Discussione:
La bufala-spread del referendum E il debito cresce
(troppo vecchio per rispondere)
Filippo Giustiniani
2018-05-16 08:03:42 UTC
Permalink
Raw Message
l'ultima emissione di btp italiani è andata tutta venduta con tassi
negativi. Ed allora, mi chiedo, se i tassi sono negativi che senso ha
parlare ancora di spread??? Lo spread poteva fare paura quando i nostri
titoli di Stato erano a tassi molto più alti rispetto a quelli
tedeschi, ora che non si pagano più interessi,perché negativi, è una
bufala immensa!!!!!

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
e
2018-05-16 14:22:30 UTC
Permalink
Raw Message
Il giorno mercoledì 16 maggio 2018 10:03:45 UTC+2, Filippo Giustiniani ha scritto:
> l'ultima emissione di btp italiani è andata tutta venduta con tassi
> negativi. Ed allora, mi chiedo, se i tassi sono negativi che senso ha
> parlare ancora di spread??? Lo spread poteva fare paura quando i nostri
> titoli di Stato erano a tassi molto più alti rispetto a quelli
> tedeschi, ora che non si pagano più interessi,perché negativi, è una
> bufala immensa!!!!!

Cottarelli ne sa qualcosina più di te, vero?

Ha appena detto che la stronzata del complotto internazionale del 2011 fu appunto una stronzata del piduista massone corruttore e ladro BERLUSCONI e che non stiamo giocando a Monopoli: la salita dello spread se arriva a 500 impedirà di rinnovare il Debito e quindi di avere i soldi per pagare stipendi e pensioni.

Salvini è un ignorante che gioca col fuoco, Dimaio non esiste.

e
Carlolmi
2018-05-16 16:52:50 UTC
Permalink
Raw Message
e <***@gmail.com> wrote:
> Il giorno mercoledì 16 maggio 2018 10:03:45 UTC+2, Filippo Giustiniani ha scritto:
>> l'ultima emissione di btp italiani è andata tutta venduta con tassi
>> negativi. Ed allora, mi chiedo, se i tassi sono negativi che senso ha
>> parlare ancora di spread??? Lo spread poteva fare paura quando i nostri
>> titoli di Stato erano a tassi molto più alti rispetto a quelli
>> tedeschi, ora che non si pagano più interessi,perché negativi, è una
>> bufala immensa!!!!!

No, non è una bufala "per sempre" e... sì, è una bufala adesso.
Alcuni lo leggono Weidman, ma lo pronunciano fine garanzia titoli
del debito pubblico da parte della BCE.


> Ha appena detto che la stronzata del complotto
> internazionale del 2011 fu appunto una stronzata del
> piduista massone corruttore e ladro BERLUSCONI e che non
> stiamo giocando a Monopoli: la salita dello spread se
> arriva a 500 impedirà di rinnovare il Debito e quindi di
> avere i soldi per pagare stipendi e pensioni.

Nel 2009/2011 ci fu una scelta politica attendista
da parte della BCE che non solo non intervenne, ma
appoggiò le scelte della commissione su caso grecia
rinunciando a garantire il debito greco.
Debito pubblico o privato?
Pubbblico, ma i problemi della grecia erano principalmente
di debito privato post crisi come gli altri PIIGS: tanti
soldi erano stati prestati prima del 2007 da banche (tedesche
e francesi in primis). E dopo la crisi il rischio di non rivedere
i soldi perchè il debitore era stato licenziato o aveva
fallito era concretissimo.

Ricapitolando, la bce non garantisce titoli del debito greco
e grecia ha problemi di bilancia pagamenti, non sarà mica
che anche altri stati hanno bilancia pagamenti in negativo?
Infatti il mercato vede che anche irlanda, spagna portogallo
e italia non sono messi bene come bilancia pagamenti.
E allora iniziano a speculare sui titoli di stato.

