Discussione:
Un' argomentazione a favore dell' aborto.
(troppo vecchio per rispondere)
Radicale
2007-06-04 09:22:06 UTC
Permalink
Ecco una mia argomentazione a suo favore :

il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.

Dunque il feto, come la mano, E' PARTE del corpo della
donna che lo ospita.

Ora, io faccio del mio corpo quello che voglio.
Per cui posso anche liberarmi di parti del mio
corpo che non desidero.
Per cui posso liberarmi anche del mio feto.

La ritenete un' argomentazione valida ?
AntiKomunista
2007-06-04 10:25:17 UTC
Permalink
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.
Dunque il feto, come la mano, E' PARTE del corpo della
donna che lo ospita.
Ora, io faccio del mio corpo quello che voglio.
Per cui posso anche liberarmi di parti del mio
corpo che non desidero.
Per cui posso liberarmi anche del mio feto.
La ritenete un' argomentazione valida ?
No, se tu potessi nutrire la tua mano al di fuori dal corpo rimarrebbe
sempre una mano, finché le cellule non morirebbero di morte naturale.
Se nutri convenientemente un feto al di fuori dal corpo della madre
diventerà un uomo e tale resterà fino alla sua morte naturale.
Non sono solamente ipotesi, è in fase di positiva sperimentazione l'utero
artificiale.
Radicale
2007-06-04 10:53:59 UTC
Permalink
Antonio
2007-06-04 13:13:24 UTC
Permalink
Post by AntiKomunista
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.
Dunque il feto, come la mano, E' PARTE del corpo della
donna che lo ospita.
Ora, io faccio del mio corpo quello che voglio.
Per cui posso anche liberarmi di parti del mio
corpo che non desidero.
Per cui posso liberarmi anche del mio feto.
La ritenete un' argomentazione valida ?
No, se tu potessi nutrire la tua mano al di fuori dal corpo rimarrebbe
sempre una mano, finché le cellule non morirebbero di morte naturale.
Se nutri convenientemente un feto al di fuori dal corpo della madre
diventerà un uomo e tale resterà fino alla sua morte naturale.
Non sono solamente ipotesi, è in fase di positiva sperimentazione l'utero
artificiale.
E' inutile spiegarglielo, per i compagni l'aborto è come fare una
tonsillectomia o tirarsi un dente, una cosa della quale non avere nessun
rimorso, strana morale, se il feto riesce a sfuggire alla spada di Damocle
dell'aborto che gli pende sul capo, cresce, diventa un delinquente e fa una
strage a quel punto, secondo la morale corrente dei sinistri, non lo si può
toccare, la sua vita è sacra, la vita di un delinquente è sacra ma quella di
un bambino innocente non lo è, misteri delle dottrine post-marxiste e
pseudo-liberali.
Sender Unknown
2007-06-04 15:20:46 UTC
Permalink
Post by Antonio
E' inutile spiegarglielo, per i compagni l'aborto è come fare una
tonsillectomia
Per i cattocriminali, la donna è serva, è schiava, è animale domestico
dell'uomo.
Per i cattocriminali la donna che subisce stupro (magari dal prete maiale di
turno) e rimane incinta non deve abortire.
Per fortuna i loro deliri sono stati da tempo fatti a pezzi dalla società
giustamente e orgogliosamente laica.
Angelis
2007-06-04 18:28:36 UTC
Permalink
Post by Sender Unknown
Per fortuna i loro deliri sono stati da tempo fatti a pezzi dalla società
giustamente e orgogliosamente laica.
Chi delira sei solo tu.
Ma non è una novità.
Antonio
2007-06-04 19:15:08 UTC
Permalink
Post by Sender Unknown
Per fortuna i loro deliri sono stati da tempo fatti a pezzi dalla società
giustamente e orgogliosamente laica.
Post by Angelis
Chi delira sei solo tu.
Ma non è una novità.
Secondo me è un prete "spogliato".
Angelis
2007-06-04 19:23:42 UTC
Permalink
Sender Unknown
2007-06-05 08:40:43 UTC
Permalink
Post by Antonio
Post by Sender Unknown
Per fortuna i loro deliri sono stati da tempo fatti a pezzi dalla società
giustamente e orgogliosamente laica.
Post by Angelis
Chi delira sei solo tu.
Ma non è una novità.
Secondo me è un prete "spogliato".
Un pedofilo * spostato *.

