Discussione:
Caro Salvini, è ora di iniziare le espulsioni di massa.
(troppo vecchio per rispondere)
Filippo Giustiniani
2018-08-07 12:42:32 UTC
Permalink
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
ernesto
2018-08-07 15:14:22 UTC
Permalink
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Il problema sono i paracadute, poichè se non si hanno accordi coi Paesi africani la soluzione è pracadutarli 'ndo cojo cojo. I paracdute possono essere acquistati usati su Internet a 300 euro l'uno.

Ovviamnte ogni volo costerà circa 400mila euro che gli Italiani saranno felici di pagare con l'aumento dell'IVA.

Poichè gli irregolari sono 450 mila e ogni aereo ne può portare solo 200, occorreranno circa 2255 voli per un costo di circa 8 miliardi, paracadute a parte (€ 300 x 450.000 =135.000.000 €)

Bisogna considerare anche che alcuni aerei verranno abbattuti dalle contraerei dei Paesi sorvolati senza permesso.

Auguri.

;-))))))))))))))))))))))))))))))))))

e
Antonio Santoro
2018-08-08 09:47:42 UTC
Permalink
Post by ernesto
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è
troppo disturbo per lui.
Il problema sono i paracadute, poichè se non si hanno accordi coi
Paesi africani la soluzione è pracadutarli 'ndo cojo cojo. I
paracdute possono essere acquistati usati su Internet a 300 euro
l'uno.
Ovviamnte ogni volo costerà circa 400mila euro che gli Italiani
saranno felici di pagare con l'aumento dell'IVA.
Poichè gli irregolari sono 450 mila e ogni aereo ne può portare solo
200, occorreranno circa 2255 voli per un costo di circa 8 miliardi,
paracadute a parte (? 300 x 450.000 =135.000.000 ?)
Bisogna considerare anche che alcuni aerei verranno abbattuti dalle
contraerei dei Paesi sorvolati senza permesso.
Auguri.
;-))))))))))))))))))))))))))))))))))
e
Pagherei qualunque cifra pur di togliermi dai coglioni gli invasori.
Gennaro
2018-08-09 13:16:00 UTC
Permalink
Post by ernesto
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Il problema sono i paracadute, poichè se non si hanno accordi coi Paesi africani la soluzione è pracadutarli 'ndo cojo cojo. I paracdute possono essere acquistati usati su Internet a 300 euro l'uno.
Ovviamnte ogni volo costerà circa 400mila euro che gli Italiani saranno felici di pagare con l'aumento dell'IVA.
Poichè gli irregolari sono 450 mila e ogni aereo ne può portare solo 200, occorreranno circa 2255 voli per un costo di circa 8 miliardi, paracadute a parte (€ 300 x 450.000 =135.000.000 €)
Bisogna considerare anche che alcuni aerei verranno abbattuti dalle contraerei dei Paesi sorvolati senza permesso.
Auguri.
;-))))))))))))))))))))))))))))))))))
e
Non è necessario un paracadute, chiedere al clandestino dove vorrà essere condotto e in caso di rifiuto, dovrà essere previsto una meta comune come ad esempio il centro di detenzione in Libia, o direttamente li da dove sono partiti. Volendo non è molto difficile.
fiori....
2018-08-10 11:33:35 UTC
Permalink
Post by ernesto
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Il problema sono i paracadute, poichè se non si hanno accordi coi Paesi africani la soluzione è pracadutarli 'ndo cojo cojo. I paracdute possono essere acquistati usati su Internet a 300 euro l'uno.
Ovviamnte ogni volo costerà circa 400mila euro che gli Italiani saranno felici di pagare con l'aumento dell'IVA.
Poichè gli irregolari sono 450 mila e ogni aereo ne può portare solo 200, occorreranno circa 2255 voli per un costo di circa 8 miliardi, paracadute a parte (€ 300 x 450.000 =135.000.000 €)
Bisogna considerare anche che alcuni aerei verranno abbattuti dalle contraerei dei Paesi sorvolati senza permesso.
Auguri.
;-))))))))))))))))))))))))))))))))))
e
Ottimo. Usate quest argomento. Usatelo il più possibile!
L'obiezione che viene in mente a una persona normale davanti a cotanto ragionamento è una sola! :-)))))
Invito qualunque xenofilo a dire il più possibile che i clandestini non si possono espellere.
Luigino Ferrari
2018-08-08 08:53:44 UTC
Permalink
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
brif 2014
2018-08-08 09:46:35 UTC
Permalink
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Regolarizzazione, percorsi lavorativi, integrazione, lavoro.
Rappresentano una percentuale irrilevante rispetto alla popolazione italiana.
Meno dell'1%.
Loro, i loro figli e nipoti rappresentano cmq un goccia per il supporto demografico di invecchiamento e per lo sviluppo dell'Italia.

Il cazzaro verde non lo farà?
Nessun problema.
Se non l'incremento di razzismo e reazioni.

