Discussione:
Boicottare il Made in Cina per capirne la dipendenza bene Trump!
Aggiungi Risposta
Filippo Giustiniani
2018-07-12 12:54:03 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Questa storia dei dazi ai prodotti cinesi promossa dal Presidente Trump
ha la validita' di una vera e propia rivoluzione dei consumi del Made
in China , e' notizia di oggi che in Spagna e forse anche in Europa ,
oltre un centinaio di prodotti contro la ipertensione sono banditi
dalle farmacie...per contenere sostanze concerogene...e guarda caso
all'origine di questa provenienza sta la...China!!…

Speriamo quindi che questa storia dei dazi sui prodotti cinesi servano
anche a svalutarli come qualita' e spingano quindi a nuove produzioni
autoctone nei paesi occidentali…

Comunque per capirne la capillare invadenza nelle nostre quotidianita'
(vera e propria dipendenza) proviamo a boicottare il Made in China...e
si apriranno a noi tutti , nuovi orizzonti piu' salutari ed anche
economici…

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
e***@gmail.com
2018-07-12 13:11:01 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Strakuoto
Racing
2018-07-12 13:34:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Comunque per capirne la capillare invadenza nelle nostre quotidianita' (vera
e propria dipendenza) proviamo a boicottare il Made in China...e si apriranno
a noi tutti , nuovi orizzonti piu' salutari ed anche economici…
Non basta, perchè bisogna evitare di delocalizzare le nostre fabbriche
in quel paese, soprattutto quelle a contenuto tecnologico.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
vocifero
2018-07-12 13:37:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Racing
Post by Filippo Giustiniani
Comunque per capirne la capillare invadenza nelle nostre quotidianita'
(vera e propria dipendenza) proviamo a boicottare il Made in China...e
si apriranno a noi tutti , nuovi orizzonti piu' salutari ed anche
economici…
Non basta, perchè bisogna evitare di delocalizzare le nostre fabbriche
in quel paese, soprattutto quelle a contenuto tecnologico.
E per non far delocalizzare le imprese, l'unica mossa vincente
è la tassazione più bassa; o dimezzata o anche meno.
Flat-tax non si può dire ;-)
Er pataccaaa
2018-07-13 04:58:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Filippo Giustiniani
Comunque per capirne la capillare invadenza nelle nostre quotidianita'
(vera e propria dipendenza) proviamo a boicottare il Made in China...e
si apriranno a noi tutti , nuovi orizzonti piu' salutari ed anche
economici…
Secondo me il discorso non va apiattito. Imho del made in China han
beneficiato in passato tutti o quasi, chi più chi meno, salvo poi ciò
mostrare il costo postumo.
Se negli anni 60-70 una chitarra costava un mese di stipendio
(facciamo 1000 euro), oggi una di qualità equivalente made in China
magari ti costa 200. E se la stessa chitarra la produrresti in Italia,
tornerebbe magari a costarti 1000 euro, lo stipendio mensile.
Meglio ieri o meglio oggi? Se perdi lavoro in Italia,meglio ieri,
ma allora si avevano meno oggetti per casa. E la produzione mondiale
manifatturiera era minore.
Tornare a scenari simili tramite un modello 'decrescita felice'?
In realtà secondo me, quello che poco si dice è che quella chitarra,
se made in Italy potrebbe costare *oggi* 400 euro invece dei 1000, se si
tagliasse non tanto sul costo del lavoro ,quanto sui vertici.
E' mai possibile che negli anni '80 un manager 'analogo' a Marchionne
poteva guadagnare diciamo 80 volte un operaio mentre oggi 6400 volte?
Seimilaquatrocento volte!
E Cristiano Ronaldo alla Juventus;...dicono che il suo ingaggio sia
equivalente a un aumento di 200 euro oa testa per i lavoratori
Fiat-Chrysler in Italia!
Mi si dirà che è il *sistema*, che i soldi di Cristiano Ronaldo sono
meritati perché fa vendere magliette,ecc., mentre ai tempi di Riva non
c'erano simili diritti Tv,ecc. e la bravura non era così compensata.

