Discussione:
Le vecchie licenze
(troppo vecchio per rispondere)
malefik
2006-07-04 07:51:03 UTC
Permalink
04 luglio 2006
Le vecchie licenze

Il sistema della licenza rilasciata dal Comune svolge per i tassisti la
stessa funzione che l'iscrizione obbligatoria a un albo svolge per i liberi
professionisti e che il divieto di licenziamento svolge per i lavoratori
dipendenti: una garanzia di sicurezza di continuità del lavoro e del
reddito.
Poiché la sicurezza è uno dei beni più importanti della vita, si capisce che
ciascuna di queste categorie la difenda con le unghie e coi denti.
Il problema è che questa garanzia funziona essenzialmente limitando la
concorrenza, cioè proteggendo l'insider che ne gode contro il rischio di
essere sostituito da un outsider.


Donde un costo non solo per chi si vede sbarrato od ostacolato l'accesso al
mestiere protetto, ma anche per gli utenti, in termini di riduzione
dell'offerta del servizio e di prezzi più alti. La sicurezza del lavoratore,
dunque, è un bene; ma non un bene assoluto: la sua protezione deve essere
contemperata con gli interessi di altri. E qui i nostri tassisti non hanno
davvero le carte in regola: perché per anni hanno sempre fatto le barricate
contro qualsiasi aumento del numero delle licenze, guardando soltanto al
proprio interesse e ignorando totalmente quello della collettività. Col
risultato che nelle nostre città troppo sovente il taxi non si trova.


Detto questo, siamo una società libera e pluralista, nella quale i tassisti
hanno lo stesso diritto di tutti gli altri lavoratori di associarsi e
lottare per difendere i propri interessi. Anche contro provvedimenti
dell'autorità costituita: lo sciopero «politico» è consentito ai lavoratori
autonomi come ai subordinati. E anche usando argomenti stravaganti o
palesemente irragionevoli: come quello secondo cui il basso numero delle
licenze sarebbe necessario per garantire agli utenti un servizio migliore e
più sicuro. A una condizione, però: che le forme di lotta restino
rigorosamente entro i limiti della legalità. Non è il caso delle agitazioni
di questi giorni, che non soltanto hanno violato apertamente la disciplina
del conflitto sindacale nei servizi pubblici di trasporto, ma si sono spinte
a bloccare il traffico stradale impedendo ai viaggiatori persino di recarsi
in aeroporto o farne ritorno con i propri mezzi. Come pensano i tassisti di
poter trarre profitto dal dichiarare guerra in questo modo ai propri
concittadini?


Non dovrebbe, del resto, essere solo l'esigenza di conservare un buon
rapporto con la collettività a indurre i tassisti a rispettare la legge.
Dovrebbe indurli a rispettarla anche una considerazione attenta e
lungimirante dei loro stessi interessi. Ciò che essi difendono, a ben
vedere, è una garanzia fondata essenzialmente proprio sulla legge; non
pensano che l'ordinamento stesso oggi da loro calpestato potrebbe reagire
ignorandoli, cioè facendo a meno di loro? Potrebbe accadere, per esempio,
che un prefetto o un sindaco - constatata la violazione della legge sullo
sciopero nei servizi pubblici, la situazione di grave pregiudizio che ne
deriva per la cittadinanza e l'impraticabilità in questo settore della
precettazione - autorizzi in via d'urgenza altri e in altre forme a offrire
il servizio di autotrasporto ai cittadini. Se poi l'esperimento prendesse
piede, allora sì la vecchia «licenza per l'esercizio di auto di piazza»
rischierebbe di diventare un pezzo di carta straccia.


Pietro Ichino

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Editoriali/2006/07_Luglio/04/ichino.html
--
"Contro la stupidità, neanche gli dei possono lottare."
[Friedrich von Schiller - "Giovanna d'Arco", Atto III, Scena 6]
Sandro
2006-07-04 08:07:57 UTC
Permalink
Post by malefik
04 luglio 2006
Le vecchie licenze
Il sistema della licenza rilasciata dal Comune svolge per i tassisti la
stessa funzione che l'iscrizione obbligatoria a un albo svolge per i liberi
professionisti e che il divieto di licenziamento svolge per i lavoratori
dipendenti: una garanzia di sicurezza di continuità del lavoro e del
reddito.
cioè basta che mi iscrivo ad un albo e automaticamente mi vine garantito
il lavoro e il reddito?
devo fare qualcosa o basta quseto??
tornado
2006-07-04 08:10:35 UTC
Permalink
Post by malefik
Donde un costo non solo per chi si vede sbarrato od ostacolato l'accesso al
mestiere protetto, ma anche per gli utenti, in termini di riduzione
dell'offerta del servizio e di prezzi più alti.
a parte il fatto che questo ragionamento e' stato smentito piu' di una
volta in passato, per esempio con i telefonini o con le assicurazioni
(che, visto l'entusiasmo di questi giorni, mi fa pensare che la
"memoria corta" sia diffusa non solo fra i forzaidioti), mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.


ps: mi ricordo inoltre di un altro battage mediatico di qualche anno
fa, che prometteva come un'altra flessibilita', quella introdotta da
una legge "al passo con i tempi" da un altro governo di sinistra,
dovesse portare benessere e benefici a tutti ed in realta' ha portato
solo poverta', precarieta', sfruttamento ed insicurezza agli under 35...
malefik
2006-07-04 08:17:15 UTC
Permalink
Post by tornado
a parte il fatto che questo ragionamento e' stato smentito piu' di una
volta in passato, per esempio con i telefonini o con le assicurazioni
(che, visto l'entusiasmo di questi giorni, mi fa pensare che la
"memoria corta" sia diffusa non solo fra i forzaidioti), mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.
Il ragionamento di Ichino non fa una grinza dal punto di vista teorico:
l'aumento della concorrenza comporta sempre (come dicevo in teoria) una
diminuzione delle tariffe o un innalzamento della qualita' del servizio
offerto a parita' di tariffa.
Il problema e' la nascita di cartelli che bloccano il teorico processo
virtuoso innescato dalla concorrenza.
E su questo, in un paese normale, dovrebbe vigilare e intervenire
l'Antitrust.
Ma, ahime', siamo in Italia e quindi il rischio che alla fine non accada
comunque niente di buono e' tutt'altro che trascurabile.

In ogni caso, darsi per vinti e decidere di non far nulla non porta
sicuramente da nessuna parte...
--
"Contro la stupidità, neanche gli dei possono lottare."
[Friedrich von Schiller - "Giovanna d'Arco", Atto III, Scena 6]
tornado
2006-07-04 08:24:56 UTC
Permalink
Post by malefik
Il problema e' la nascita di cartelli che bloccano il teorico processo
virtuoso innescato dalla concorrenza.
E su questo, in un paese normale, dovrebbe vigilare e intervenire
l'Antitrust.
Ma, ahime', siamo in Italia e quindi il rischio che alla fine non accada
comunque niente di buono e' tutt'altro che trascurabile.
l'antitrust, salvo rare eccezioni, ha finito con il non funzionare *in
tutto il mondo* (cfr. per esempio microsoft o le linee aeree).
Post by malefik
In ogni caso, darsi per vinti e decidere di non far nulla non porta
sicuramente da nessuna parte...
dal mio punto di vista, sarebbe stato sufficiente evitare che un
singolo soggetto(*) potesse accumulare piu' di una licenza.

vedremo come andra' a finire...



(*) saro' anche paranoico, ma questo concetto mi ricorda "bisogna
diventare imprenditori di se stessi!", uno dei tanti slogan di
quell'altra riforma di cui parlavo prima...
PaoloB
2006-07-04 08:24:55 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by malefik
Donde un costo non solo per chi si vede sbarrato od ostacolato l'accesso al
mestiere protetto, ma anche per gli utenti, in termini di riduzione
dell'offerta del servizio e di prezzi più alti.
a parte il fatto che questo ragionamento e' stato smentito piu' di una
volta in passato, per esempio con i telefonini o con le assicurazioni
(che, visto l'entusiasmo di questi giorni, mi fa pensare che la
"memoria corta" sia diffusa non solo fra i forzaidioti), mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.
A parte che non tutte le città hanno la metropolitana, e quindi il
paragone non è sensato.

Sui servizi di telefonia c'è stato un aumento dei servizi offerti. Il
governo precedente non ha saputo (o voluto) tutelare la pluralità di
offerta nel settore, forse perchè il suo capo non era proprio un
campione del libero mercato. Da cui le tariffe non sono scese; ma è un
fatto che in Europa le tariffe (per esempio sull'ADSL) tendono a
scendere, e la banda tende ad aumentare.
Post by tornado
ps: mi ricordo inoltre di un altro battage mediatico di qualche anno
fa, che prometteva come un'altra flessibilita', quella introdotta da
una legge "al passo con i tempi" da un altro governo di sinistra,
dovesse portare benessere e benefici a tutti ed in realta' ha portato
solo poverta', precarieta', sfruttamento ed insicurezza agli under 35...
Forse perchè, come osservato da parte di esperti economici, la maggior
parte dei lavori "flessibili" si crea nel settore dei servizi, che in
Italia è molto meno sviluppato che in altri.

Con questa legge un giovane potrà provare a fare il tassista senza
dover sborsare 200.000 euro, oppure potrà provare a fare il panettiere
o ad aprire un piccolo esercizio commerciale. Tutte attività che non
richiedono enormi capitali e competenze specifiche, ma solo voglia di
lavorare e spirito di iniziativa.

Analogamente, il provvedimento sulle farmacie nella GDO permetterà a
molti giovani farmacisti di essere impiegati in un supermercato,
anzichè fare gli schiavetti per il titolare della farmacia.

Non mi sembra male.