Il canile cmq è tranquillo, a casa dietro il monitor.

brif
Luigino Ferrari
2018-08-09 13:22:15 UTC
Permalink
On Wed, 8 Aug 2018 02:46:35 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Regolarizzazione, percorsi lavorativi, integrazione, lavoro.
Belle, appropriate terminologie - come e' tua prassi, del resto - ma
il problema e' come riuscire a promuoverle, attuarle, concretizzarle.
Post by brif 2014
Rappresentano una percentuale irrilevante rispetto alla popolazione italiana.
Meno dell'1%.
Convengo, ma il guaio e' che migliaia, ormai milioni di nostri hanno e
stanno rivendicando le stesse impellenze e necessita', che non
riusciamo ad assolvere.
Post by brif 2014
Loro, i loro figli e nipoti rappresentano cmq un goccia per il supporto demografico di invecchiamento e per lo sviluppo dell'Italia.
Sulle chiamate nominative - come si e' sempre fatto da che mondo e
mondo, proprio dai paesi nati e cresciuti sull'immigrazione nulla da
eccepire, sugli arrivi, (permetti la battuta, di un tanto al chilo con
barconi) non ci potranno fare affidamento ne' l'Italia, ne' gli
italiani, ne' loro medesimi, viste le prospettive ed i risultati a
tutt'oggi conseguiti.
Post by brif 2014
Il cazzaro verde non lo farà?
Nessun problema.
Se non l'incremento di razzismo e reazioni.
Non sono felice di ribadire che questa e' o potrebbe essere la sola
realista soluzione, alla drammatica tragedia che cosi' affrontata, non
avrebbe ne' soluzione, ne' fine.
Post by brif 2014
Il canile cmq è tranquillo, a casa dietro il monitor.
Se fossi realista nel serio anzi concreto, quanto le sei nel faceto o
spiritoso saresti insuperabile.
Post by brif 2014
brif
brif 2014
2018-08-10 10:37:22 UTC
Permalink
Post by Luigino Ferrari
On Wed, 8 Aug 2018 02:46:35 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Regolarizzazione, percorsi lavorativi, integrazione, lavoro.
Belle, appropriate terminologie - come e' tua prassi, del resto - ma
il problema e' come riuscire a promuoverle, attuarle, concretizzarle.
Tu esprimi opinioni non supportate dai numeri.
Quindi sbagli e alla grande.
Il numero di migranti neri sbarcati e' stato di circa 500.000,
forse 600mila.
IN quattro anni.
L'1% della popolazione italiana.
Di questi circa 200000 hanno diritto di rimanere in Italia
in quanto asilati, e almeno 100mila sono transitati in Europa.
In parte i dossier di asilo sono ancora in valutazione.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.


500mila /600mila rappresenta lo zoccolo degli stranieri
irregolari da vent'anni a questa parte. Sanati da almeno nove regolarizzazioni compresa quella di Bossi.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.

Il 95% degli attuali stranieri regolari proviene dalla irregolarita'.
E oggi costoro contribuiscono al PIL dell'Italia, anche con circa
500mila imprese.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.

Regolarizzare a fronte di un lavoro e' una potente forma di integrazione.
Lo capi' anche Bossi.

Il lavoro degli stranieri, perlopiu' nella ristorazione, servizi
alla persona, marittimi, edilizia, agricoltura (sfruttati quest'ultimi indecentemente da italianissimi cosiddetti imprenditori agricoli) e' complementare a quello degli italiani.
Leggi qualcosa di Moressa o Caritas. Sono fatti

Infine, costoro rappresentano il futuro demografico e di sviluppo per l'Italia. Leggi qualcosa in merito.

Per il resto, sei ripetitivo nelle tue opinioni non supportate da fatti e numeri. E' soltanto un lamento il tuo.