----------------

Interessante il fatto che voi cattolici (giustamente perchè li conoscete
bene) facciate l'automatica associazione prete/pedofilo.
Angelis
2007-06-05 08:52:26 UTC
Permalink
Sender Unknown
2007-06-05 08:39:30 UTC
Permalink
Post by Sender Unknown
Per fortuna i loro deliri sono stati da tempo fatti a pezzi dalla società
giustamente e orgogliosamente laica.
Chi delira sei solo tu.
Ma non è una novità.

----------------------

L'aborto è un diritto straincontestabile scolpito dalla legge, e non ci puoi
fare nulla.
Respinta con perdite l'associazione a delinquere cattolica.
Bene così.
Angelis
2007-06-05 08:54:08 UTC
Permalink
huatulco
2007-06-04 11:11:10 UTC
Permalink
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Stesso discorso per un neonato. Vive al di fuori del corpo della madre
ma solo se lei lo nutre (o per lo meno se qualcuno lo accudisce).
La vita del neonato dipende da qualcun altro, proprio come
se fosse ancora nel gremnbo materno. E siccome è reato uccidere
un neonato non vedo perchè non debba essere reato
uccidere un feto o un embrione.
Il fatto che sia una specie di parte del corpo materno secondo me
non c'entra niente.
Radicale
2007-06-04 11:17:40 UTC
Permalink
Post by huatulco
Stesso discorso per un neonato. Vive al di fuori del corpo della madre
ma solo se lei lo nutre
(o per lo meno se qualcuno lo accudisce).
Hai detto bene : SE QUALCUNO lo accudisce, e non
piu' necessariamente la madre.
A quel punto il bimbo non e' piu' parte del corpo
materno.
Diviene un "bene pubblico" (perdonami l'espressione)
(tutti noi, se abbandonati su un isola deserta,
moriremmo. Tutti noi abbiamo bisogno degli altri
per sopravvivere. Nessuno e' TOTALMENTE autonomo,
specia da vecchio)
Ma, fintatnto che risulta parte della madre, ella
ne puo' disporre.
Giusto ?
Deus Ex Machina
2007-06-04 11:15:54 UTC
Permalink
On Mon, 04 Jun 2007 02:22:06 -0700, Radicale
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Falso.
Dipende dallo sviluppo del feto.
Post by Radicale
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.
Dunque il feto, come la mano, E' PARTE del corpo della
donna che lo ospita.
Ora, io faccio del mio corpo quello che voglio.
Eh no, troppo facile. Chi sei tu per decidere del tuo corpo?
Ricordi Welby?
Il corpo era suo, la vita era sua.
Tuttavia la cd. "società" gli ha impedito, per mesi, di morire in
santa pace.
Il copro di Welby non apparteneva a Welby, ma allo Stato.
Inquietante, mi rendo conto, ma è così.
Post by Radicale
Per cui posso anche liberarmi di parti del mio
corpo che non desidero.
Per cui posso liberarmi anche del mio feto.
La ritenete un' argomentazione valida ?
Dovrebbe essere un'ovvietà ma non lo è.
Basti pensare che l'embrione (NON il feto, proprio l'embrione) ha gli
stessi diritti della persona adulta.
Lo stabilisce la celebre e infame legge 40, quella imposta dal
Vaticano a tutti i cittadini grazie al regime cattofascista che ha
devastato l'Italia.
Sassicaia Molotov
2007-06-04 11:50:32 UTC
Permalink
Post by Deus Ex Machina
On Mon, 04 Jun 2007 02:22:06 -0700, Radicale
Dovrebbe essere un'ovvietà ma non lo è.
Basti pensare che l'embrione (NON il feto, proprio l'embrione) ha gli
stessi diritti della persona adulta.
Lo stabilisce la celebre e infame legge 40, quella imposta dal
Vaticano a tutti i cittadini grazie al regime cattofascista che ha
devastato l'Italia.
Gli stessi che per riconoscere lo stupro reato contro la persona hanno
aspettato il 1995.
Radicale
2007-06-04 12:14:05 UTC
Permalink
Angelis
2007-06-04 11:56:25 UTC
Permalink
Radicale
2007-06-04 12:19:04 UTC
Permalink
Angelis
2007-06-04 12:30:23 UTC
Permalink
Antonio
2007-06-05 08:30:51 UTC
Permalink
Ecco un'argomentazione a sfavore: non può vivere al di fuori del
grembo materno.
Ti assumi la responsabilità di far cessare la sua vita.
Se l'assume la madre. Il feto E' IL SUO CORPO.
Non il nostro. Non il tuo.
Questa è per me un'offesa alla vita. Accetto a malincuore la
consapevolezza delle deliberazioni di una specie che ritengono guerra
e aborto eventi possibili. ( e non mi dire che la guerra è considerata
immorale, perchè ciò non risulta dai fatti). Siamo una genìa
sanguinaria.
Che c'entra...non il mio corpo non il tuo???
Se ti sparo uccido la tua vita, se ti uccido, tu essere nato da un MIO
ATTO CREATIVO, morirai dalla mia mano. Io sto facendo considerazioni
generali.
vogliamo dire che che il corpo e' dello stato ?
O di Dio ?
Comunque non "nostro".
facciamola semplice.....( tutto può essere semplice...chi storpia le
cose lo fa perchè non le capisce ).Il corpo è nostro, la vita in esso
no.