L'ammontare del debito pubblico però non c'entra nulla:
infatti irlanda spagna e portogallo avevano debito pubblico
molto basso.
Eppure il loro spread è "schizzato" prima del nostro.
Debito privato problematico e bilancia pagamenti in rosso
invece ci accomunavano.
(Nel caso italiano eravamo sul 115% del pil, quindi messi
molto meglio di adesso: la stessa BCE con Constancio in un
documento successivo ci spiega che non vi era alcun
problema di sostenibilità del debito italiano, con buona
pace dei soloni e dei giornalisti, quindi parlare di default
dell'italia del 2011... lasciamo perdere).

Piuttosto la bce poteva e doveva intervenire ben prima di quanto
ha fatto in quanto i problemi post crisi 2008 si sono scaricati
invitabilmente su chi aveva (troppo facilmente, grazie
all'eurodroga) avuto accesso al credito delle banche del nord.
E questo vale per tutti i PIIGS, tutti interessati dallo spread.

Nel caso italia in estate 2011 bce spedisce lettera (draghi
trichet) al "governo piduista" con lista dei "desiderata",
con buona pace della democrazia...
Al contempo la commissione aveva proposto modifiche restrittive
a "patto stabilità e crescita". E i mercati sapevano bene che
erano talmente stringenti da non poter essere recepite.

Cosa succede se un paese, anzi più paesi non possono
recepire le richieste di un organo di un unione monetaria?
I mercati lo sapevano bene e con la speculazione sui titoli
si mettevano al riparo da eventuale ritorno alle valute
nazionali. E lo spread prezzava proprio l'eventuale svalutazione
delle valute nazionali dei piigs ripsetto all'euro attuale
del 2010/2011/2012.

Lo spread si fermò grazie a Monti?
No, anche se ripriegò a fine 2011 poi riprese a salire
anche nel 2012, anche dopo che il decreto salva italia
era stato già varato.
Salì ancora fino a luglio 2012.
Perchè mai poi si arrestò?

Vedi alla voce Mario Draghi: "what ever it takes" (Luglio 2012).
tu non vuoi comprare titolo di stato italiano?
non c'è problema, me lo compro io BCE.
Tu mercato non puoi pretendere un tasso troppo alto
perchè comunque il titolo non va invenduto...
Insomma più o meno gira così adesso.
In sintesi finchè BCE garantisce i titoli di stato dei
paesi membri il pericolo spread non esiste.

Come dicevo sopra le politiche della BCE potrebbero
cambiare e allora sì che si potrebbe riparlare di
spread.
In ogni caso sarà bene che i nuovi insediati mettano in
atto le dovute misure di sicurezza per tempo da usare nel
caso i falchi tornino ad aggirarsi sulla bce.

La BCE non c'entra, abbiamo fatto le riforme!?

Riassunto dati 2011:

debito/pil = 116%
disoccupazione = 8%
crescita 2010/2011 = 2.2%
-------------------------
spread btp/bund 400/500 pb


Oggi dopo interventi monti e "austerità espansiva" a seguire:

debito/pil = 130% (+15 punti circa)
disoccupazione = 11% (con picco al 13 e passa subito dopo Monti)
crescita 2016/2017 = 1.5%
-------------------------
spread btp/bund 150 pb (-250/300 rispetto estate/autunno 2011)


Siamo messi peggio del 2011, ma lo spread è enormemente più basso.
Saluti ai complottisti prpagandaduisti.
Giovannino
2018-05-16 18:59:38 UTC
Permalink
Raw Message
Il giorno mercoledì 16 maggio 2018 10:03:45 UTC+2, Filippo Giustiniani ha scritto:
> l'ultima emissione di btp italiani è andata tutta venduta con tassi
> negativi. Ed allora, mi chiedo, se i tassi sono negativi che senso ha
> parlare ancora di spread??? Lo spread poteva fare paura quando i nostri
> titoli di Stato erano a tassi molto più alti rispetto a quelli
> tedeschi, ora che non si pagano più interessi,perché negativi, è una
> bufala immensa!

Più che altro la questione è che a tassi negativi lo stato CI GUADAGNA a indebitarsi, perchè anche senza i deliri grilloleghisti sul taglio dei 250 miliardi, dovrà restituire MENO soldi di quelli che chiede in prestito!
Loading...