brif
Luigino Ferrari
2018-08-11 08:22:52 UTC
Permalink
On Fri, 10 Aug 2018 03:37:22 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
On Wed, 8 Aug 2018 02:46:35 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Regolarizzazione, percorsi lavorativi, integrazione, lavoro.
Belle, appropriate terminologie - come e' tua prassi, del resto - ma
il problema e' come riuscire a promuoverle, attuarle, concretizzarle.
Tu esprimi opinioni non supportate dai numeri.
I numeri ci vengono sciorinati giorno do giorno
Post by brif 2014
Quindi sbagli e alla grande.
Non dire proprio
Post by brif 2014
Il numero di migranti neri sbarcati e' stato di circa 500.000,
forse 600mila.
IN quattro anni.
Non ne ho mai fatto una questione di numeri, bensi' del come i tanti o
i pochi vengono gestiti, inseriti, omologati, integrati.
Post by brif 2014
L'1% della popolazione italiana.
Di questi circa 200000 hanno diritto di rimanere in Italia
in quanto asilati, e almeno 100mila sono transitati in Europa.
In parte i dossier di asilo sono ancora in valutazione.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
Fatti che ignorano lo stato di crescente disagio e degrado non di
qualche zona o area del paese ma dell'intera Penisola.
Post by brif 2014
500mila /600mila rappresenta lo zoccolo degli stranieri
irregolari da vent'anni a questa parte. Sanati da almeno nove regolarizzazioni compresa quella di Bossi.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
500,600mila irregolari che girovagano per paesi e citta' sono una
massa fuori controllo enorme, ma se sei soddisfatto si prosegua.
Post by brif 2014
Il 95% degli attuali stranieri regolari proviene dalla irregolarita'.
Ma e' proprio su questa irregolarita' - fuori dalla prassi delle
grandi migrazioni, Usa, Australia, Israele - supposto sia divenuta
regolarita', che dissento.
Post by brif 2014
E oggi costoro contribuiscono al PIL dell'Italia, anche con circa
500mila imprese.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
Resto scettico su entrambi i dati. Se potessimo ipoteticamente o
egoisticamente fare marcia indietro, tornando a 50, 55 milioni, dubito
che gli italiani starebbero peggio. Se cosi' non fosse vorrebbe dire
che passando a 70, 80 milioni staremmo da Dio, il che non e' vero.
Post by brif 2014
Regolarizzare a fronte di un lavoro e' una potente forma di integrazione.
Lo capi' anche Bossi.
Regolarizzare purtroppo, gli accadimenti quotidiani lo confermano, e'
cosa molto diversa dall'integrare, che la stragrande maggioranza pare
purtroppo non accettare.
Post by brif 2014
Il lavoro degli stranieri, perlopiu' nella ristorazione, servizi
alla persona, marittimi, edilizia, agricoltura (sfruttati quest'ultimi indecentemente da italianissimi
cosiddetti imprenditori agricoli) e' complementare a quello degli italiani.
Non e' cosi' rosea la situazione - se debbo dirla tutta - nella
maggioranza dei casi c'e' insoddisfazione su entrambi i fronti.
Per cui, se in un ipotetico negoziato si va male in due e' preferibile
non evitarlo
Post by brif 2014
Leggi qualcosa di Moressa o Caritas. Sono fatti
Infine, costoro rappresentano il futuro demografico e di sviluppo per l'Italia. Leggi qualcosa in merito.
Per il resto, sei ripetitivo nelle tue opinioni non supportate da fatti e numeri. E' soltanto un lamento il tuo.
brif
Se i problemi anziche' risolti - quanti lo sono stati ?) vengono
rinviati, procastinati,ignorati,0 si possono, anzi si debbono ad
oltranza riporoporre, ma se pensi che questo sia un mio pedissequoso
ripetersi, sospendo qui la ripetitivita' e mi rimetto al tempo ai
riscontri, ed ai risultati che sequiranno.
brif 2014
2018-08-11 10:38:25 UTC
Permalink
Post by Luigino Ferrari
On Fri, 10 Aug 2018 03:37:22 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
On Wed, 8 Aug 2018 02:46:35 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Regolarizzazione, percorsi lavorativi, integrazione, lavoro.
Belle, appropriate terminologie - come e' tua prassi, del resto - ma
il problema e' come riuscire a promuoverle, attuarle, concretizzarle.
Tu esprimi opinioni non supportate dai numeri.
I numeri ci vengono sciorinati giorno do giorno
Luigì, chi sciorina numeri giorno per giorno?
Io ti ho segnalato un primo numero, i 600mila sbarcati, che dato
che rappresenta l'1% della popolazione italiana, rende una panzana
il mantra dell'invasione.
E siccome poi leggo qualcosa che ancora ti sfugge, di questi 600mila
circa 200mila hanno DIRITTO a rimanere in Italia in quanto asilati,
E se non possono allontanarsi dall'Italia, il ringraziamento va alle
destre che hanno votato la "regola" di Dublino. Informati cos'è.
Altri 100mila circa se ne sono andati dall'Italia per il nord Europa,
una gran parte ha ancora i dossier di asilo aperti, e una piccola parte è
irregolare.
Numeri del tutto irrilevanti per supportare "l'invasione".
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Quindi sbagli e alla grande.
Non dire proprio
Io riporto dati, numeri, fatti
Tu riporti impressioni e non cambi la realtà scrivendo "non direi proprio".
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Il numero di migranti neri sbarcati e' stato di circa 500.000,
forse 600mila.
IN quattro anni.
Non ne ho mai fatto una questione di numeri,
Vedo che fai marcia indietro sul mantra dell'invasione. Bravo.


bensi' del come i tanti o
Post by Luigino Ferrari
i pochi vengono gestiti, inseriti, omologati, integrati.
Mai negato che a valle dell'accoglienza ci siano mancanze.
Però eviti di commentare la questione dei sindaci leghisti
che si oppongono al sistema SPRAR (ottimo nella gestione
dell'accoglienza a valle, informati) e costringere le Prefetture
a concedere contratti a privati, con conseguenze negative per
addensamenti in particolari zone.

Peraltro mi domando come fai a dare avventati giudizi su inseriti
e omologati senza conoscere, ma soltanto per sensazione o per visione
del "negro con iphone".
Inoltre gli esseri umani non si omologano (cosa significa?) e se
visitassi qualche centro di accoglienza potresti verificare tu stesso
quali sono le prime azioni d'integrazione. Ad esempio la lingua italiana.
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
L'1% della popolazione italiana.
Di questi circa 200000 hanno diritto di rimanere in Italia
in quanto asilati, e almeno 100mila sono transitati in Europa.
In parte i dossier di asilo sono ancora in valutazione.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
Fatti che ignorano lo stato di crescente disagio e degrado non di
qualche zona o area del paese ma dell'intera Penisola.
Ti ho scritto che sono d'accordo, ma ho anche motivato il perchè
della problematica.
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
500mila /600mila rappresenta lo zoccolo degli stranieri
irregolari da vent'anni a questa parte. Sanati da almeno nove regolarizzazioni compresa quella di Bossi.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
500,600mila irregolari che girovagano per paesi e citta' sono una
massa fuori controllo enorme, ma se sei soddisfatto si prosegua.
Non sono 600mila che vagano.
Luigì, non fare il furbetto con me.
Hai un'età che dovrebbe portarti ad accettare di aver detto minchiate, quando le dici.
Vedi la macchia indelebile che ti ricopre :-) circa il tuo appoggio
a priori a Belusconi.
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Il 95% degli attuali stranieri regolari proviene dalla irregolarita'.
Ma e' proprio su questa irregolarita' - fuori dalla prassi delle
grandi migrazioni, Usa, Australia, Israele - supposto sia divenuta
regolarita', che dissento.
Puoi pure dissentire, ma sono i 5 ml di regolari, un tempo irregolari,
che contribuiscono a pil e welfare. Come lo saranno gli attuali pochi irregolari, che il cazzaro verde si illude di rimandare indietro.
E inoltre i paragoni con Australia, Israele, ecc. sono minchiate.
Absit iniuria verbis.