...............................................................................

e chi sei? Cartesio?
Angelis
2007-06-05 08:37:57 UTC
Permalink
Post by Antonio
facciamola semplice.....( tutto può essere semplice...chi storpia le
cose lo fa perchè non le capisce ).Il corpo è nostro, la vita in esso
no.
...........................................................................­....
e chi sei? Cartesio?
No, sò una coscienza in viaggio.
...che non si può?:-o)
Antonio
2007-06-05 08:42:00 UTC
Permalink
Post by Angelis
Post by Antonio
facciamola semplice.....( tutto può essere semplice...chi storpia le
cose lo fa perchè non le capisce ).Il corpo è nostro, la vita in esso
no.
...........................................................................­....
Post by Angelis
Post by Antonio
e chi sei? Cartesio?
No, sò una coscienza in viaggio.
...che non si può?:-o)
Cartesio diceva che quando si ha un problema che non si riesce a risolvere
lo si deve dividere in problemi più piccoli e risolverli una alla volta,
insomma sempliicare all'osso, ma non sempre è possibile.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Angelis
2007-06-05 08:48:54 UTC
Permalink
Post by Antonio
Post by Angelis
No, sò una coscienza in viaggio.
...che non si può?:-o)
Cartesio diceva che quando si ha un problema che non si riesce a risolvere
lo si deve dividere in problemi più piccoli e risolverli una alla volta,
insomma sempliicare all'osso, ma non sempre è possibile.
ecco, infatti pensavo che ci fosse un concordia di idee con te.
In realtà questo problema è per me squisitamente fisico, non viene
cioè, mediato dall'intelligenza.
E' come quando un fiore deve sbocciare. Non ci sono se o ma, solo
cattiveria e disumanità, quando un fiore, altero, lussureggiante, si
calpesta senza motivo.
v***@gmail.com
2007-06-04 12:32:01 UTC
Permalink
Se l'assume la madre. Il feto E' IL SUO CORPO.
Non il nostro. Non il tuo.
vogliamo dire che che il corpo e' dello stato ?
O di Dio ?
Comunque non "nostro".
...e cosi' salto' fuori che i nostri dfensori della famiglia sono
peggio degli integralisti islamici: almeno loro, se vuoi, il tuo corpo
ti concedono di farlo esplodere.
Antonio
2007-06-04 13:07:45 UTC
Permalink
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.
Dunque il feto, come la mano, E' PARTE del corpo della
donna che lo ospita.
Ora, io faccio del mio corpo quello che voglio.
Per cui posso anche liberarmi di parti del mio
corpo che non desidero.
Per cui posso liberarmi anche del mio feto.
La ritenete un' argomentazione valida ?
Argomentazione da quattro soldi.
Tadashi
2007-06-04 13:55:32 UTC
Permalink
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.
Dunque il feto, come la mano, E' PARTE del corpo della
donna che lo ospita.
Ora, io faccio del mio corpo quello che voglio.
Per cui posso anche liberarmi di parti del mio
corpo che non desidero.
Per cui posso liberarmi anche del mio feto.
La ritenete un' argomentazione valida ?
Poi dice che si perdono i referendum....

Tadashi

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Sender Unknown
2007-06-04 15:22:02 UTC
Permalink
Post by Tadashi
Poi dice che si perdono i referendum....
In effetti sull'aborto i cattoinfami presero una legnata memorabile di cui
ancora si stanno leccando le ferite.
Tadashi
2007-06-05 18:17:41 UTC
Permalink
Post by Sender Unknown
In effetti sull'aborto i cattoinfami presero una legnata memorabile di cui
ancora si stanno leccando le ferite.
Poi dice che si continueranno a perdere i referendum...