PaoloB
tornado
2006-07-04 09:01:17 UTC
Permalink
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by malefik
Donde un costo non solo per chi si vede sbarrato od ostacolato l'accesso al
mestiere protetto, ma anche per gli utenti, in termini di riduzione
dell'offerta del servizio e di prezzi più alti.
a parte il fatto che questo ragionamento e' stato smentito piu' di una
volta in passato, per esempio con i telefonini o con le assicurazioni
(che, visto l'entusiasmo di questi giorni, mi fa pensare che la
"memoria corta" sia diffusa non solo fra i forzaidioti), mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.
A parte che non tutte le città hanno la metropolitana, e quindi il
paragone non è sensato.
allora mettici tram, pullman, filobus o qualsiasi altra cosa. a
proposito, so benissimo che ci sono dei comuni che non hanno nemmeno
quelli: perpiacere parliamone in un'altra occasione, perhce' non e' di
quello che si sta parlando...
Post by PaoloB
Sui servizi di telefonia c'è stato un aumento dei servizi offerti.
quello che dicevo io, e' che guardacaso costano tutti allo stesso modo,
ovvero che questa concorrenza non porta a tutti questi vantaggi.
Post by PaoloB
Il
governo precedente non ha saputo (o voluto) tutelare la pluralità di
offerta nel settore, forse perchè il suo capo non era proprio un
campione del libero mercato.
va bene essere antiberlusconiani, ma perpiacere non copriamoci di
ridicolo. quando mai un governo precedente ha mai fatto qualche cosa in
merito?
Post by PaoloB
Da cui le tariffe non sono scese; ma è un
fatto che in Europa le tariffe (per esempio sull'ADSL) tendono a
scendere, e la banda tende ad aumentare.
vero, pero' se guardi bene noti che magari i prezzi di het net sono
uguali a quelli di planet.nl e cosi' via. piu' economico, ma sempre di
cartello si tratta.
Post by PaoloB
Post by tornado
ps: mi ricordo inoltre di un altro battage mediatico di qualche anno
fa, che prometteva come un'altra flessibilita', quella introdotta da
una legge "al passo con i tempi" da un altro governo di sinistra,
dovesse portare benessere e benefici a tutti ed in realta' ha portato
solo poverta', precarieta', sfruttamento ed insicurezza agli under 35...
Forse perchè, come osservato da parte di esperti economici, la maggior
parte dei lavori "flessibili" si crea nel settore dei servizi, che in
Italia è molto meno sviluppato che in altri.
visto che industria e agricoltura stanno smantellando piu' o meno in
tutto l'occidente, mi dici cosa ci sarebbe di tanto straordinario nel
fatto che la maggioranza dei lavori stia nei servizi?
Post by PaoloB
Con questa legge un giovane potrà provare a fare il tassista senza
dover sborsare 200.000 euro, oppure potrà provare a fare il panettiere
o ad aprire un piccolo esercizio commerciale. Tutte attività che non
richiedono enormi capitali e competenze specifiche, ma solo voglia di
lavorare e spirito di iniziativa.
oppure, con questa legge un giovane che non ha una lira da spendere
trovera' facilmente lavoro presso una ditta con una grossa "flotta" di
taxi, alle condizioni che questa ditta detta, mentre quello che
potrebbe investire per farsi da padroncino non potrebbe sopportare la
concorrenza. leggi anche l'altra risposta che ho data a malefik.
PaoloB
2006-07-04 09:29:14 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by malefik
Donde un costo non solo per chi si vede sbarrato od ostacolato l'accesso al
mestiere protetto, ma anche per gli utenti, in termini di riduzione
dell'offerta del servizio e di prezzi più alti.
a parte il fatto che questo ragionamento e' stato smentito piu' di una
volta in passato, per esempio con i telefonini o con le assicurazioni
(che, visto l'entusiasmo di questi giorni, mi fa pensare che la
"memoria corta" sia diffusa non solo fra i forzaidioti), mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.
A parte che non tutte le città hanno la metropolitana, e quindi il
paragone non è sensato.
allora mettici tram, pullman, filobus o qualsiasi altra cosa. a
proposito, so benissimo che ci sono dei comuni che non hanno nemmeno
quelli: perpiacere parliamone in un'altra occasione, perhce' non e' di
quello che si sta parlando...
Il punto è diverso. Non deve diventare un euro per essere conveniente.
Deve diventare meno costoso, per aumentare il numero di corse.

Una certa Rayair è riuscita a far pagare i biglietti aerei dieci euro
e anche meno. Mi sembra una buona strada.
Post by tornado
Post by PaoloB
Sui servizi di telefonia c'è stato un aumento dei servizi offerti.
quello che dicevo io, e' che guardacaso costano tutti allo stesso modo,
ovvero che questa concorrenza non porta a tutti questi vantaggi.
Perchè non te ne accorgi. In regime di monopolio col cavolo che avevi
la banda larga, e una linea dedicata costava un fottio di soldi (ti
ricordi ancora i prezzi di una 64 Kbit dedicata ?). Oggi per te è
naturale lavorare in larga banda. C'è una certa differenza.
Post by tornado
Post by PaoloB
Il
governo precedente non ha saputo (o voluto) tutelare la pluralità di
offerta nel settore, forse perchè il suo capo non era proprio un
campione del libero mercato.
va bene essere antiberlusconiani, ma perpiacere non copriamoci di
ridicolo. quando mai un governo precedente ha mai fatto qualche cosa in
merito?
Calma. A parte essere antiberlusconiano (cosa indubbiamente vera) mi
sembra che il precedente governo non abbia fatto nulla per favorire la
concorrenza nel settore dei servizi. E avrebbe potuto fare moltissimo.
Post by tornado
Post by PaoloB
Da cui le tariffe non sono scese; ma è un
fatto che in Europa le tariffe (per esempio sull'ADSL) tendono a
scendere, e la banda tende ad aumentare.
vero, pero' se guardi bene noti che magari i prezzi di het net sono
uguali a quelli di planet.nl e cosi' via. piu' economico, ma sempre di
cartello si tratta.
Non direi. In Francia ci sono offerte per flat a 4 Mbit decisamente
inferiori a quelle italiane. E le fa Telecom Italia....
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
ps: mi ricordo inoltre di un altro battage mediatico di qualche anno
fa, che prometteva come un'altra flessibilita', quella introdotta da
una legge "al passo con i tempi" da un altro governo di sinistra,
dovesse portare benessere e benefici a tutti ed in realta' ha portato
solo poverta', precarieta', sfruttamento ed insicurezza agli under 35...
Forse perchè, come osservato da parte di esperti economici, la maggior
parte dei lavori "flessibili" si crea nel settore dei servizi, che in
Italia è molto meno sviluppato che in altri.
visto che industria e agricoltura stanno smantellando piu' o meno in
tutto l'occidente, mi dici cosa ci sarebbe di tanto straordinario nel
fatto che la maggioranza dei lavori stia nei servizi?
I servizi hanno una natura molto meno "stabile" e molto più "spot" dei
settori tradizionali. Tutto qua.
Post by tornado
Post by PaoloB
Con questa legge un giovane potrà provare a fare il tassista senza
dover sborsare 200.000 euro, oppure potrà provare a fare il panettiere
o ad aprire un piccolo esercizio commerciale. Tutte attività che non
richiedono enormi capitali e competenze specifiche, ma solo voglia di
lavorare e spirito di iniziativa.
oppure, con questa legge un giovane che non ha una lira da spendere
trovera' facilmente lavoro presso una ditta con una grossa "flotta" di
taxi, alle condizioni che questa ditta detta, mentre quello che
potrebbe investire per farsi da padroncino non potrebbe sopportare la
concorrenza. leggi anche l'altra risposta che ho data a malefik.
Con tutto il rispetto per il tassista, il valore che produce e il tipo
di professionalità che esprime mi sembrano piuttosto limitate. Se a
questo punto si trova a fare il dipendente (come il commesso del
supermercato) io non mi straccio le vesti.

Comunque, l'investimento che dovrà fare sarà molto limitato; e, come
in tutti i settori dei servizi, ci sono società grandi e società
piccole. I piccoli potranno operare con maggior disponibilità, nuovi
servizi, inventiva e quant'altro. Non mi sembra male.

PaoloB
tornado
2006-07-04 10:08:25 UTC
Permalink
Post by PaoloB
Il punto è diverso. Non deve diventare un euro per essere conveniente.
Deve diventare meno costoso, per aumentare il numero di corse.
appunto: e quando queste corse saranno aumentate, si manterra'
l'equilibrio tra costi e vantaggi che c'e' adesso?
Post by PaoloB
Una certa Rayair è riuscita a far pagare i biglietti aerei dieci euro
e anche meno. Mi sembra una buona strada.
di questo se ne sta parlando da un'altra parte.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Sui servizi di telefonia c'è stato un aumento dei servizi offerti.
quello che dicevo io, e' che guardacaso costano tutti allo stesso modo,
ovvero che questa concorrenza non porta a tutti questi vantaggi.
Perchè non te ne accorgi. In regime di monopolio col cavolo che avevi
la banda larga, e una linea dedicata costava un fottio di soldi (ti
ricordi ancora i prezzi di una 64 Kbit dedicata ?). Oggi per te è
naturale lavorare in larga banda. C'è una certa differenza.
ti contraddici: piu' sotto dici che la telecom offre l'adsl in regime di
monopolio.
Post by PaoloB
Calma. A parte essere antiberlusconiano (cosa indubbiamente vera) mi
sembra che il precedente governo non abbia fatto nulla per favorire la
concorrenza nel settore dei servizi. E avrebbe potuto fare moltissimo.
ricordo che la domanda era "cosa ha fatto allora il governo precedente?".
a proposito di ricordi, che mi dici di come quel governo aveva gestito
l'assegnazione delle frequenze umts?
Post by PaoloB
Non direi. In Francia ci sono offerte per flat a 4 Mbit decisamente
inferiori a quelle italiane. E le fa Telecom Italia....
mi permetto ancora di ricordare che l'argomento era un altro, ovvero la
creazione di cartelli.
e, se proprio vogliamo fare esempi con l'estero, in olanda, dove e' tutto
liberalizzato le tariffe adsl sono pari pari quelle italiane.
Post by PaoloB
I servizi hanno una natura molto meno "stabile" e molto più "spot" dei
settori tradizionali. Tutto qua.
riesci anche a motivarla questa cosa o deve rimanere allo stato di slogan?
Post by PaoloB
Con tutto il rispetto per il tassista, il valore che produce e il tipo
di professionalità che esprime mi sembrano piuttosto limitate. Se a
questo punto si trova a fare il dipendente (come il commesso del
supermercato) io non mi straccio le vesti.
quando hanno introdotto il contratto a progetto, nessuno si e' strappato
le vesti. adesso i neolaureati guadagnano 600 euro al mese quando un
affitto costa 800 euro: vedi che bello il mondo quando tutti se ne fregano?
Post by PaoloB
Comunque, l'investimento che dovrà fare sarà molto limitato; e, come
in tutti i settori dei servizi, ci sono società grandi e società
piccole.
e come in tutti i settori, appena salta fuori uno piccolo per un grande
non ci vuole nulla a conciarlo male. se parlo per esempio di finmatica, ti
viene in mente qualche cosa?