Beh allora è il sistema che va ripensato! Magari niente comunismo ma
nemmeno eccessivo liberismo. Redistribuzione ma fatta intelligente.
Invece 'incensano' Steve Jobs che faceva fare telefoni in Cina(Foxconn)
a un costo irrisorio rispetto a quanto erano venduti in Occidente.
Ovviamente tutto il guadagno se lo tenevano Apple, dirigenti, ecc.,
mente i lavoratori cinesi in Foxconn talvolta si suicidavano viste le
situazione.

https://en.wikipedia.org/wiki/Foxconn#Suicides

Imho Una via giusta sarebbe stata pi soldi per lavoratori americani in
Apple( quello che i libri di economia chiamano ahimè 'costo del lavoro')
e un po' meno rendite di chi campa sul lavoro di altri in Apple a salire
la filiera fino ad arrivare ad azionisti e Jobs 'vari'.
Trump forse l'ha capito. Di Maio/Salvini chissà, vedremo :)
ilchierico
2018-07-13 14:08:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er pataccaaa
Invece 'incensano' Steve Jobs che faceva fare telefoni in Cina(Foxconn)
a un costo irrisorio rispetto a quanto erano venduti in Occidente.
Ovviamente tutto il guadagno se lo tenevano Apple, dirigenti, ecc.,
mente i lavoratori cinesi in Foxconn talvolta si suicidavano viste le
situazione.
https://en.wikipedia.org/wiki/Foxconn#Suicides
Imho Una via giusta sarebbe stata pi soldi per lavoratori americani in
Apple( quello che i libri di economia chiamano ahimè 'costo del lavoro')
e un po' meno rendite di chi campa sul lavoro di altri in Apple a salire
la filiera fino ad arrivare ad azionisti e Jobs 'vari'.
Trump forse l'ha capito. Di Maio/Salvini chissà, vedremo :)
Certo, ma anche progettare un i-phone da zero ha un costo, sai?
Er pataccaaa
2018-07-13 14:24:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by ilchierico
Certo, ma anche progettare un i-phone da zero ha un costo, sai?
Certo. Ma il mantra recentemente è stato:
R&D in Occidente, produzione in Cina.
Quasi sempre quando vedo qualche apparecchiatura elettronica con la
serigrafia "made in Italy"... è roba vintage.
Al di là del settor peculiare, leggere "designed in Italy" è
sconfortante. Sull'outsourcing delle factory ci sarebbe da dire
ma è un discorso troppo ampio
Racing
2018-07-14 10:13:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er pataccaaa
Post by ilchierico
Certo, ma anche progettare un i-phone da zero ha un costo, sai?
R&D in Occidente, produzione in Cina.
Quasi sempre quando vedo qualche apparecchiatura elettronica con la
serigrafia "made in Italy"... è roba vintage.
Al di là del settor peculiare, leggere "designed in Italy" è sconfortante.
Sull'outsourcing delle factory ci sarebbe da dire
ma è un discorso troppo ampio
Hai toccato un tasto che pochi si rendono conto che esiste.
Delocalizzare in Cina ha dato la possibilità, a questo Paese di
crescere a dismisura, ma la Cina non è il Giappone che, a suo tempo, ha
copiato i prodotti industriali occidentali.
La Cina è un concorrente parecchio "sleale", perchè sotto una economia
liberale c'è un potere dirigista micidiale, che è tutto politico, che
controlla la popolazione tramite social, la stampa, controlla quello
che compra, quello che scrive, e che spia con milioni di telecamere. E
che non difende i lavoratori che vengono sfruttati anche fino alla
morte, anche bambini. Tanto non c'è sindacato, non ci sono diritti, e i
costi delle merci sono più bassi, spesso scadenti e pericolosi.
Trump l'ha capito, ma Dimiao e Salvini, non sono persone che vedono
oltre il loro naso, pensano a vivacchiare facendo propaganda permanente
con tanti palloncini, in piazza a festeggiare la svolta epocale: 30
milioni da sottrarre ai vecchi parlamentari sui vitalizi.
Meditate, gente, meditate.
ilchierico
2018-07-14 14:25:47 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er pataccaaa
Post by ilchierico
Certo, ma anche progettare un i-phone da zero ha un costo, sai?
R&D in Occidente, produzione in Cina.
Io non ho i prossimi cinquanta anni liberi per aspettare la prossima
guerra o l'ascesa del sindacato dei lavoratori liberi cinesi.