Il referendum sull'aborto è lontano, molto lontano, come ci dice oggi La
Repubblica:


L'appello dell'associazione Biblia è stata presentata al ministro Fioroni
Oltre diecimila firme di cattolici, protestanti, ebrei, credenti e non
credenti

La Bibbia libro di testo a scuola?
Parte la campagna: è cultura

Molti gli intellettuali: Cacciari, Eco, Hack, Lerner. E ancora Vattimo,
Zagrebelsky e Tullia Zevi
Il diessino Lumia: "Bellissima proposta". No di Luxuria: "Chi vuole mandi i
figli catechismo"

ROMA - La Bibbia come libro di testo in tutte le scuole. E' la proposta che
l'associazione culturale "Biblia" ha presentato, nei giorni scorsi, al
ministro della pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni, forte di una petizione
con oltre diecimila firme. L'appello è stato sottoscritto da cattolici,
protestanti, ebrei, personalità del mondo della cultura italiana, sia
credenti sia non credenti.

E da noti intellettuali: Massimo Cacciari, Furio Colombo, Tullio De Mauro,
Umberto Eco, Margherita Hack, Gad Lerner, Gianni Vattimo, Gustavo
Zagrebelsky, Tullia Zevi. La proposta di introdurre la bibbia nella scuola
pubblica, come testo di studio alla pari dell'Iliade, dell'Odissea,
dell'Eneide, o della Divina Commedia, è ora nelle mani del responsabile di
viale trastevere.

Si tratta di un'iniziativa che parte da lontano: è dal 1989 che
l'associazione "Biblia" (nata nell'84) si batte "per valorizzare, al di là
delle ipoteche confessionali, il grande codice dell'umanità". E ora arrivano
commenti anche dal mondo politico. "Una bellissima proposta che va
senz'altro sostenuta", dice il deputato Ds Giuseppe
Lumia, secondo cui la Bibbia è anche "un grande ponte verso le civiltà e le
religioni semitiche".

Per la teodem della margherita, Paola Binetti, lo studio della Bibbia, offre
un approfondimento sulle "radici cristiane dell'Europa" e sui "valori, della
legge naturale espressa dai dieci comandamenti". Ma c'è anche una ragione in
più, che "è offerta dal confronto con le altre religioni, che sembrano
fondare la loro tradizione su una conoscenza molto chiara e approfondita
della loro dottrina, cosa che obbliga anche noi ad una conoscenza molto
attenta di questo testo".

Anche Daniela Santanché (An) sottoscrive, a voce, la petizione: "Sono
assolutamente d'accordo. Si tratta - osserva la deputata - di un libro che
fa parte della nostra cultura ed è bene che i ragazzi lo conoscano".
Favorevole alla proposta anche Dorina Bianchi, della Margherita,
vicepresidente della commissione affari sociali della Camera: "Servirebbe a
sensibilizzare i ragazzi, e rendere più semplice il dialogo intorno ad un
testo che rappresenta la storia e la cultura di tutte le religioni".
Isabella Bertolini (Fi) è "assolutamente favorevole". Secondo la deputata,
"il fatto di introdurlo nello studio", al pari di classici come l'Odissea,
"non ha un significato religioso".

Una voce del tutto contraria è quella, invece, dalla deputata transgender
Vladimir Luxuria di Rifondazione: "Intanto sono favorevole a sostituire
l'ora di religione con la storia delle religioni - spiega la parlamentare -
perché credo molto in una scuola pubblica non confessionale. Viviamo in una
società che diventa sempre più multietnica, nella quale il numero degli
studenti di altre religioni è sempre più numeroso". Per Luxuria, quindi, chi
vuole che i figli imparino la bibbia "li può mandare al catechismo". Invece,
conclude la deputata, "l'idea di porre un'attenzione maggiore su un libro
religioso, piuttosto che su altri, facendolo diventare un testo base a
scuola, mi sembra discutibile anche dal punto di vista della difesa della
laicità".