I piccoli potranno operare con maggior disponibilità, nuovi
Post by PaoloB
servizi, inventiva e quant'altro. Non mi sembra male.
a me invece sembrano i soliti luoghi comuni buonisti...
--
Post by PaoloB
+ pippe = - sahid
[Arturo Funke, it.politica 15-5-06]

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
PaoloB
2006-07-04 10:18:44 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Il punto è diverso. Non deve diventare un euro per essere conveniente.
Deve diventare meno costoso, per aumentare il numero di corse.
appunto: e quando queste corse saranno aumentate, si manterra'
l'equilibrio tra costi e vantaggi che c'e' adesso?
Post by PaoloB
Una certa Rayair è riuscita a far pagare i biglietti aerei dieci euro
e anche meno. Mi sembra una buona strada.
di questo se ne sta parlando da un'altra parte.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Sui servizi di telefonia c'è stato un aumento dei servizi offerti.
quello che dicevo io, e' che guardacaso costano tutti allo stesso modo,
ovvero che questa concorrenza non porta a tutti questi vantaggi.
Perchè non te ne accorgi. In regime di monopolio col cavolo che avevi
la banda larga, e una linea dedicata costava un fottio di soldi (ti
ricordi ancora i prezzi di una 64 Kbit dedicata ?). Oggi per te è
naturale lavorare in larga banda. C'è una certa differenza.
ti contraddici: piu' sotto dici che la telecom offre l'adsl in regime di
monopolio.
Falso. Telecom ha il servizio universale, e gestice la vecchia rete.

Ma le offerte te le fanno tutti. Tele2 ti fa un'offerta diversa da
quella di Telecom. Quello che sono regolamentati sono i prezzi che può
fare Telecom agli utenti finali e a quelli che affittano la rete per
fare la propria società telefonica. Proprio per favorire la
competizione.
Post by tornado
Post by PaoloB
Calma. A parte essere antiberlusconiano (cosa indubbiamente vera) mi
sembra che il precedente governo non abbia fatto nulla per favorire la
concorrenza nel settore dei servizi. E avrebbe potuto fare moltissimo.
ricordo che la domanda era "cosa ha fatto allora il governo precedente?".
a proposito di ricordi, che mi dici di come quel governo aveva gestito
l'assegnazione delle frequenze umts?
L'assegnazione delle frequenze UMTS è stata un bagno di sangue a
livello europeo. Non mi sembra che qualcuno sia riuscito a farla
particolarmente bene.
Post by tornado
Post by PaoloB
Non direi. In Francia ci sono offerte per flat a 4 Mbit decisamente
inferiori a quelle italiane. E le fa Telecom Italia....
mi permetto ancora di ricordare che l'argomento era un altro, ovvero la
creazione di cartelli.
e, se proprio vogliamo fare esempi con l'estero, in olanda, dove e' tutto
liberalizzato le tariffe adsl sono pari pari quelle italiane.
Non conosco la situazione olandese, ma ripeto: in Francia e in altri
paesi le tariffe sono più basse che in Italia. Stasera ti ritrovo le
tabelle di Altroconsumo.
Post by tornado
Post by PaoloB
I servizi hanno una natura molto meno "stabile" e molto più "spot" dei
settori tradizionali. Tutto qua.
riesci anche a motivarla questa cosa o deve rimanere allo stato di slogan?
In che senso, scusa ? L'agricoltura, per esempio, ha bisogno di un tot
di stagionali, ma poi si sa come gira. Un campo di pomodori non
"scala".
Post by tornado
Post by PaoloB
Con tutto il rispetto per il tassista, il valore che produce e il tipo
di professionalità che esprime mi sembrano piuttosto limitate. Se a
questo punto si trova a fare il dipendente (come il commesso del
supermercato) io non mi straccio le vesti.
quando hanno introdotto il contratto a progetto, nessuno si e' strappato
le vesti. adesso i neolaureati guadagnano 600 euro al mese quando un
affitto costa 800 euro: vedi che bello il mondo quando tutti se ne fregano?
I neolaureati prendevano anche prima 600 euro al mese. Il problema è
che non c'è domanda per le loro professionalità, proprio perchè non
si riesce a far decollare quel mercato dei servizi che potrebbe
utilizzare tali professionalità al meglio.

Se il laureato in Economia e Commercio fa il contabile per l'aziendina
di dieci persone, non è che possa sperare di guadagnare più di tanto.


Queste riforme aprono il mercato e consentono al settore dei servizi di
crescere, sia come volume, sia come dimensione delle aziende.
Post by tornado
Post by PaoloB
Comunque, l'investimento che dovrà fare sarà molto limitato; e, come
in tutti i settori dei servizi, ci sono società grandi e società
piccole.
e come in tutti i settori, appena salta fuori uno piccolo per un grande
non ci vuole nulla a conciarlo male. se parlo per esempio di finmatica, ti
viene in mente qualche cosa?
E Google ti dice nulla ? E' uno piccolo che sta facendo vedere i sorci
verdi a Micosoft...

PaoloB
tornado
2006-07-04 10:38:34 UTC
Permalink
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Perchè non te ne accorgi. In regime di monopolio col cavolo che avevi
la banda larga, e una linea dedicata costava un fottio di soldi (ti
ricordi ancora i prezzi di una 64 Kbit dedicata ?). Oggi per te è
naturale lavorare in larga banda. C'è una certa differenza.
ti contraddici: piu' sotto dici che la telecom offre l'adsl in regime di
monopolio.
Falso. Telecom ha il servizio universale, e gestice la vecchia rete.
Ma le offerte te le fanno tutti. Tele2 ti fa un'offerta diversa da
quella di Telecom. Quello che sono regolamentati sono i prezzi che può
fare Telecom agli utenti finali e a quelli che affittano la rete per
fare la propria società telefonica. Proprio per favorire la
competizione.
mi sto perdendo in questo pezzo...
comunque, telefono, radio e televisione sono arrivati in regime di
monopolio. probabilmente mi sarebbe arrivata pure l'adsl.
o no?
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Calma. A parte essere antiberlusconiano (cosa indubbiamente vera) mi
sembra che il precedente governo non abbia fatto nulla per favorire la
concorrenza nel settore dei servizi. E avrebbe potuto fare moltissimo.
ricordo che la domanda era "cosa ha fatto allora il governo precedente?".
a proposito di ricordi, che mi dici di come quel governo aveva gestito
l'assegnazione delle frequenze umts?
L'assegnazione delle frequenze UMTS è stata un bagno di sangue a
livello europeo. Non mi sembra che qualcuno sia riuscito a farla
particolarmente bene.
la finlandia (e forse pure qualcun altro, ma non ne sono sicuro) aveva
detto piu' o meno "i soldi che ricaveremo saranno alla fine tirati fuori
dalle tasche dei consumatori, quindi daremo una frequenza gratis a chinque
ce la chiede".
cogli la differenza con chi presentava la cosa come soluzione del debito
pubblico?
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
I servizi hanno una natura molto meno "stabile" e molto più "spot" dei
settori tradizionali. Tutto qua.
riesci anche a motivarla questa cosa o deve rimanere allo stato di slogan?
In che senso, scusa ?
nel senso di "perche'i servizi hanno una natura molto meno "stabile" e
molto più "spot" dei settori tradizionali?"
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Con tutto il rispetto per il tassista, il valore che produce e il tipo
di professionalità che esprime mi sembrano piuttosto limitate. Se a
questo punto si trova a fare il dipendente (come il commesso del
supermercato) io non mi straccio le vesti.
quando hanno introdotto il contratto a progetto, nessuno si e' strappato
le vesti. adesso i neolaureati guadagnano 600 euro al mese quando un
affitto costa 800 euro: vedi che bello il mondo quando tutti se ne fregano?
I neolaureati prendevano anche prima 600 euro al mese.
nient'affatto.
Post by PaoloB
Queste riforme aprono il mercato e consentono al settore dei servizi di
crescere, sia come volume, sia come dimensione delle aziende.
non lo ho mai negato: il problema che sollevavo io era che mentre le
aziende crescono, la qualita' della vita degli impiegati peggiora
costantemente.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Comunque, l'investimento che dovrà fare sarà molto limitato; e, come
in tutti i settori dei servizi, ci sono società grandi e società
piccole.
e come in tutti i settori, appena salta fuori uno piccolo per un grande
non ci vuole nulla a conciarlo male. se parlo per esempio di finmatica, ti
viene in mente qualche cosa?
E Google ti dice nulla ? E' uno piccolo che sta facendo vedere i sorci
verdi a Micosoft...
appunto: questo "piccolo" si e' quotato in borsa con 36 miliardi di
dollari. mentre netscape, che era un piu' piccolino... che fine ha fatto?
--
Post by PaoloB
+ pippe = - sahid
[Arturo Funke, it.politica 15-5-06]

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
PaoloB
2006-07-04 11:10:40 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Perchè non te ne accorgi. In regime di monopolio col cavolo che avevi
la banda larga, e una linea dedicata costava un fottio di soldi (ti
ricordi ancora i prezzi di una 64 Kbit dedicata ?). Oggi per te è
naturale lavorare in larga banda. C'è una certa differenza.
ti contraddici: piu' sotto dici che la telecom offre l'adsl in regime di
monopolio.
Falso. Telecom ha il servizio universale, e gestice la vecchia rete.
Ma le offerte te le fanno tutti. Tele2 ti fa un'offerta diversa da
quella di Telecom. Quello che sono regolamentati sono i prezzi che può
fare Telecom agli utenti finali e a quelli che affittano la rete per
fare la propria società telefonica. Proprio per favorire la
competizione.
mi sto perdendo in questo pezzo...
comunque, telefono, radio e televisione sono arrivati in regime di
monopolio. probabilmente mi sarebbe arrivata pure l'adsl.
o no?
Allora, ripetiamo. Telecom Italia, in quanto fornitore del servizio
universale e detentore della "vecchia" rete telefonica opera su un
insieme di servizi secondo prezzi e tariffe controllate. In
particolare, essa è sottoposta ai controlli dell'Authority sulle TLC
affinchè offra l'accesso alle proprie reti anche agli operatori a
prezzi concorrenziali.

In pratica, Telecom Italia si deve comportare come se fosse
rappresentata da due aziende: una che gestisce la rete, una che offre i
servizi.

Tutti gli altri operatori (Tele2, Infostrada e così via) possono
offrire i loro servizi al prezzo che preferiscono.