E gli USA sono esempio di come i migranti hanno fatto grande questa nazione.
Compresi gli 11 milioni attuali di irregolari e clandestini che Trump vorrebbe cacciare.
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
E oggi costoro contribuiscono al PIL dell'Italia, anche con circa
500mila imprese.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
Resto scettico su entrambi i dati.
Il tuo scetticismo è in realtà ignoranza sui numeri che scrivo.
Non ti resta che informarti.
Post by Luigino Ferrari
Se potessimo ipoteticamente o
egoisticamente fare marcia indietro, tornando a 50, 55 milioni, dubito
che gli italiani starebbero peggio. Se cosi' non fosse vorrebbe dire
che passando a 70, 80 milioni staremmo da Dio, il che non e' vero.
Quando la smetterai, quando la smetterete con questa puttanata dei 70,
80 milioni?

TUTTI gli scenari demografici prevedono forte decremento della popolazione
a fine secolo, accompagnato da un devastante invecchiamento della popolazione (tasso di natalità 1,35 in continua decrescita da 50 anni),
con forze lavorative che non supporteranno welfare e sviluppo.
Numeri, numeri, numeri, Luigino. Numeri che smontano le percezioni di realtà.
Leggi qualcosa in merito.
Non di fogli razzisti, ma di organizzazioni sovranazionali o nazionali.
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Regolarizzare a fronte di un lavoro e' una potente forma di integrazione.
Lo capi' anche Bossi.
Regolarizzare purtroppo, gli accadimenti quotidiani lo confermano, e'
cosa molto diversa dall'integrare, che la stragrande maggioranza pare
purtroppo non accettare.
Pare?
Continui con le sensazioni e con stereotipi e pregiudizi.
E con voler estendere alcuni casi di delinquenza - fatti personali -
ad intere etnie. O meglio, ai "negri" in genere.

Mi arrendo, evidentemente.
Casomai allora discutiamo dei siciliani TUTTI mafiosi. Che ne dici?
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Il lavoro degli stranieri, perlopiu' nella ristorazione, servizi
alla persona, marittimi, edilizia, agricoltura (sfruttati quest'ultimi indecentemente da italianissimi
cosiddetti imprenditori agricoli) e' complementare a quello degli italiani.
Non e' cosi' rosea la situazione - se debbo dirla tutta - nella
maggioranza dei casi c'e' insoddisfazione su entrambi i fronti.
:-) Normale che il datore di lavoro non sia in genere contento del proprio dipendente e viceversa.
E allora?
Post by Luigino Ferrari
Per cui, se in un ipotetico negoziato si va male in due e' preferibile
non evitarlo
Post by brif 2014
Leggi qualcosa di Moressa o Caritas. Sono fatti
Infine, costoro rappresentano il futuro demografico e di sviluppo per l'Italia. Leggi qualcosa in merito.
Per il resto, sei ripetitivo nelle tue opinioni non supportate da fatti e numeri. E' soltanto un lamento il tuo.
Se i problemi anziche' risolti - quanti lo sono stati ?) vengono
rinviati, procastinati,ignorati,
Mbè i 5 ml di stranieri regolari non soltanto non sono un problema, bensì
sono una grande opportunità per l'Italia.
Come il milione di ragazzini e ragazzine da ius soli, futuri italiani.
E come i tanti asilati che rimarranno regolari in Italia e saranno naturalizzati dopo 5 anni dalla concessione dell'asilo.
Post by Luigino Ferrari
0 si possono, anzi si debbono ad
oltranza riporoporre, ma se pensi che questo sia un mio pedissequoso
ripetersi, sospendo qui la ripetitivita' e mi rimetto al tempo ai
riscontri, ed ai risultati che sequiranno.
Ciao Luigino.