Tadashi

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Sender Unknown
2007-06-04 15:18:09 UTC
Permalink
Non c'è bisogno di nessuna argomentazione.
L'aborto è un diritto, punto e basta.
Chi lo nega è uno schifoso criminale.
AntiKomunista
2007-06-05 04:52:03 UTC
Permalink
Post by Sender Unknown
Non c'è bisogno di nessuna argomentazione.
L'aborto è un diritto, punto e basta.
Chi lo nega è uno schifoso criminale.
Anche la mamma degli imbecilli dovrebbe abortire, purtroppo è sempre incinta
e ne sforna a getto continuo.
Sender Unknown
2007-06-05 08:41:43 UTC
Permalink
Post by AntiKomunista
Post by Sender Unknown
Non c'è bisogno di nessuna argomentazione.
L'aborto è un diritto, punto e basta.
Chi lo nega è uno schifoso criminale.
Anche la mamma degli imbecilli dovrebbe abortire, purtroppo è sempre
incinta e ne sforna a getto continuo.
La tua avrebbe in effetti dovuto abortire.
Altra argomentazione a favore dell'aborto.
Guido Rapisarda
2007-06-04 15:51:49 UTC
Permalink
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.
Neanche un neonato. Se non c'e' qualcuno che lo nutre muore.
Secondo te quanto resiste AUTONOMAMENTE un neonato? Probabilmente
neanche un giorno, senza latte muore disidratato.
Se con AUTONOMAMENTE intendi con qualcuno che lo nutra, allora anche
il feto e' autonomo.
huatulco
2007-06-04 17:50:52 UTC
Permalink
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma,
Stesso discorso per un neonato. Vive al di fuori del corpo della madre
ma solo se lei lo nutre (o per lo meno se qualcuno lo accudisce).
La vita del neonato dipende da qualcun altro, proprio come
se fosse ancora nel gremnbo materno. E siccome è reato uccidere
un neonato non vedo perchè non debba essere reato
uccidere un feto o un embrione.
Il fatto che sia una specie di parte del corpo materno secondo me
non c'entra niente.
G***@gmail.com
2007-06-04 19:54:35 UTC
Permalink
corigan
2007-06-05 09:05:47 UTC
Permalink
Post by Radicale
il feto non ha vita autonoma, esso non puo' vivere
al di fuori del grembo materno.
Cosi' come la mia mano non puo' vivere staccata dal
mio corpo, autonomamente.
Dunque il feto, come la mano, E' PARTE del corpo della
donna che lo ospita.
Ora, io faccio del mio corpo quello che voglio.
Per cui posso anche liberarmi di parti del mio
corpo che non desidero.
Per cui posso liberarmi anche del mio feto.
La ritenete un' argomentazione valida ?
si tratta di una argomentazione mal posta
e di una faziosità disarmante...
in effetti si...
io credo che l'aborto debba essere permesso a chi si trova
1) pericolo di vita nella gestazione
2) stupro
in entrambvi i casi una scelta coraggiosa potrebbe essere comunque
possibile e incoraggiata: tenere il bambino!
concordo ancora... ma la lista dei casi la allargherei.
in realta l'unico aborto che "vieterei" (qui lo dico e qui lo nego) è quello
inteso come contraccettivo.
lo nego perche anche li bisognerebbe fare i dovuti distinguo.
a tutte le donne in difficoltà economiche o sole dovrebbe essere
permesso di partorire e dare il bambino in adozione con tutte le cure
e gliaiuti del caso
sacrosanto!
io non credo che noi possiamo disporre della vita di un embrione
nè trantomeno del nostro corpo come vogliamo
abbiamo obblighi verso la società e gli altri
qui divergo, effettivamente l'embrione non è niente se non un grumo di
cellule.
niente piu niente meno di una gengiva.
tutti battibecchi avvenuti poco tempo fa sono della gran fuffa, embrione e
feto sono diversi.
oggi purtroppol'aborto è visto come una rapida scorciatoia... una fuga
dalla vita
io sono un cattolico molto soft su certi temi molto laico
ma anche da un punto di vista esclusivamente laico non concepisco
l'aborto!!!
beh a volte l'aborto è il male minore. in quel senso va tutelata la
possibilita della donna di potervi ricorrere.

corigan

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Tadashi
2007-06-05 18:29:26 UTC
Permalink
[...]

Sono molto ignorante in biologia, però mi sembra di ricordare dal liceo che
il nascituro (il feto è infatti solo uno stadio dello sviluppo intrauterino
del nascituro) non sia "parte del corpo della madre", ma un individuo
distinto dalla madre, con un patrimonio genetico proprio e diverso, derivato
in parti uguali dal padre e dalla madre.

Tadashi



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/

Continua a leggere su narkive:
Loading...