Quanto al fatto che ti sarebbe arrivato l'ADSL, è tutto da vedere. In
generale, quando Telecom Italia era in regime di monopolio come SIP era
lentissima nell'offrire nuovi servizi.
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Calma. A parte essere antiberlusconiano (cosa indubbiamente vera) mi
sembra che il precedente governo non abbia fatto nulla per favorire la
concorrenza nel settore dei servizi. E avrebbe potuto fare moltissimo.
ricordo che la domanda era "cosa ha fatto allora il governo precedente?".
a proposito di ricordi, che mi dici di come quel governo aveva gestito
l'assegnazione delle frequenze umts?
L'assegnazione delle frequenze UMTS è stata un bagno di sangue a
livello europeo. Non mi sembra che qualcuno sia riuscito a farla
particolarmente bene.
la finlandia (e forse pure qualcun altro, ma non ne sono sicuro) aveva
detto piu' o meno "i soldi che ricaveremo saranno alla fine tirati fuori
dalle tasche dei consumatori, quindi daremo una frequenza gratis a chinque
ce la chiede".
cogli la differenza con chi presentava la cosa come soluzione del debito
pubblico?
Mi sembra che altri paesi, come Francia, Germania e Gran Bretagna hanno
fatto esattamente come noi. Concordo che l'approccio avrebbe potuto
essere migliore: comunque, una grossa fetta dei fondi sono andati ai
progetti di R&D. Un buon segnale, in ogni caso.
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
I servizi hanno una natura molto meno "stabile" e molto più "spot" dei
settori tradizionali. Tutto qua.
riesci anche a motivarla questa cosa o deve rimanere allo stato di slogan?
In che senso, scusa ?
nel senso di "perche'i servizi hanno una natura molto meno "stabile" e
molto più "spot" dei settori tradizionali?"
Ti rispondo dopo.
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Con tutto il rispetto per il tassista, il valore che produce e il tipo
di professionalità che esprime mi sembrano piuttosto limitate. Se a
questo punto si trova a fare il dipendente (come il commesso del
supermercato) io non mi straccio le vesti.
quando hanno introdotto il contratto a progetto, nessuno si e' strappato
le vesti. adesso i neolaureati guadagnano 600 euro al mese quando un
affitto costa 800 euro: vedi che bello il mondo quando tutti se ne fregano?
I neolaureati prendevano anche prima 600 euro al mese.
nient'affatto.
Davvero ? Abbiamo campato in due mondi diversi.

Le aziende usano i cocopro (o le partite IVA) perchè a parità di
retribuzione consentono di risparmiare su tutto il resto.
Post by tornado
Post by PaoloB
Queste riforme aprono il mercato e consentono al settore dei servizi di
crescere, sia come volume, sia come dimensione delle aziende.
non lo ho mai negato: il problema che sollevavo io era che mentre le
aziende crescono, la qualita' della vita degli impiegati peggiora
costantemente.
Non è vero. Nelle aziende che operano in regime di competizione la
qualità della vita cresce. Chiedi ad esempio a ST Microelectronics,
per fare un esempio.

La qualità della vita dei dipendenti scende quando i dipendenti
diventano peso e non patrimonio per l'azienda: ossia quando essi, di
fatto, servono solo a riscuotere una qualche forma di tassa legale.

In altri paesi le professioni intellettuali sono pagate MOLTO meglio
che in Italia. E hanno MOLTA più concorrenza nei servizi.
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Comunque, l'investimento che dovrà fare sarà molto limitato; e, come
in tutti i settori dei servizi, ci sono società grandi e società
piccole.
e come in tutti i settori, appena salta fuori uno piccolo per un grande
non ci vuole nulla a conciarlo male. se parlo per esempio di finmatica, ti
viene in mente qualche cosa?
E Google ti dice nulla ? E' uno piccolo che sta facendo vedere i sorci
verdi a Micosoft...
appunto: questo "piccolo" si e' quotato in borsa con 36 miliardi di
dollari. mentre netscape, che era un piu' piccolino... che fine ha fatto?
Quando è nata Google non valeva 36 miliardi. E' nata MOLTO più
piccola (due persone) e con infinitamente meno soldi. Non scherziamo.

PaoloB
tornado
2006-07-04 11:43:45 UTC
Permalink
Post by PaoloB
Quanto al fatto che ti sarebbe arrivato l'ADSL, è tutto da vedere.
potresti spiegarmi, possibilmente senza slogan e luoghi comuni ma con dei
fatti, perche' il telefono mi e' arrivato in regime di monopolio mentre
l'adsl non mi sarebbe arrivato?
Post by PaoloB
In
generale, quando Telecom Italia era in regime di monopolio come SIP era
lentissima nell'offrire nuovi servizi.
parliamo di cose concrete una volta ogni tanto: quali sarebbero questi
potenziali servizi che ci siamo persi perche' la sip era monopolista?
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
I neolaureati prendevano anche prima 600 euro al mese.
nient'affatto.
Davvero ? Abbiamo campato in due mondi diversi.
l'avevo capito che tu stavi in una realta' parallela.
Post by PaoloB
Le aziende usano i cocopro (o le partite IVA) perchè a parità di
retribuzione consentono di risparmiare su tutto il resto.
ti sei mai chiesto chi gli paghi questo "resto"? non so, per esempio chi
paghi la pensione al co.pro...
Post by PaoloB
Non è vero. Nelle aziende che operano in regime di competizione la
qualità della vita cresce. Chiedi ad esempio a ST Microelectronics,
per fare un esempio.
complimenti: tra tanti esempi di aziende da usare per mostrare le
meraviglie dela competizione, sei riuscito a beccare quella che ha evitato
di chiudere uno stabilimento ssolo grazie a pesanti contributi statali.
complimenti di nuovo.

tra parentesi, per qualita' della vita intendevo anche aver la certeza di
ricevere uno stipendio. perche' sai, di solito prima opoi a uno viene
voglia di comprarsi casa, fare un figlio ecc. ecc., mica solo partecipare
allal crescita dell'azienda...
Post by PaoloB
La qualità della vita dei dipendenti scende quando i dipendenti
diventano peso e non patrimonio per l'azienda: ossia quando essi, di
fatto, servono solo a riscuotere una qualche forma di tassa legale.
traduzione: pezzenti, prendi 'sti 800 euro e ringraziami che non ti sbatto
per strada.
Post by PaoloB
In altri paesi le professioni intellettuali sono pagate MOLTO meglio
che in Italia. E hanno MOLTA più concorrenza nei servizi.
ma soprattutto, qui una volta era tutta campagna.
Post by PaoloB
Post by tornado
appunto: questo "piccolo" si e' quotato in borsa con 36 miliardi di
dollari. mentre netscape, che era un piu' piccolino... che fine ha fatto?
Quando è nata Google non valeva 36 miliardi. E' nata MOLTO più
piccola (due persone) e con infinitamente meno soldi. Non scherziamo.
e quando e nata microsoft non la cagava nemmeno. infatti msn e' apparso 6
anni dopo la nascita di google. ma di netscape, che tu tanto abilmente hai
cercato di far sparire dal discorso, che dici?
--
Post by PaoloB
+ pippe = - sahid
[Arturo Funke, it.politica 15-5-06]

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
PaoloB
2006-07-04 11:58:22 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Quanto al fatto che ti sarebbe arrivato l'ADSL, è tutto da vedere.
potresti spiegarmi, possibilmente senza slogan e luoghi comuni ma con dei
fatti, perche' il telefono mi e' arrivato in regime di monopolio mentre
l'adsl non mi sarebbe arrivato?
Non so dove sei stato tu. Io di informatica e di reti mi occupo da
qualche anno. E, per esempio, mi ricordo le battaglie che faceva per
esempio MC Microcomputer per avere le linee telefoniche. Ti ricordi che
una volta dovevi chiedere una licenza speciale alla SIP per attaccare
un modem, che ti forniva la SIP stessa ?

Ti ricordi quando la SIP rifiutava di offire i cavi in continutà
metallica, per farsi l'ADSL fatto in casa ? Io sì.
Post by tornado
Post by PaoloB
In
generale, quando Telecom Italia era in regime di monopolio come SIP era
lentissima nell'offrire nuovi servizi.
parliamo di cose concrete una volta ogni tanto: quali sarebbero questi
potenziali servizi che ci siamo persi perche' la sip era monopolista?
Banda larga ? Un anno di linea dedicata, in Italia, costava 30 milioni
a 64 Kbit. Negli Stati Uniti (per esempio) ti offrivano una T1 a 1.544
Mbit a una frazione di quella cifra.
Post by tornado
Post by PaoloB
Le aziende usano i cocopro (o le partite IVA) perchè a parità di
retribuzione consentono di risparmiare su tutto il resto.
ti sei mai chiesto chi gli paghi questo "resto"? non so, per esempio chi
paghi la pensione al co.pro...
I cocopro di pensione ne vedranno ben poca, considerati i contributi
che versano. Comunque, vedo che concordi sul fatto che i cocopro sono a
parità di stipendio e costo inferiore.
Post by tornado
Post by PaoloB
Non è vero. Nelle aziende che operano in regime di competizione la
qualità della vita cresce. Chiedi ad esempio a ST Microelectronics,
per fare un esempio.
complimenti: tra tanti esempi di aziende da usare per mostrare le
meraviglie dela competizione, sei riuscito a beccare quella che ha evitato
di chiudere uno stabilimento ssolo grazie a pesanti contributi statali.
Cioè STM, un leader mondiale nella produzione di chip, una big fortune
secondo te non è un buon esempio ? Ma sai di cosa parli ?
Post by tornado
tra parentesi, per qualita' della vita intendevo anche aver la certeza di
ricevere uno stipendio. perche' sai, di solito prima opoi a uno viene
voglia di comprarsi casa, fare un figlio ecc. ecc., mica solo partecipare
allal crescita dell'azienda...
STM mi risulta assuma e tenga le persone, e ci faccia un grosso
investimento sopra.
Post by tornado
Post by PaoloB
La qualità della vita dei dipendenti scende quando i dipendenti
diventano peso e non patrimonio per l'azienda: ossia quando essi, di
fatto, servono solo a riscuotere una qualche forma di tassa legale.
traduzione: pezzenti, prendi 'sti 800 euro e ringraziami che non ti sbatto
per strada.
Ossia, lo stesso discorso che viene fatto a un operaio che svolga
mansioni simili. Capisco che possa non piacere, ma uno non può
pretendere di diventare ricco facendo un lavoro semplice.