brif
x05
2018-08-11 11:00:55 UTC
Permalink
Post by brif 2014
Luigì, chi sciorina numeri giorno per giorno?
Io ti ho segnalato un primo numero, i 600mila sbarcati,
che dato che rappresenta l'1% della popolazione
italiana, rende una panzana il mantra dell'invasione.
Invasione: irruzione violenta o arbitraria di persone in un
luogo.
Luigino Ferrari
2018-08-12 09:50:14 UTC
Permalink
On Sat, 11 Aug 2018 03:38:25 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
On Fri, 10 Aug 2018 03:37:22 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
On Wed, 8 Aug 2018 02:46:35 -0700 (PDT), brif 2014
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Regolarizzazione, percorsi lavorativi, integrazione, lavoro.
Belle, appropriate terminologie - come e' tua prassi, del resto - ma
il problema e' come riuscire a promuoverle, attuarle, concretizzarle.
Tu esprimi opinioni non supportate dai numeri.
I numeri ci vengono sciorinati giorno do giorno
Luigì, chi sciorina numeri giorno per giorno?
Cambi, mercato, spread, a farla breve, mi dispiace ripeterlo
un'economia in affanno.
Post by brif 2014
Io ti ho segnalato un primo numero, i 600mila sbarcati, che dato
che rappresenta l'1% della popolazione italiana, rende una panzana
il mantra dell'invasione.
La considerazione ci sta tutta, ma 600 mila individui - con idiomi,
culture, esigenze, tradizioni, rivendicazioni agli antipodi - permetti
la battuta: randagi o allo stato brado, quindi fuori controllo - sono
un costo ed una problematica sociale, anche di ordine pubblico,
tutt'altro che trascurabile.
Post by brif 2014
E siccome poi leggo qualcosa che ancora ti sfugge, di questi 600mila
circa 200mila hanno DIRITTO a rimanere in Italia in quanto asilati,
E se non possono allontanarsi dall'Italia, il ringraziamento va alle
destre che hanno votato la "regola" di Dublino. Informati cos'è.
Altri 100mila circa se ne sono andati dall'Italia per il nord Europa,
una gran parte ha ancora i dossier di asilo aperti, e una piccola parte è
irregolare.
Numeri del tutto irrilevanti per supportare "l'invasione".
La faccio breve, si incominci a rimpatriare trasgredienti e
irregolari, dando per inciso un segnale che non c'e' posto per nuovi
accoglimenti. Se poi e' questioni di costi, anche lo dovessimo fare
individualmente sempre conveniente tornerebbe.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Quindi sbagli e alla grande.
Non dire proprio
Io riporto dati, numeri, fatti
Tu riporti impressioni e non cambi la realtà scrivendo "non direi proprio".
Mi ripeto: i problemi rinviati, posticipati, non risolti, vanno
riproposti sino alla loro sperata soddisfacente soluzione.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Il numero di migranti neri sbarcati e' stato di circa 500.000,
forse 600mila.
IN quattro anni.
Non ne ho mai fatto una questione di numeri,
Vedo che fai marcia indietro sul mantra dell'invasione. Bravo.
Mai usato il termine invasione, bensi' fattibilita' con realiste
reciproche soddisfacenti soluzioni del drammatico problema.
Post by brif 2014
bensi' del come i tanti o
Post by Luigino Ferrari
i pochi vengono gestiti, inseriti, omologati, integrati.
Mai negato che a valle dell'accoglienza ci siano mancanze.
Mancanze purtroppo - una volta onestamente riconosciute -
circoscrivibili, incominciando dal severo contingentamento.
Post by brif 2014
Però eviti di commentare la questione dei sindaci leghisti
che si oppongono al sistema SPRAR (ottimo nella gestione
dell'accoglienza a valle, informati) e costringere le Prefetture
a concedere contratti a privati, con conseguenze negative per
addensamenti in particolari zone.
Non entri nel merito del come: ossia, se chi ha generosamente accolto,
rispetto a chi si e' tartuffamente rifiutato - abbia veramente
risolto, integrato, soddisfatto, pacificato, cittadinanza e accolti.
Troppi abusi, disordini, malcontento, caos per andarne orgogliosi.
Post by brif 2014
Peraltro mi domando come fai a dare avventati giudizi su inseriti
e omologati senza conoscere, ma soltanto per sensazione o per visione
del "negro con iphone".
Mi limito ad una perentoria considerazione, il disagio e' tanto,
diffuso, potrei dire al limite della sopportabilita'.
Post by brif 2014
Inoltre gli esseri umani non si omologano (cosa significa?) e se
visitassi qualche centro di accoglienza potresti verificare tu stesso
quali sono le prime azioni d'integrazione. Ad esempio la lingua italiana.
I primi riscontri di una possibile integrazione - se suona male il
termine omologazione - sta o starebbe nella disponibilita' di
volerlo fare, che non si rileva.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
L'1% della popolazione italiana.
Di questi circa 200000 hanno diritto di rimanere in Italia
in quanto asilati, e almeno 100mila sono transitati in Europa.
In parte i dossier di asilo sono ancora in valutazione.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
Fatti che ignorano lo stato di crescente disagio e degrado non di
qualche zona o area del paese ma dell'intera Penisola.
Ti ho scritto che sono d'accordo, ma ho anche motivato il perchè
della problematica.
Motivato ma lungi dal risolverlo o dall'uscirne.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
500mila /600mila rappresenta lo zoccolo degli stranieri
irregolari da vent'anni a questa parte. Sanati da almeno nove regolarizzazioni compresa quella di Bossi.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
500,600mila irregolari che girovagano per paesi e citta' sono una
massa fuori controllo enorme, ma se sei soddisfatto si prosegua.
Non sono 600mila che vagano.
Luigì, non fare il furbetto con me.
Hai un'età che dovrebbe portarti ad accettare di aver detto minchiate, quando le dici.
Vedi la macchia indelebile che ti ricopre :-) circa il tuo appoggio
a priori a Belusconi.
Ti vuoi salvare in calcio d'angolo, malgrado i disadattati, mendicanti
- per non usare un termine piu' pesante, vagabondi - sono
verosimilmente pure di piu'.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Il 95% degli attuali stranieri regolari proviene dalla irregolarita'.
Ma e' proprio su questa irregolarita' - fuori dalla prassi delle
grandi migrazioni, Usa, Australia, Israele - supposto sia divenuta
regolarita', che dissento.
Puoi pure dissentire, ma sono i 5 ml di regolari, un tempo irregolari,
Su questi nulla da eccepire.
Post by brif 2014
che contribuiscono a pil e welfare. Come lo saranno gli attuali pochi irregolari, che il cazzaro verde si illude di rimandare indietro.
E inoltre i paragoni con Australia, Israele, ecc. sono minchiate.
Absit iniuria verbis.
Storia e civilta' si sono sempre fondate e logicamente migliorate
sull'esperienze di coloro che le hanno precedute.
Post by brif 2014
E gli USA sono esempio di come i migranti hanno fatto grande questa nazione.
Compresi gli 11 milioni attuali di irregolari e clandestini che Trump vorrebbe cacciare.
O perlomeno - come e' suo diritto e probabilmente dovere - non
accrescere.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
E oggi costoro contribuiscono al PIL dell'Italia, anche con circa
500mila imprese.
Questi sono fatti e non opinioni come le tue.
Resto scettico su entrambi i dati.
Il tuo scetticismo è in realtà ignoranza sui numeri che scrivo.
Non ti resta che informarti.
Allora torno ad un mio consueto slogan tempo al tempo.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Se potessimo ipoteticamente o
egoisticamente fare marcia indietro, tornando a 50, 55 milioni, dubito
che gli italiani starebbero peggio. Se cosi' non fosse vorrebbe dire
che passando a 70, 80 milioni staremmo da Dio, il che non e' vero.
Quando la smetterai, quando la smetterete con questa puttanata dei 70,
80 milioni?
Se la spuntassero le vostre aperture sarebbe questione, masssimo, di
qualche decennio.
Post by brif 2014
TUTTI gli scenari demografici prevedono forte decremento della popolazione
a fine secolo, accompagnato da un devastante invecchiamento della popolazione (tasso di natalità 1,35 in continua decrescita da 50 anni),
con forze lavorative che non supporteranno welfare e sviluppo.
Numeri, numeri, numeri, Luigino. Numeri che smontano le percezioni di realtà.
Leggi qualcosa in merito.
Non di fogli razzisti, ma di organizzazioni sovranazionali o nazionali.
Mi ripeto, con le vostre aperture il continente africano diverebbe una
fonte inesauribile un pozzo di S. Patrizio,
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Regolarizzare a fronte di un lavoro e' una potente forma di integrazione.
Lo capi' anche Bossi.
Regolarizzare purtroppo, gli accadimenti quotidiani lo confermano, e'
cosa molto diversa dall'integrare, che la stragrande maggioranza pare
purtroppo non accettare.
Pare?+
Per come si comportano lo comprovano.
Post by brif 2014
Continui con le sensazioni e con stereotipi e pregiudizi.
E con voler estendere alcuni casi di delinquenza - fatti personali -
ad intere etnie. O meglio, ai "negri" in genere.
Mi arrendo, evidentemente.
Casomai allora discutiamo dei siciliani TUTTI mafiosi. Che ne dici?
Post by Luigino Ferrari
Post by brif 2014
Il lavoro degli stranieri, perlopiu' nella ristorazione, servizi
alla persona, marittimi, edilizia, agricoltura (sfruttati quest'ultimi indecentemente da italianissimi
cosiddetti imprenditori agricoli) e' complementare a quello degli italiani.
Non e' cosi' rosea la situazione - se debbo dirla tutta - nella
maggioranza dei casi c'e' insoddisfazione su entrambi i fronti.
:-) Normale che il datore di lavoro non sia in genere contento del proprio dipendente e viceversa.
E allora?
Allora almeno restiamo insoddisfatti fra noi, ma accoglierne degli
altri - da rendere insoddisfati mi sembra fuori luogo.
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Per cui, se in un ipotetico negoziato si va male in due e' preferibile
non evitarlo
Post by brif 2014
Leggi qualcosa di Moressa o Caritas. Sono fatti
Infine, costoro rappresentano il futuro demografico e di sviluppo per l'Italia. Leggi qualcosa in merito.
Per il resto, sei ripetitivo nelle tue opinioni non supportate da fatti e numeri. E' soltanto un lamento il tuo.
Se i problemi anziche' risolti - quanti lo sono stati ?) vengono
rinviati, procastinati,ignorati,
Mbè i 5 ml di stranieri regolari non soltanto non sono un problema, bensì
sono una grande opportunità per l'Italia.
Come il milione di ragazzini e ragazzine da ius soli, futuri italiani.
E come i tanti asilati che rimarranno regolari in Italia e saranno naturalizzati dopo 5 anni dalla concessione dell'asilo.
Post by Luigino Ferrari
0 si possono, anzi si debbono ad
oltranza riporoporre, ma se pensi che questo sia un mio pedissequoso
ripetersi, sospendo qui la ripetitivita' e mi rimetto al tempo ai
riscontri, ed ai risultati che sequiranno.
Ciao Luigino.
brif
fiori....
2018-08-10 11:34:45 UTC
Permalink
Post by brif 2014
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Regolarizzazione, percorsi lavorativi, integrazione, lavoro.
Rappresentano una percentuale irrilevante rispetto alla popolazione italiana.
Meno dell'1%.
Loro, i loro figli e nipoti rappresentano cmq un goccia per il supporto demografico di invecchiamento e per lo sviluppo dell'Italia.
Il cazzaro verde non lo farà?
Nessun problema.
Se non l'incremento di razzismo e reazioni.
Il canile cmq è tranquillo, a casa dietro il monitor.
brif
Sì sì credici che ci ridurremo come la Francia! :-)))))
Ehi, li vedi gli sbarchi? Guarda bene, li vedi? No, non li vedi? E certo, non sbarcano più! Prenditelo in saccoccia! :-))))
cicap
2018-08-08 09:51:34 UTC
Permalink
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
In effetti. Ma la situazione non e' proprio quella che pensi tu luiggi.

