione dei contratti petroliferi che ad
esempio la francia aveva con Saddam.
Post by Labirinti
Post by 3573 bytes free
Poi vediamo quanto gli islamici di seconda generazione considereranno lo
stile di vita occidentale decadente.
Qui intendevo dire, vediamo chi, tra gli immigrati di seconda generazione,
considerera' decadente, e quindi da evitare, il nostro stile di vita.
Post by Labirinti
Post by 3573 bytes free
Poi vediamo i primi islamici che pretendono di togliere agli italiani
vino danze e salumi. Anche gli ottantenni imbracceranno i mitra.
....
Post by Labirinti
Quando ci accorgeremo di com'è fatto il loro Paradiso, sarà troppo
tardi.
Mi piace questo disfattismo di destra. Goering docet, vedi sotto.
Insomma secondo te abbiamo gia' perso. Vedremo.
--
"Che abbia voce o no, il popolo puo' essere sempre portato al volere dei
capi. È facile. Tutto quello che dovete fare e' dir loro che sono attaccati,
e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo e in quanto espongono
il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in tutti i paesi."
(Hermann Goering) <<< Sig. heil!
Labirinti
2004-06-04 09:26:57 UTC
Permalink
Post by 3573 bytes free
Post by Labirinti
Post by 3573 bytes free
Poi vediamo i primi islamici che pretendono di togliere agli italiani
vino danze e salumi. Anche gli ottantenni imbracceranno i mitra.
....
Post by Labirinti
Quando ci accorgeremo di com'è fatto il loro Paradiso, sarà troppo
tardi.
Mi piace questo disfattismo di destra. Goering docet, vedi sotto.
Insomma secondo te abbiamo gia' perso. Vedremo.
Io non sono di destra e non credo neanche di essere un disfattista.
Non so se abbiamo già perso, ma la situazione è molto grave. Confronta
per esempio l'indice di natalità degli italiani con quello degli
immigrati islamici. Dovremmo darci da fare per integrarli alla nostra
società, invece dimostriamo di non credere neppure noi ai nostri
stessi valori.

Prendi per esempio il concetto di Patria. Lo so che noi italiani siamo
diventati refrattari a quel concetto. Ci basta sentire quel nome che
ci viene un senso di rigetto. Credo che ciò sia dovuto all'abuso che
se ne è fatto durante il fascismo. Se confronti il nostro sentimento
patriottico con quello dei francesi, la differenza non potrebbe essere
maggiore. La nostra quasi completa assenza di nazionalismo a paragone
con la Grandeur francese è qualcosa di abissale. Noi siamo consapevoli
di avere un ruolo modesto nel consesso internazionale, i francesi
credono di essere più importanti degli USA e non hanno nessun dubbio.

Eppure, patria è il nostro modo di vivere, le cose in cui crediamo, i
nostri valori, la nostra letteratura, la nostra musica, la nostra
arte, il nostro modo di sentire. E' quello che emerge dentro di te
quando vivi all'estero per tanto tempo. Non è una cosa di poco conto.
Non è una cosa a cui possiamo rinunciare come se nulla fosse, per
lasciare il posto al forte senso di appartenenza etnica e religiosa
dei nuovi arrivati.

Sono d'accordo anch'io sulla necessità di evitare stupidi
nazionalismi, però sono anche convinto che il nostro modo di vivere
abbia almeno gli stessi diritti di quello degli immigrati islamici e
se loro vogliono dirci qualcosa di loro, anche noi abbiamo qualcosa da
dire ed il diritto di dirlo.

Ti ricordi delle statue dei Budda afgane che furono distrutte dai
talebani? Fra gli immigrati musulmani, ce ne sono anche di quelli
(radicali) che disprezzano tutto ciò che appartiene a religioni o
culture diverse dalla loro. Questi non esiterebbero un momento a
distruggere le opere d'arte del nostro paese. Si da il caso che
l'Italia sia il paese con la quantità maggiore di opere d'arte ed
archeologiche del mondo. Il destino ci ha nominato loro custodi e
qualcosa vuole che noi le difendiamo. Hai capito che responsabilità
abbiamo?

Labirinti
***@libero.it
Remove A B C
3573 bytes free
2004-06-04 11:47:51 UTC
Permalink
Sono d'accordo su molte cose che dici, anzi, fosse per me agli islamici
non sarebbe permesso nelle mosche proclamare odio verso israeliani o
infedeli, li rimpatrierei in gommone.

Il problema e' che la contrapposizione islam occidente sta diventando un
alibi per dividere il popolino e giustificare una crisi economica che e'
invece pura conseguenza di un capitalismo globale ben diverso da quello
che ha garantito il benessere nei decenni scorsi.
--
"Che abbia voce o no, il popolo puo' essere sempre portato al volere dei
capi. È facile. Tutto quello che dovete fare e' dir loro che sono attaccati,
e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo e in quanto espongono
il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in tutti i paesi."
(Hermann Goering) <<< Sig. heil!
Dathon
2004-06-03 16:09:24 UTC
Permalink
In data Thu, 03 Jun 2004 12:00:21 +0200, Labirinti
Post by Labirinti
Per loro la pace viene ottenuta
combattendoci, conquistandoci e soggiogandoci.
Perché invece in Iraq la pace "noi" come ce l'abbiamo portata?
Post by Labirinti
Mentre alla gente del libro (ebrei e cristiani) verrebbe teoricamente
concesso uno stato di inferiorità (dimmitude), agli altri non
resterebbe che di convertirsi o di venire uccisi. In realtà, vengono
spesso uccisi anche gli ebrei e cristiani.
Mi piace il tuo stile. Interpreti letteralmente un testo religioso,
che già di per sé è un modo tendenzioso di impostare l'analisi, poi
quando il testo non ti viene più in aiuto, ci piazzi un "in realtà"
e continui imperterrito per la tua strada. In sostanza hai
dimostrato che i terroristi islamici sono integralisti solo finché
gli fa comodo, che è quanto vanno ripetendo moltissimi islamisti di
tutte le religioni da almeno un decennio.
--
***@tanagra
Continua a leggere su narkive:
Loading...