La società premia e deve premiare le persone che svolgono lavori
complessi, che contribuiscono a creare ricchezza per la società
stessa.
Post by tornado
Post by PaoloB
In altri paesi le professioni intellettuali sono pagate MOLTO meglio
che in Italia. E hanno MOLTA più concorrenza nei servizi.
ma soprattutto, qui una volta era tutta campagna.
Allora, visto che non sai di cosa parli, vai su Monster, e guarda cosa
offrono, per esempio in Gran Bretagna per un esperto informatico (il
mio settore). Poi confrontalo con le offerte che trovi in Italia. E
divertiti.
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
appunto: questo "piccolo" si e' quotato in borsa con 36 miliardi di
dollari. mentre netscape, che era un piu' piccolino... che fine ha fatto?
Quando è nata Google non valeva 36 miliardi. E' nata MOLTO più
piccola (due persone) e con infinitamente meno soldi. Non scherziamo.
e quando e nata microsoft non la cagava nemmeno. infatti msn e' apparso 6
anni dopo la nascita di google. ma di netscape, che tu tanto abilmente hai
cercato di far sparire dal discorso, che dici?
Netscape è un'azienda che ha perso la "guerra dei browser" con
Microsoft, perchè Microsoft è riuscita a imporre il proprio monopolio
sul desktop per vincere la guerra stessa. E, comunque, quando era al
suo massimo, Netscape era "grossina".

La stess Microsoft è nata come piccola azienda che ha scalzato IBM e
gli altri player dal mercato dei desktop. Succede abbastanza in
continuazione.

PaoloB
tornado
2006-07-04 12:20:09 UTC
Permalink
Post by PaoloB
Non so dove sei stato tu. Io di informatica e di reti mi occupo da
qualche anno. E, per esempio, mi ricordo le battaglie che faceva per
esempio MC Microcomputer per avere le linee telefoniche.
cioe'?
Post by PaoloB
Ti ricordi che
una volta dovevi chiedere una licenza speciale alla SIP per attaccare
un modem, che ti forniva la SIP stessa ?
no, ma mi ricordo di un mio cugino che nel 1984 si era comprato un
modem in negozio per connettersi, tramite c64 alle bbs.
Post by PaoloB
Ti ricordi quando la SIP rifiutava di offire i cavi in continutà
metallica, per farsi l'ADSL fatto in casa ? Io sì.
va bene, questa non la sapevo.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
In
generale, quando Telecom Italia era in regime di monopolio come SIP era
lentissima nell'offrire nuovi servizi.
parliamo di cose concrete una volta ogni tanto: quali sarebbero questi
potenziali servizi che ci siamo persi perche' la sip era monopolista?
Banda larga ? Un anno di linea dedicata, in Italia, costava 30 milioni
a 64 Kbit. Negli Stati Uniti (per esempio) ti offrivano una T1 a 1.544
Mbit a una frazione di quella cifra.
il fatto che negli usa ci fosse un'infrastruttura ben piu' potente di
quella italiana (costruita per scopi militari, quindi con ben poca
concorrenza...) proprio non interviene nel tuo paragone, eh?
Post by PaoloB
I cocopro di pensione ne vedranno ben poca, considerati i contributi
che versano. Comunque, vedo che concordi sul fatto che i cocopro sono a
parità di stipendio e costo inferiore.
l'avevo gia' detto almeno tre post fa.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Non è vero. Nelle aziende che operano in regime di competizione la
qualità della vita cresce. Chiedi ad esempio a ST Microelectronics,
per fare un esempio.
complimenti: tra tanti esempi di aziende da usare per mostrare le
meraviglie dela competizione, sei riuscito a beccare quella che ha evitato
di chiudere uno stabilimento ssolo grazie a pesanti contributi statali.
Cioè STM, un leader mondiale nella produzione di chip, una big fortune
secondo te non è un buon esempio ? Ma sai di cosa parli ?
si, dello stabilimento di catania.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
La qualità della vita dei dipendenti scende quando i dipendenti
diventano peso e non patrimonio per l'azienda: ossia quando essi, di
fatto, servono solo a riscuotere una qualche forma di tassa legale.
traduzione: pezzenti, prendi 'sti 800 euro e ringraziami che non ti sbatto
per strada.
Ossia, lo stesso discorso che viene fatto a un operaio che svolga
mansioni simili. Capisco che possa non piacere, ma uno non può
pretendere di diventare ricco facendo un lavoro semplice.
La società premia e deve premiare le persone che svolgono lavori
complessi, che contribuiscono a creare ricchezza per la società
stessa.
ti ricontraddici: avevi detto che i lavoratori intellettuali in italia
sono pagati poco.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
In altri paesi le professioni intellettuali sono pagate MOLTO meglio
che in Italia. E hanno MOLTA più concorrenza nei servizi.
ma soprattutto, qui una volta era tutta campagna.
Allora, visto che non sai di cosa parli[...]
so perfettamente di cosa parli. e ho anche capito che l'hai scritto
tanto per fare volume.
Post by PaoloB
Netscape è un'azienda che ha perso la "guerra dei browser" con
Microsoft, perchè Microsoft è riuscita a imporre il proprio monopolio
sul desktop per vincere la guerra stessa. E, comunque, quando era al
suo massimo, Netscape era "grossina".
appunto...
Post by PaoloB
La stess Microsoft è nata come piccola azienda che ha scalzato IBM e
gli altri player dal mercato dei desktop. Succede abbastanza in
continuazione.
bel paragone di pere e patate: ms fa da sempre solo sistemi operativi e
annessi, ibm aveva tentato l'avventura di os2 in ritardo di anni.
PaoloB
2006-07-04 12:29:29 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Non so dove sei stato tu. Io di informatica e di reti mi occupo da
qualche anno. E, per esempio, mi ricordo le battaglie che faceva per
esempio MC Microcomputer per avere le linee telefoniche.
cioe'?
Post by PaoloB
Ti ricordi che
una volta dovevi chiedere una licenza speciale alla SIP per attaccare
un modem, che ti forniva la SIP stessa ?
no, ma mi ricordo di un mio cugino che nel 1984 si era comprato un
modem in negozio per connettersi, tramite c64 alle bbs.
Quello è venuto DOPO. Prima, il modem te lo doveva dare la SIP. E c'è
voluto del bello e del buono per convincerla a farlo.

"Ma dobbiamo garantire la qualità del servizio ai clienti" eccetera...
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
In
generale, quando Telecom Italia era in regime di monopolio come SIP era
lentissima nell'offrire nuovi servizi.
parliamo di cose concrete una volta ogni tanto: quali sarebbero questi
potenziali servizi che ci siamo persi perche' la sip era monopolista?
Banda larga ? Un anno di linea dedicata, in Italia, costava 30 milioni
a 64 Kbit. Negli Stati Uniti (per esempio) ti offrivano una T1 a 1.544
Mbit a una frazione di quella cifra.
il fatto che negli usa ci fosse un'infrastruttura ben piu' potente di
quella italiana (costruita per scopi militari, quindi con ben poca
concorrenza...) proprio non interviene nel tuo paragone, eh?
Fesseria. A tutt'oggi, le dorsali Telecom sono scariche. Il problema di
Telecom non era la mancanza di banda. Era la mancanza di interesse a
fornire certi servizi. Se avevi il monopolio che ti fregava di
sforzarti tanto ?
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Non è vero. Nelle aziende che operano in regime di competizione la
qualità della vita cresce. Chiedi ad esempio a ST Microelectronics,
per fare un esempio.
complimenti: tra tanti esempi di aziende da usare per mostrare le
meraviglie dela competizione, sei riuscito a beccare quella che ha evitato
di chiudere uno stabilimento ssolo grazie a pesanti contributi statali.
Cioè STM, un leader mondiale nella produzione di chip, una big fortune
secondo te non è un buon esempio ? Ma sai di cosa parli ?
si, dello stabilimento di catania.
Fonte ? Ripeto, STM è un leader mondiale di microchip. Non è la pizza
e fichi srl di catania.
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
La qualità della vita dei dipendenti scende quando i dipendenti
diventano peso e non patrimonio per l'azienda: ossia quando essi, di
fatto, servono solo a riscuotere una qualche forma di tassa legale.
traduzione: pezzenti, prendi 'sti 800 euro e ringraziami che non ti sbatto
per strada.
Ossia, lo stesso discorso che viene fatto a un operaio che svolga
mansioni simili. Capisco che possa non piacere, ma uno non può
pretendere di diventare ricco facendo un lavoro semplice.
La società premia e deve premiare le persone che svolgono lavori
complessi, che contribuiscono a creare ricchezza per la società
stessa.
ti ricontraddici: avevi detto che i lavoratori intellettuali in italia
sono pagati poco.
E' esattamente questo il problema. Un tassista, che svolge un lavoro
semplice, può guadagnare molto grazie a una rendita di posizione. Un
farmacista può o può non guadagnare molto, se è titolare di una
farmacia.

In breve: secondo te un autista (dipendente) deve guadagnare più o
meno di un lavoratore intellettuale ? E quanto di più ?
Post by tornado
Post by PaoloB
Allora, visto che non sai di cosa parli[...]
so perfettamente di cosa parli. e ho anche capito che l'hai scritto
tanto per fare volume.
No. Un momento. Vai su Monster, e cerca quali sono le offerte per
esempio nel settore informatico. Poi confrontale con quelle italiane.
Poi parliamo.
Post by tornado
Post by PaoloB
Netscape è un'azienda che ha perso la "guerra dei browser" con
Microsoft, perchè Microsoft è riuscita a imporre il proprio monopolio
sul desktop per vincere la guerra stessa. E, comunque, quando era al
suo massimo, Netscape era "grossina".
appunto...
Appunto che ? La mia tesi, tanto per ricordarcela, è che non è vero
che i grandi distruggono sempre i piccoli. In alcuni casi il gioco
riesce (Microsoft vs Netscape), in altri no (Microsoft vs Google).
Post by tornado
Post by PaoloB
La stess Microsoft è nata come piccola azienda che ha scalzato IBM e
gli altri player dal mercato dei desktop. Succede abbastanza in
continuazione.
bel paragone di pere e patate: ms fa da sempre solo sistemi operativi e
annessi, ibm aveva tentato l'avventura di os2 in ritardo di anni.
IBM era l'informatica quando Microsoft era un aziendina da quattro
soldi. Il fatto di essersi riuscita a impossessare del mercato del
software (dentro cui IBM era da anni) è stato uno dei capolavori di
Bill Gates.