Compermesso, ho sentito dei rumori in canonica (cit.)
Er pataccaaa
2018-07-14 14:32:09 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by ilchierico
Post by Er pataccaaa
Post by ilchierico
Certo, ma anche progettare un i-phone da zero ha un costo, sai?
R&D in Occidente, produzione in Cina.
Io non ho i prossimi cinquanta anni liberi per aspettare la prossima
guerra o l'ascesa del sindacato dei lavoratori liberi cinesi.
Eh lo so, la coperta è sempre corta, fai del bene agli uni
e non agl'altri
ilchierico
2018-07-14 16:15:51 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Er pataccaaa
Post by ilchierico
Io non ho i prossimi cinquanta anni liberi per aspettare la prossima
guerra o l'ascesa del sindacato dei lavoratori liberi cinesi.
Eh lo so, la coperta è sempre corta, fai del bene agli uni
e non agl'altri
Mentre trovi una soluzione espressa, io mi posso solo rimettere a
studiare l'elisir di lunga vita. Ma che cazz me ne faccio di tre
diciottenni nude e due Lamborghini decappottabili a trecentosei anni di
eta'? :-P
Racing
2018-07-14 17:20:51 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Mentre trovi una soluzione espressa, io mi posso solo rimettere a studiare
l'elisir di lunga vita. Ma che cazz me ne faccio di tre diciottenni nude e
due Lamborghini decappottabili a trecentosei anni di eta'? :-P
Verissimo, così non ha senso. Meglio le tre 18enni adesso e senza
elisir.

Luigino Ferrari
2018-07-13 14:16:53 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
On Fri, 13 Jul 2018 06:58:20 +0200, Er pataccaaa
Post by Er pataccaaa
Post by Filippo Giustiniani
Comunque per capirne la capillare invadenza nelle nostre quotidianita'
(vera e propria dipendenza) proviamo a boicottare il Made in China...e
si apriranno a noi tutti , nuovi orizzonti piu' salutari ed anche
economici…
Secondo me il discorso non va apiattito. Imho del made in China han
beneficiato in passato tutti o quasi, chi più chi meno, salvo poi ciò
mostrare il costo postumo.
Se negli anni 60-70 una chitarra costava un mese di stipendio
(facciamo 1000 euro), oggi una di qualità equivalente made in China
magari ti costa 200. E se la stessa chitarra la produrresti in Italia,
tornerebbe magari a costarti 1000 euro, lo stipendio mensile.
Meglio ieri o meglio oggi? Se perdi lavoro in Italia,meglio ieri,
ma allora si avevano meno oggetti per casa. E la produzione mondiale
manifatturiera era minore.
Tornare a scenari simili tramite un modello 'decrescita felice'?
In realtà secondo me, quello che poco si dice è che quella chitarra,
se made in Italy potrebbe costare *oggi* 400 euro invece dei 1000, se si
tagliasse non tanto sul costo del lavoro ,quanto sui vertici.
E' mai possibile che negli anni '80 un manager 'analogo' a Marchionne
poteva guadagnare diciamo 80 volte un operaio mentre oggi 6400 volte?
Seimilaquatrocento volte!
E Cristiano Ronaldo alla Juventus;...dicono che il suo ingaggio sia
equivalente a un aumento di 200 euro oa testa per i lavoratori
Fiat-Chrysler in Italia!
Mi si dirà che è il *sistema*, che i soldi di Cristiano Ronaldo sono
meritati perché fa vendere magliette,ecc., mentre ai tempi di Riva non
c'erano simili diritti Tv,ecc. e la bravura non era così compensata.
Beh allora è il sistema che va ripensato! Magari niente comunismo ma
nemmeno eccessivo liberismo. Redistribuzione ma fatta intelligente.
Invece 'incensano' Steve Jobs che faceva fare telefoni in Cina(Foxconn)
a un costo irrisorio rispetto a quanto erano venduti in Occidente.
Ovviamente tutto il guadagno se lo tenevano Apple, dirigenti, ecc.,
mente i lavoratori cinesi in Foxconn talvolta si suicidavano viste le
situazione.
Realista disamina, resta comunque una situazione complicata, che prima
di uscirne, temo si possa in tanti, finire a rotoli.
Post by Er pataccaaa
https://en.wikipedia.org/wiki/Foxconn#Suicides
Imho Una via giusta sarebbe stata pi soldi per lavoratori americani in
Apple( quello che i libri di economia chiamano ahimè 'costo del lavoro')
e un po' meno rendite di chi campa sul lavoro di altri in Apple a salire
la filiera fino ad arrivare ad azionisti e Jobs 'vari'.
Trump forse l'ha capito. Di Maio/Salvini chissà, vedremo :)
Loading...