La situazione da cui bisogna uscire e' la presenza di una cospicua parte di ritardati italiani, tra cui evidentemente ci sei anche tu, che pensa di essere invasa da una percentuale fortemente minoritaria, numero su cui la maggior parte di stati europei farebbe subito la firma.
Luigino Ferrari
2018-08-09 13:09:29 UTC
Permalink
Post by cicap
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
In effetti.
Purtroppo.
Post by cicap
Ma la situazione non e' proprio quella che pensi tu luiggi.
Quale eggettivamente sarebbe ?
Post by cicap
La situazione da cui bisogna uscire e' la presenza di una cospicua parte di ritardati italiani, tra cui evidentemente ci sei anche tu,
che pensa di essere invasa da una percentuale fortemente minoritaria, numero su cui la maggior parte di stati europei farebbe subito la firma.
Ci tratti un po' maluccio, anzi volgarmente ma lasciamo perdere, il
problema non e' dei quanti, ma del come si stanno risolvendo i
problemi nostri e dei tanti o pochi di loro. Se posso sintetizzare
aggiungo: inadeguatamente, i nostri ed i loro purtroppo!!!
ernesto
2018-08-08 10:15:20 UTC
Permalink
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Ne usciremo facilmente: basta dare più permessi di soggiorno in moo che gli irregolari diventino regolari e possno lavorre. Oppure fare una bell snaatoiuo generale come quella fatta dal rio criminale nBOSSI-BERLUSCONI-FINI ( tutti è tre delinquneti da galera) ma che nel 2003 fecero una cosa giusta sanando la situazione di un milione di irregolari.