PaoloB
tornado
2006-07-04 13:06:17 UTC
Permalink
Post by PaoloB
Post by tornado
no, ma mi ricordo di un mio cugino che nel 1984 si era comprato un
modem in negozio per connettersi, tramite c64 alle bbs.
Quello è venuto DOPO. Prima, il modem te lo doveva dare la SIP. E c'è
voluto del bello e del buono per convincerla a farlo.
prima del 1984 penso che trovare un modem non fosse tanto facile per
nessuno...
Post by PaoloB
Post by tornado
il fatto che negli usa ci fosse un'infrastruttura ben piu' potente di
quella italiana (costruita per scopi militari, quindi con ben poca
concorrenza...) proprio non interviene nel tuo paragone, eh?
Fesseria. A tutt'oggi, le dorsali Telecom sono scariche. Il problema di
Telecom non era la mancanza di banda. Era la mancanza di interesse a
fornire certi servizi. Se avevi il monopolio che ti fregava di
sforzarti tanto ?
pensa che fessi: dopo tutti gli investimenti che hanno dovuto sostenere
per farsi le linee, continuavano ad ignorare la potenziaale valanga di
soldi che potevano raccogliere perche' tanto non avevano concorrenza.
potevi andare a dirglielo tu e farti assumere come dirigente...
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Non è vero. Nelle aziende che operano in regime di competizione la
qualità della vita cresce. Chiedi ad esempio a ST Microelectronics,
per fare un esempio.
complimenti: tra tanti esempi di aziende da usare per mostrare le
meraviglie dela competizione, sei riuscito a beccare quella che ha evitato
di chiudere uno stabilimento ssolo grazie a pesanti contributi statali.
Cioè STM, un leader mondiale nella produzione di chip, una big fortune
secondo te non è un buon esempio ? Ma sai di cosa parli ?
si, dello stabilimento di catania.
Fonte ? Ripeto, STM è un leader mondiale di microchip. Non è la pizza
e fichi srl di catania.
http://www.strettoindispensabile.it/?p=407
e qui piangono ancora miseria:
http://www.adnkronos.com/Speciali/P_Lp/It/13.html
Post by PaoloB
E' esattamente questo il problema. Un tassista, che svolge un lavoro
semplice, può guadagnare molto grazie a una rendita di posizione. Un
farmacista può o può non guadagnare molto, se è titolare di una
farmacia.
In breve: secondo te un autista (dipendente) deve guadagnare più o
meno di un lavoratore intellettuale ? E quanto di più ?
non mi interessa chi guadagni di piu' tra me e un tassista. quello che
mi interessa e' che il mio lavoro non venga sfruttato esclusivamente
per far arricchire chi e' gia' ricco e far impoverire me.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Allora, visto che non sai di cosa parli[...]
so perfettamente di cosa parli. e ho anche capito che l'hai scritto
tanto per fare volume.
No. Un momento. Vai su Monster, e cerca quali sono le offerte per
esempio nel settore informatico. Poi confrontale con quelle italiane.
Poi parliamo.
parla pure.
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Netscape è un'azienda che ha perso la "guerra dei browser" con
Microsoft, perchè Microsoft è riuscita a imporre il proprio monopolio
sul desktop per vincere la guerra stessa. E, comunque, quando era al
suo massimo, Netscape era "grossina".
appunto...
Appunto che ? La mia tesi, tanto per ricordarcela, è che non è vero
che i grandi distruggono sempre i piccoli. In alcuni casi il gioco
riesce (Microsoft vs Netscape), in altri no (Microsoft vs Google).
ripeto: quando ms si e' sentita minacciata da google, google era tutto
tranne che piccola. ha avuto modo di svilupparsi grazie a particolari
condizioni del mercato, ma quando e' diventata una minaccia per ms
*non* *era* *piccolo*.
Post by PaoloB
Post by tornado
bel paragone di pere e patate: ms fa da sempre solo sistemi operativi e
annessi, ibm aveva tentato l'avventura di os2 in ritardo di anni.
IBM era l'informatica quando Microsoft era un aziendina da quattro
soldi. Il fatto di essersi riuscita a impossessare del mercato del
software (dentro cui IBM era da anni) è stato uno dei capolavori di
Bill Gates.
strano, a me risulta che gli ibm pc caricassero un sistema operativo
chiamato ms/dos...
si parlava poco fa della vita nelle realta' parallele, no?
w
2006-07-04 13:19:12 UTC
Permalink
Il 04 Lug 2006, 15:06, "tornado" <***@gmail.com>

POSTATO DA ROMOLETTO

In un giardino, un vagabonno dorme
accucciato per terra, arinnicchiato,
che manco se distingueno le forme.

Passa una guardia: - Alò! - dice - Cammina! -
Quello se smucchia e j'arisponne: - Bravo! -
Me sveji propio a tempo! M'insognavo
che stavo a lavorà ne l'officina!



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
w
2006-07-04 13:27:22 UTC
Permalink
Post by w
POSTATO DA ROMOLETTO
In un giardino, un vagabonno dorme
accucciato per terra, arinnicchiato,
che manco se distingueno le forme.
Passa una guardia: - Alò! - dice - Cammina! -
Quello se smucchia e j'arisponne: - Bravo! -
Me sveji propio a tempo! M'insognavo
che stavo a lavorà ne l'officina!
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
w
2006-07-04 13:42:18 UTC
Permalink
Post by w
Post by w
POSTATO DA ROMOLETTO
In un giardino, un vagabonno dorme
accucciato per terra, arinnicchiato,
che manco se distingueno le forme.
Passa una guardia: - Alò! - dice - Cammina! -
Quello se smucchia e j'arisponne: - Bravo! -
Me sveji propio a tempo! M'insognavo
che stavo a lavorà ne l'officina!
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
w
2006-07-04 13:44:38 UTC
Permalink
Post by w
POSTATO DA ROMOLETTO
In un giardino, un vagabonno dorme
accucciato per terra, arinnicchiato,
che manco se distingueno le forme.
Passa una guardia: - Alò! - dice - Cammina! -
Quello se smucchia e j'arisponne: - Bravo! -
Me sveji propio a tempo! M'insognavo
che stavo a lavorà ne l'officina!
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
PaoloB
2006-07-04 13:19:17 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
no, ma mi ricordo di un mio cugino che nel 1984 si era comprato un
modem in negozio per connettersi, tramite c64 alle bbs.
Quello è venuto DOPO. Prima, il modem te lo doveva dare la SIP. E c'è
voluto del bello e del buono per convincerla a farlo.
prima del 1984 penso che trovare un modem non fosse tanto facile per
nessuno...
Falso. Negli Stati Uniti il mercato era attivo da anni. BBS et similia
ce ne erano a bizzeffe. Non per niente c'erano cose tipo le Blue Box,
se sai di cosa parlo.In Italia queste cose erano impossibili, per i
costi delle chiamate e le difficoltà di avere una linea.
Post by tornado
Post by PaoloB
Fesseria. A tutt'oggi, le dorsali Telecom sono scariche. Il problema di
Telecom non era la mancanza di banda. Era la mancanza di interesse a
fornire certi servizi. Se avevi il monopolio che ti fregava di
sforzarti tanto ?
pensa che fessi: dopo tutti gli investimenti che hanno dovuto sostenere
per farsi le linee, continuavano ad ignorare la potenziaale valanga di
soldi che potevano raccogliere perche' tanto non avevano concorrenza.
potevi andare a dirglielo tu e farti assumere come dirigente...
Perchè erano un monopolio statale, e se ne sbatteva di fare queste
cose. Le linee ce le avevano già. Quello su cui hanno lavorato (se ti
ricordi, per esempio, Socrates) era la fibra ottica in locale. Che è
stata abbandonata quanto Telecom si è accorta che esisteva l'ADSL (e
ce ne ha messo di tempo ad accorgersene).
Post by tornado
Post by PaoloB
Fonte ? Ripeto, STM è un leader mondiale di microchip. Non è la pizza
e fichi srl di catania.
http://www.strettoindispensabile.it/?p=407
http://www.adnkronos.com/Speciali/P_Lp/It/13.html
Cioè il problema è che una multinazionale licenzia 210 persone ? In
un mercato competitivo come quello dei chip ?
Post by tornado
Post by PaoloB
In breve: secondo te un autista (dipendente) deve guadagnare più o
meno di un lavoratore intellettuale ? E quanto di più ?
non mi interessa chi guadagni di piu' tra me e un tassista. quello che
mi interessa e' che il mio lavoro non venga sfruttato esclusivamente
per far arricchire chi e' gia' ricco e far impoverire me.
No, rispondi alla domanda, per favore.
Post by tornado
Post by PaoloB
No. Un momento. Vai su Monster, e cerca quali sono le offerte per
esempio nel settore informatico. Poi confrontale con quelle italiane.
Poi parliamo.
parla pure.
Ossia secondo te in Italia, per esempio nel settore IT, è facile
trovare una posizione per diciamo 80.000 euro l'anno ?
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Netscape è un'azienda che ha perso la "guerra dei browser" con
Microsoft, perchè Microsoft è riuscita a imporre il proprio monopolio
sul desktop per vincere la guerra stessa. E, comunque, quando era al
suo massimo, Netscape era "grossina".
appunto...
Appunto che ? La mia tesi, tanto per ricordarcela, è che non è vero
che i grandi distruggono sempre i piccoli. In alcuni casi il gioco
riesce (Microsoft vs Netscape), in altri no (Microsoft vs Google).
ripeto: quando ms si e' sentita minacciata da google, google era tutto
tranne che piccola. ha avuto modo di svilupparsi grazie a particolari
condizioni del mercato, ma quando e' diventata una minaccia per ms
*non* *era* *piccolo*.
E secondo te Microsoft non sta con gli occhi spalancati a guardare
tutte le realtà potenzialmente pericolose ? E aspetta che diventi
grande per considerarla una minaccia ?
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
bel paragone di pere e patate: ms fa da sempre solo sistemi operativi e
annessi, ibm aveva tentato l'avventura di os2 in ritardo di anni.
IBM era l'informatica quando Microsoft era un aziendina da quattro
soldi. Il fatto di essersi riuscita a impossessare del mercato del
software (dentro cui IBM era da anni) è stato uno dei capolavori di
Bill Gates.
strano, a me risulta che gli ibm pc caricassero un sistema operativo
chiamato ms/dos...
Forse ignori che IBM di software ne sviluppava (e ne sviluppa)
tonnellate: dall'IBM/360 ai mainframe, passando per compilatori,
applicazioni gestionali e database. Il sistema operativo del PC fu
passato a Microsoft per questioni di tempo e per scarsa percezione del
mercato da parte della dirigenza IBM.

Non scherziamo per cortesia.

PaoloB
tornado
2006-07-04 13:39:20 UTC
Permalink
Post by tornado
prima del 1984 penso che trovare un modem non fosse tanto facile per
nessuno...
Falso. Negli Stati Uniti [...]
ennesimo salto di palo in frasca: si stava parlando dell'italia.
Post by tornado
Post by PaoloB
Fesseria. A tutt'oggi, le dorsali Telecom sono scariche. Il problema di
Telecom non era la mancanza di banda. Era la mancanza di interesse a
fornire certi servizi. Se avevi il monopolio che ti fregava di
sforzarti tanto ?
pensa che fessi: dopo tutti gli investimenti che hanno dovuto sostenere
per farsi le linee, continuavano ad ignorare la potenziaale valanga di
soldi che potevano raccogliere perche' tanto non avevano concorrenza.
potevi andare a dirglielo tu e farti assumere come dirigente...
Perchè erano un monopolio statale, e se ne sbatteva di fare queste
cose.
eccolo li...
Post by tornado
Post by PaoloB
Fonte ? Ripeto, STM è un leader mondiale di microchip. Non è la pizza
e fichi srl di catania.
http://www.strettoindispensabile.it/?p=407
http://www.adnkronos.com/Speciali/P_Lp/It/13.html
Cioè il problema è che una multinazionale licenzia 210 persone ? In
un mercato competitivo come quello dei chip ?
vallo a spiegare anche a solo due o tre di quei 210. comunque ti
confido un segreto: si stava parlando di condizioni dei lavoratori, e
la st la avevi tirata fuori tu come fiore all'occhiello proprio da
questo punto di vista...
Post by tornado
Post by PaoloB
In breve: secondo te un autista (dipendente) deve guadagnare più o
meno di un lavoratore intellettuale ? E quanto di più ?
non mi interessa chi guadagni di piu' tra me e un tassista. quello che
mi interessa e' che il mio lavoro non venga sfruttato esclusivamente
per far arricchire chi e' gia' ricco e far impoverire me.
No, rispondi alla domanda, per favore.
cosa non hai capito di "non mi interessa chi guadagni di piu' tra me e
un tassista."?
Post by tornado
Post by PaoloB
No. Un momento. Vai su Monster, e cerca quali sono le offerte per
esempio nel settore informatico. Poi confrontale con quelle italiane.
Poi parliamo.
parla pure.
Ossia secondo te in Italia, per esempio nel settore IT, è facile
trovare una posizione per diciamo 80.000 euro l'anno ?
no.
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Post by PaoloB
Netscape è un'azienda che ha perso la "guerra dei browser" con
Microsoft, perchè Microsoft è riuscita a imporre il proprio monopolio
sul desktop per vincere la guerra stessa. E, comunque, quando era al
suo massimo, Netscape era "grossina".
appunto...
Appunto che ? La mia tesi, tanto per ricordarcela, è che non è vero
che i grandi distruggono sempre i piccoli. In alcuni casi il gioco
riesce (Microsoft vs Netscape), in altri no (Microsoft vs Google).
ripeto: quando ms si e' sentita minacciata da google, google era tutto
tranne che piccola. ha avuto modo di svilupparsi grazie a particolari
condizioni del mercato, ma quando e' diventata una minaccia per ms
*non* *era* *piccolo*.
E secondo te Microsoft non sta con gli occhi spalancati a guardare
tutte le realtà potenzialmente pericolose ? E aspetta che diventi
grande per considerarla una minaccia ?
ripeto: quando si e' quotato in borsa aveva 36 miliardi di dollari. poi
fai tu, eh?
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
bel paragone di pere e patate: ms fa da sempre solo sistemi operativi e
annessi, ibm aveva tentato l'avventura di os2 in ritardo di anni.
IBM era l'informatica quando Microsoft era un aziendina da quattro
soldi. Il fatto di essersi riuscita a impossessare del mercato del
software (dentro cui IBM era da anni) è stato uno dei capolavori di
Bill Gates.
strano, a me risulta che gli ibm pc caricassero un sistema operativo
chiamato ms/dos...
Forse ignori che IBM di software ne sviluppava (e ne sviluppa)
tonnellate: dall'IBM/360 ai mainframe, passando per compilatori,
applicazioni gestionali e database.
per i pc pero' un cazzo, che infatti (stendendo un pietoso velo sulle
tue stronzate qui sotto) prima di ms/dos usavano di solito c/pm che
proveniva dalla digital.
Il sistema operativo del PC fu
passato a Microsoft per questioni di tempo e per scarsa percezione del
mercato da parte della dirigenza IBM.
Non scherziamo per cortesia.
ma soprattutto, piuttosto che inventarsi palle, tirare fuori luoghi
comuni senza attinenza col resto del discorso, tentare di cambiare
discorso, lasciarne perdere altri pezzi, fare il finto tonto e altri
capolavori dialettici, se ti metti a gridare "ho ragione perche' di
si!", magari pestando il piedino e agitando il pugnetto, giungeresti
piu' in fretta alla conclusione e ci faresti pure una figura molto piu'
dignitosa.
PaoloB
2006-07-04 13:50:15 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by tornado
prima del 1984 penso che trovare un modem non fosse tanto facile per
nessuno...
Falso. Negli Stati Uniti [...]
ennesimo salto di palo in frasca: si stava parlando dell'italia.
Allora: tu dici che non c'era richiesta. Io dico che c'era ed era
ostacolata dal fatto che non c'era un offerta adeguata. A paragone ti
prendo gli Stati Uniti, dove queste cose erano normale amministrazione.
Post by tornado
Post by tornado
Post by PaoloB
Fonte ? Ripeto, STM è un leader mondiale di microchip. Non è la pizza
e fichi srl di catania.
http://www.strettoindispensabile.it/?p=407
http://www.adnkronos.com/Speciali/P_Lp/It/13.html
Cioè il problema è che una multinazionale licenzia 210 persone ? In
un mercato competitivo come quello dei chip ?
vallo a spiegare anche a solo due o tre di quei 210. comunque ti
confido un segreto: si stava parlando di condizioni dei lavoratori, e
la st la avevi tirata fuori tu come fiore all'occhiello proprio da
questo punto di vista...
Allora: che una multinazionale di 50.000 persone licenzi, in un momento
di crisi, 210 persone sta nella normale realtà delle cose. Posso
capire che faccia impressione. Ma è un fatto normale.

Sulla qualità della vita: sai qual è stata la prima azienda italiana
ricevere la certificazione EMAS ?
Post by tornado
Post by tornado
Post by PaoloB
No. Un momento. Vai su Monster, e cerca quali sono le offerte per
esempio nel settore informatico. Poi confrontale con quelle italiane.
Poi parliamo.
parla pure.
Ossia secondo te in Italia, per esempio nel settore IT, è facile
trovare una posizione per diciamo 80.000 euro l'anno ?
no.
Bene. Allora, vai su Monster.com, e cerca le posizioni disponibili,
diciamo in Gran Bretagna. Oppure, se vuoi, ti presento un mio collega
che è appena entrato a Dublino, per 65.000 euro netti (netti!) più
benefits e stock options. Quando dico che in Italia le professioni
intellettuali non sono retribuite come in altri paesi, credo di
affermare qualcosa su cui ho qualche esperienza.
Post by tornado
Post by tornado
Post by PaoloB
Appunto che ? La mia tesi, tanto per ricordarcela, è che non è vero
che i grandi distruggono sempre i piccoli. In alcuni casi il gioco
riesce (Microsoft vs Netscape), in altri no (Microsoft vs Google).
ripeto: quando ms si e' sentita minacciata da google, google era tutto
tranne che piccola. ha avuto modo di svilupparsi grazie a particolari
condizioni del mercato, ma quando e' diventata una minaccia per ms
*non* *era* *piccolo*.
E secondo te Microsoft non sta con gli occhi spalancati a guardare
tutte le realtà potenzialmente pericolose ? E aspetta che diventi
grande per considerarla una minaccia ?
ripeto: quando si e' quotato in borsa aveva 36 miliardi di dollari. poi
fai tu, eh?
Sì. Ma Microsoft è abituata a comprare piccole aziendine promettenti.
C'è stato un periodo che ne acquistava una a settimana.
Post by tornado
Post by tornado
strano, a me risulta che gli ibm pc caricassero un sistema operativo
chiamato ms/dos...
Forse ignori che IBM di software ne sviluppava (e ne sviluppa)
tonnellate: dall'IBM/360 ai mainframe, passando per compilatori,
applicazioni gestionali e database.
per i pc pero' un cazzo, che infatti (stendendo un pietoso velo sulle
tue stronzate qui sotto) prima di ms/dos usavano di solito c/pm che
proveniva dalla digital.
No. Sui PC fu deciso di montare il sistema operativo Microsoft perchè
all'epoca il mercato dei PC non esisteva. Fu un errore clamoroso di IBM
ignorare questo mercato (come ricorda, ad esempio, Lou Gernster nella
sua autobiografia).
Post by tornado
Il sistema operativo del PC fu
passato a Microsoft per questioni di tempo e per scarsa percezione del
mercato da parte della dirigenza IBM.
Non scherziamo per cortesia.
Dillo a Gernster che si è sbagliato. Sai, lui di IBM è stato il
presidente. Probabilmente qualcosa ha sentitio dire in giro.
Post by tornado
ma soprattutto, piuttosto che inventarsi palle, tirare fuori luoghi
comuni senza attinenza col resto del discorso, tentare di cambiare
discorso, lasciarne perdere altri pezzi, fare il finto tonto e altri
capolavori dialettici, se ti metti a gridare "ho ragione perche' di
si!", magari pestando il piedino e agitando il pugnetto, giungeresti
piu' in fretta alla conclusione e ci faresti pure una figura molto piu'
dignitosa.
Perchè ti arrabi tanto ? Io ti ho citato una serie di fatti, ai quali
hai risposto con "cazzate" oppure "non mi interessa" oppure "stai
cambiando discorso. Mi sembra che tu stia battendo i piedini per terra.

PaoloB
tornado
2006-07-04 13:54:39 UTC
Permalink
Post by PaoloB
Post by tornado
Falso. Negli Stati Uniti [...]
ennesimo salto di palo in frasca: si stava parlando dell'italia.
Allora: tu dici che non c'era richiesta. Io dico che c'era ed era
A paragone ti prendo gli Stati Uniti [...]
poi tu sei quello che cita i fatti...

vai a cercarti un lavoro su monster, va...
PaoloB
2006-07-04 13:58:55 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Post by tornado
Falso. Negli Stati Uniti [...]
ennesimo salto di palo in frasca: si stava parlando dell'italia.
Allora: tu dici che non c'era richiesta. Io dico che c'era ed era
A paragone ti prendo gli Stati Uniti [...]
poi tu sei quello che cita i fatti...
vai a cercarti un lavoro su monster, va...
Eccoti un'offerta in esclusiva per te:

http://jobsearch.monster.co.uk/getjob.asp?JobID=41752464&AVSDM=2006%2D06%2D30+10%3A58%3A00&Logo=1&cy=uk&sort=rv&vw=d&q=linux

Range salary:40,000.00 - 50,000.00 GBP per year

Vedi se trovi in Italia qualcuno che ti offre 50.000 sterline all'anno
per un lavoro analogo.