Ci sono molti posti di lavoiro vacanti e serve manodopera. I rapprfesentanti delkla RISTORAZIONE lamentano 24mila posti di lavoro non occupati, non si trova gebnte che voglia fare quel lavoro, gli extracomunitare correrebbero in massa a farlo: buono stipendio e tutto legale!
Certo, lavoro duro, ma meno che nei campi, orari scomodi, domenica è il giorno di puynta, per i giovani italiani evidentemente è troppa fatica... aspettano il reddito di fancazzismo.

e
e
Luigino Ferrari
2018-08-09 13:04:35 UTC
Permalink
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Ti seguo con interesse.
Basta dare più permessi di soggiorno in moo che gli irregolari diventino regolari e possno lavorre.
Ma se gia' in tanti dei nostri non hanno o cercano lavoro come si fa a
procurarne con tanta facilita' o abbondanzia ad altri ?
Oppure fare una bell snaatoiuo generale come quella fatta dal rio criminale nBOSSI-BERLUSCONI-FINI ( tutti è tre delinquneti
da galera) ma che nel 2003 fecero una cosa giusta sanando la situazione di un milione di irregolari.
Non entro nel merito dei chiamati in causa anzi criminalizzati,
aggiungo solo - che l'eventuale cambio dello stato di diritto
dell'ipotetico milione di irregolari da parte dei nuovi, non
cambierebbe il loro stato di necessita' e bisogno. Se il lavoro manca,
per tanti dei nostri, non ci sono attributi, nomenclature o qualifiche
che lo possano creare.
Ci sono molti posti di lavoiro vacanti e serve manodopera.
Ecco l'equivoco, il lavoro ci sarebbe, ma non ci sarebbero i
disponibili a svalgerlo a certe condizioni, e quindi vorremmo che
quelli lo svolgessero con compensi che i nostri rifiutano.
I rapprfesentanti delkla RISTORAZIONE lamentano 24mila posti di lavoro non occupati, non si trova gebnte che voglia fare quel lavoro,
Per sei mesi poi in piazza a protestare, senza dire che questa sarebbe
un subdola forma di sfruttamento se non di razzismo.
buono stipendio e tutto legale!
Certo, lavoro duro, ma meno che nei campi, orari scomodi, domenica è il giorno di puynta, per i giovani italiani evidentemente è troppa fatica...
aspettano il reddito di fancazzismo.
e
Morale ci siamo messi in un ginepraio e non so come faremo ad uscirne.
ernesto
2018-08-12 01:11:05 UTC
Permalink
Post by Luigino Ferrari
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Ti seguo con interesse.
Basta dare più permessi di soggiorno in modo che gli irregolari diventino regolari e possano lavorre.
Ma se gia' in tanti dei nostri non hanno o cercano lavoro come si fa a
procurarne con tanta facilita' o abbondanzia ad altri ?
Oppure fare una bell sanatoria generale come quella fatta dal trio criminalenBOSSI-BERLUSCONI-FINI ( tutti è tre delinquenti da galera) ma che nel 2003 fecero una cosa giusta sanando la situazione di un milione di irregolari.
Non entro nel merito dei chiamati in causa anzi criminalizzati,
TRATTASI DI SENTENZE E CONDANNE, io non criminalizzo mai nessuno: infatti noto che TUTTI I DIRIGENTI DEL PD SONO INCENSURATI e TUTTI I DIRIGENTI DI LEGA & FORZA ITALIA SONO cONDANNATI ALLA GALERA: semplice constatazione di fatti non discutibili.
Post by Luigino Ferrari
aggiungo solo - che l'eventuale cambio dello stato di diritto
dell'ipotetico milione di irregolari da parte dei nuovi, non
cambierebbe il loro stato di necessita' e bisogno. Se il lavoro manca,
per tanti dei nostri, non ci sono attributi, nomenclature o qualifiche
che lo possano creare.
Di lavoro ce n'è a bizzeffe: L'associazione RISTORATORI denuncia 24mila posti vacanti.Mancano operai meccanici, tintori, gommisti, falegtnami e periti industriali.