PaoloB
malefik
2006-07-04 13:58:26 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by PaoloB
Forse ignori che IBM di software ne sviluppava (e ne sviluppa)
tonnellate: dall'IBM/360 ai mainframe, passando per compilatori,
applicazioni gestionali e database.
per i pc pero' un cazzo, che infatti (stendendo un pietoso velo sulle
tue stronzate qui sotto) prima di ms/dos usavano di solito c/pm che
proveniva dalla digital.
Intervengo per dovere di cronaca, trattandosi del mio lavoro e di un periodo
storico che ho vissuto in prima persona...
Tralasciando il 5100, che IBM chiama Portable Computer e che aveva un
sistema operativo proprietario, il primo PC IBM fu presentato sul mercato
nel 1981 e supportava come sistema operativo il PCDOS (sviluppato da
Microsoft).

Il prototipo fu realizzato da Donadld Estridge usando componentistica di
mercato (processore Intel 8088 etc.), dopo che un team di ricerca interno
aveva stabilito che i tempi per la produzione di chip proprietari erano
incompatibili con il time to market.

Non molti sanno che IBM affido' la realizzazione del sistema operativo a
Microsoft per evitar problemi con l'antitrust (dato che a quel tempo era
sotto inchiesta), finanziando comunque con l'acquisto di azioni a prezzo
sopravvalutato sia Microsoft che Intel.

Microsoft ricavo' il PCDOS (MSDOS nelle successive distribuzioni su HW non
IBM) lavorando sul Q-Dos (Quick and Dirt Iperating System), acquistato per
50.000 dollari dalla Seattle Computer Products.

IBM non ha mai usato, a quanto mi risulta, CP/M (basato su architettura Z80)
su nessuna delle sue macchine.
--
"Contro la stupidità, neanche gli dei possono lottare."
[Friedrich von Schiller - "Giovanna d'Arco", Atto III, Scena 6]
Doctor Destino
2006-07-04 19:52:37 UTC
Permalink
il Tue, 4 Jul 2006 15:58:26 +0200, "malefik" in "it.politica" ha
Post by malefik
IBM non ha mai usato, a quanto mi risulta, CP/M (basato su architettura Z80)
su nessuna delle sue macchine.
La leggenda vuole che IBM si sia rivolta alla Digital Reseach, per il
primo PC, ma poi vi furono alcune incomprensioni:

http://www.ordineingegneri.bergamo.it/Commissioni/2001/14/Documenti/moduli/Lezione02/storia.htm
shadow
2006-07-04 08:35:03 UTC
Permalink
Post by tornado
a parte il fatto che questo ragionamento e' stato smentito piu' di una
volta in passato, per esempio con i telefonini o con le assicurazioni
per le assicurazioni hai ragione, ma anche perchè le assicurazioni
continuano a godere della possibilità di fare cartello quasi
impunemente, per la telefonia meno se confronti i costi
attuali con quelli di una decina di anni fa, quello che manca
nella telefonia è la chiarezza dei costi per gli utenti, oltre
al fatto che il monopolio di telecom nella telefonia fissa è
ancora molto forte.
Post by tornado
mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.
la concorrenza non serve a rendere un costo di un servizio
più basso di quello di un servizio più scadente, ma cercare di
rendere il costo meno soggetto ad accordi di cartello
che poi pagano gli utenti, come nel caso delle assicurazioni
auto.

Che poi questo possa accadere dipende sia dal mercato,
e le sue regole, e sia dagli utenti.



Inviato da X-Privat.Org - Registrazione gratuita http://www.x-privat.org/join.php
Cingar
2006-07-04 09:57:18 UTC
Permalink
[...] mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.
A parte il fatto che mica sempre una corsa in metropolitana costa 1
euro (io ne spendo quasi il triplo per il tragitto lavoro-casa), non mi
pare che i due mezzi si possano paragonare...

La metropolitana o il tram non ti porta esattamente da dove sei a dove
devi andare, esattamente all'ora che serve a te, comodamente seduto in
un divanetto tutto per te, e con un capiente bagagliaio riservato alle
cose che devi trasportare, facendo il tragitto più conveniente per
farti arrivare prima possibile.

La cosa che più s'avvicina al taxi è l'auto privata. Considerato
quanto costa comprare e mantenere un'auto, il tempo che perdi a cercare
parcheggio (specie in città), il tempo che puoi impiegare facendo
altro mentre il tassinaro guida, non è necessario che una corsa in
taxi scenda a 1 euro per essere competitiva.

Basterebbe poter traversare una città come Milano o Roma da un capo
all'altro con, diciamo, 4-5 euro.

A queste tariffe, il taxi potrebbe essere un mezzo usato abitualmente
dai comuni mortali (ad esempio per andare a prendere i figli a scuola o
per fare la spesa al centro commerciale fuori porta, cose scomode o
impossibili da fare in tram), da cui conseguirebbe probabilmente una
decisa diminuzione delle auto private in circolazione, con la
conseguenza che il taxista, a parità di ore lavorate, porta il doppio
dei clienti, e alla fine si mette in tasca gli stessi soldi di prima
pur avendo dimezzato le tariffe.

So solo che un po' ovunque all'estero -- e parlo di paesi tanto diversi
quanto la Svizzera dall'India -- il taxi ha tariffe ragionevoli
(relativamente al costo locale della vita) ed è comunemente utilizzato
da chiunque. Non capisco perché non potrebbe essere così anche qui.

--
Cingar
tornado
2006-07-04 10:15:20 UTC
Permalink
Post by Cingar
[...] mi piacerebbe
sapere quanti taxi debbano circolare per strada affinche il loro costo
diventi talmente concorrenziale da risultare piu' appetibile della
corsa in metropolitana, che ricordo costa 1 euro.
A parte il fatto che mica sempre una corsa in metropolitana costa 1
euro (io ne spendo quasi il triplo per il tragitto lavoro-casa), non mi
pare che i due mezzi si possano paragonare...
va bene, viste le proteste, ammetto di aver detto una minchiata riguardo a
questo punto.
Post by Cingar
Basterebbe poter traversare una città come Milano o Roma da un capo
all'altro con, diciamo, 4-5 euro.
ovvero si parla di stipendi che potenzialmente possono arrivare a 8-15
euro all'ora. lordi. nell'ora di punta. a milano o a roma.

sara', ma da dovunque guardi questa cosa continuo a vederci qualche cosa
di spiacevole...
--
Post by Cingar
+ pippe = - sahid
[Arturo Funke, it.politica 15-5-06]

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Cingar
2006-07-04 11:11:39 UTC
Permalink
Post by tornado
[...]
Post by Cingar
Basterebbe poter traversare una città come Milano o Roma da un capo
all'altro con, diciamo, 4-5 euro.
ovvero si parla di stipendi che potenzialmente possono arrivare a 8-15
euro all'ora. lordi. nell'ora di punta. a milano o a roma.
sara', ma da dovunque guardi questa cosa continuo a vederci qualche cosa
di spiacevole...
Non c'è mica solo l'ora di punta, eh.

Chi non ha vincoli stringenti di orario (come per esempio il tizio che,
nella mia ipotesi, va in taxi a fare la spesa al centro commerciale)
cercherà di risparmiare tempo e soldi scegliendo orari più
tranquilli: proprio quegli orari in cui, se ci fai caso, molti taxisti
si trastullano nei parcheggi perché a quell'ora, con le tariffe
attuali, di clienti non ne trovano.

In ogni caso, da che mondo è mondo i taxi si pagano a tempo! Quindi al
tassista poco importa se, nell'ora di punta, porta un cliente invece di
tre: i soldi che prende sono gli stessi. In compenso, in quell'ora
farà 1/3 dei kilometri, con conseguente risparmo sulle spese di
gestione del mezzo.

Come ripeto, le tariffe non dovrebbero abbassarsi tanto da paragonarsi
a quelle del tram, ma abbastanza da tenere i taxi costantemente pieni
nel corso della giornata lavorativa.

Facciamo un po' i conti della serva: io ho ipotizzato 5 euro per
attraversare una città come Milano, cioè per fare circa 10 km, il che
significa circa 50 centesimi a km. Mo', ipotizzando una velocità media
di 50 km/h: se un taxi scarrozza clienti per 8 ore al giorno fa un
ricavo di 200 euro al giorno, cioè 4-5mila euro al mese.

A me non pare uno stipendi così schifoso, anche detratte le spese.

Ovvio che se però da questa cifra devi far saltare fuori anche un
mutuo per pagarti una licenza da centinaia di migliaia di euro, allora
la cosa cambia.

Naturalmente, bisogna vedere se queste tariffe, pur così appetibili
rispetto alle attuali, possono garantire al tassista di avere
costantemente un cliente pagante a bordo per 8 ore al giorno. Può
darsi di sì e può darsi di no ma, spannometricamente, io sto anche
considerando il fatto che nell'Italia di oggi praticamente ogni persona
adulta ha un'automobile privata a disposizione, e che questo è un
costo non indifferente per le famiglie.

È utopico pensare che tutti questi automobilisti si convertano
magicamente ai mezzi pubblici, alle biciclette, ai motorini, o ai buoni
vecchi piedi, vuoi perché siamo tutti troppo viziati vuoi perché,
effettivamente, a volte la macchina ci vuole (chi va a fare la
megaspesa settimanale in tram? chi li porta tre figli a scuola in
bicicletta quando nevica?).

Ma, con un abbassamento considerevole delle tariffe, il taxi potrebbe
forse essere una valida alternativa, con conseguente allargamento del
mercato. Chi te lo fa fare di comprarti un'automobile quando, con una o
due decina di euro di taxi riesci persino a comprarti i mobili
dell'Ikea?

Non è detto che, fra l'altro, che i taxi debbano necessariamente
restare identici a oggi. Potrebbe esserci il taxi extra lusso per il
baüscia che deve andare al mìtingh con il geneòl mèneger (e quelli
magari costerebbero tanto quanto adesso o anche di più), ma ci può
pure essere il taxi furgoncino (magari collettivo) specializzato nei
brevi tragitti supermercato-casa all'interno di un quartiere o di un
piccolo comune.

--
Cingar
tornado
2006-07-04 12:21:36 UTC
Permalink
Post by Cingar
Mo', ipotizzando una velocità media
di 50 km/h
a milano?
Cingar
2006-07-04 13:43:29 UTC
Permalink
Post by tornado
Post by Cingar
Mo', ipotizzando una velocità media
di 50 km/h
a milano?
In una Milano con molte meno auto private in circolazione. Be', in
effetti è un po' tanto lo stesso, come media...

--
Cingar
Continua a leggere su narkive:
Loading...