Dimaio, lice classico, era a casa a carico dei enitori: poteva andare a fare il pane, ma era più comodo il divano di mammà.
Post by Luigino Ferrari
Ci sono molti posti di lavoiro vacanti e serve manodopera.
Ecco l'equivoco, il lavoro ci sarebbe, ma non ci sarebbero i
disponibili a svalgerlo a certe condizioni, e quindi vorremmo che
quelli lo svolgessero con compensi che i nostri rifiutano.
FALSO: L'assocxiazione RISTORATOTI parla di stipendi di 1200/1400 al mese, per panettieri si arriva anche a 2200 € essendo lavoro notturno.
Post by Luigino Ferrari
Per sei mesi poi in piazza a protestare, senza dire che questa sarebbe
un subdola forma di sfruttamento se non di razzismo.
PERCHE? MAI??????????buono stipendio e tutto legale!
Certo, lavoro duro, ma meno che nei campi, orari scomodi, domenica è il giorno di puynta, per i giovani italiani evidentemente è troppa fatica...
aspettano il reddito di fancazzismo.
Post by Luigino Ferrari
e
Morale ci siamo messi in un ginepraio e non so come faremo ad uscirne.
La UE e l'ONU potrebbero anche irrigare il Sahara, cost meno degli F35, farlo tornare verde, bloccare la fuga della gente salvare il clima del pianeta.

Ma con bastardi alla Trumo non si può fare.

e
brif 2014
2018-08-10 11:06:41 UTC
Permalink
Post by ernesto
Post by Luigino Ferrari
Post by Filippo Giustiniani
Espulsione, in lingua italiana, significa imbarcare con la forza il
clandestino su un aereo. Non significa pregare il signor clandestino
affinché sia cosí gentile da ritornare a casa propria, se non è troppo
disturbo per lui.
Sara' dura, ma qualcosa bisognera' incominciare a fare, o da questa
situazione non ne usciremo mai.
Ne usciremo facilmente: basta dare più permessi di soggiorno in moo che gli irregolari diventino regolari e possno lavorre.
Una regolarizzazione va legata all'effettivo lavoro.
Peraltro gli asilati, se trovano lavoro, possono lavorare regolarmente.
Dare permessi di soggiorno a chi non ha lavoro significa perdere il primo obiettivo che e' quallo dell'integrazione e coinvolgimento nei doveri/diritti.
Post by ernesto
Oppure fare una bell snaatoiuo generale come quella fatta dal rio criminale nBOSSI-BERLUSCONI-FINI ( tutti è tre delinquneti da galera) ma che nel 2003 fecero una cosa giusta sanando la situazione di un milione di irregolari.
Non erano un milione, ma poco piu' di 600 mila e non fu sanatoria, bensi'
regolarizzazione per chi aveva lavoro in nero o chi aveva un datore di lavoro disponibile a sottoscrivere un contratto.
Post by ernesto
Ci sono molti posti di lavoiro vacanti e serve manodopera. I rapprfesentanti delkla RISTORAZIONE lamentano 24mila posti di lavoro non occupati, non si trova gebnte che voglia fare quel lavoro, gli extracomunitare correrebbero in massa a farlo: buono stipendio e tutto legale!
Vero. Pero' vanno ben valutati i contratti.
Il piccolo imprenditore italiano sfrutta indecentemente (e ricatta)
lo straniero al lavoro. Se perde il lavoro, addio permesso di soggiorno.
Post by ernesto
Certo, lavoro duro, ma meno che nei campi, orari scomodi, domenica è il giorno di puynta, per i giovani italiani evidentemente è troppa fatica...
Lo diceva in TV Feltri qualche settimana fa :-)

brif
Loading...